Battaglia di Chattanooga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 35°01′48″N 85°15′25″W / 35.03°N 85.256944°W35.03; -85.256944

Battaglia di Chattanooga
Battle of Chattanooga III.png
Battaglia di Chattanooga
Data 18 - 25 novembre 1863
Luogo Chattanooga
Esito vittoria unionista
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
10.000 uomini (Battaglia di Lookout Mountain)

56.359 uomini (Battaglia di Missionary Ridge)
8.726 uomini (Battaglia di Lookout Mountain)

44.010 uomini (Battaglia di Missionary Ridge)
Perdite
408 totali (Battaglia di Lookout Mountain)

5.824 (753 morti, 4.722 feriti, 349 dispersi) (Battaglia di Missionary Ridge)
1.251 totali, di cui 1.064 dispersi/catturati (Battaglia di Lookout Mountain)

6.667 (361 morti, 2.160 feriti, 4.146 dispersi/catturati) (Battaglia di Missionary Ridge)
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La terza battaglia di Chattanooga (più comunemente conosciuta come La battaglia di Chattanooga), che include la battaglia di Lookout Mountain e la battaglia di Missionary Ridge, fu combattuta dal 23 al 25 novembre 1863, nel quadro del Teatro Occidentale della guerra civile americana. Con la sconfitta dell'esercito confederato condotto dal generale Braxton Bragg, il maggior generale Ulysses S. Grant, comandante delle forze dell'Unione, eliminò l'ultima roccaforte confederata nel Tennessee e aprì la porta all'invasione del profondo Sud che avrebbe condotto alla campagna di Atlanta del 1864.

Preludio alla battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la loro disastrosa sconfitta nella battaglia di Chickamauga, i 40.000 uomini dell'Unione dell'Armata del Cumberland, sotto il comando del maggior generale William Starke Rosecrans, si ritirarono a Chattanooga nel Tennessee.

Il generale confederato Braxton Bragg, al comando dell'Armata confederata del Tennessee, assediò la città minacciando di far morire di fame le forze dell'Unione se non si fossero arrese. Bragg non attaccò la città nella speranza di una resa degli uomini assediati, ma questo diede il tempo ai soldati dell'Unione di predisporre al meglio le difese.

Gli uomini di Bragg si disposero lungo la catena montuosa del Missionary Ridge e del Lookout Mountain potendo, da quella posizione, controllare la città assediata, il fiume e le linee di rifornimento dell'Unione. Le truppe Confederate attaccavano tutti i convogli di rifornimento che fossero diretti verso Chattanooga; questo costrinse i comandanti dell'Unione a trovare un altro mezzo per rifornire di cibo i loro soldati.

Il Governo dell'Unione, allarmato per una potenziale sconfitta, inviò dei rifornimenti agli assediati. Il 17 ottobre, il maggior generale Ulysses S. Grant, ricevette il comando delle armate dell'Ovest, comunemente note come Divisione militare del Mississippi; egli si diresse in soccorso degli uomini a Chattanooga e sostituì Rosecrans con il maggior generale George H. Thomas. Escogitando un piano noto come Cracker Line, il capo dei genieri di Grant, William F. "Baldy" Smith, dispose una serie di imbarcazioni lungo il fiume Tennessee che formarono una specie di ponte anfibio, consentendo all'esercito di Thomas di riunirsi a quello di Cumberland, rinforzandolo di 20.000 uomini comandati dal maggior generale Joseph Hooker, permettendo in questo modo di far affluire a Chattanooga i rifornimenti aumentando enormemente le possibilità di difesa degli uomini di Grant. Come risposta, Bragg ordinò al generale James Longstreet di spingere i Federali fuori dalla Lookout Valley. Insieme alla battaglia di Wauhatchie (28 - 29 ottobre 1863), fu una delle poche battaglie combattute esclusivamente di notte. I Confederati furono respinti e la Cracker Line resistette agli attacchi.

Bragg indebolì le sue forze inviando il Corpo d'armata di Longstreet contro il maggior generale Ambrose Burnside vicino a Knoxville. Quando il maggior generale William T. Sherman arrivò a metà novembre con le sue 4 divisioni (circa 20.000 uomini), Grant iniziò le operazioni offensive.

23 novembre[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 novembre, le forze dell'Unione al comando di Thomas, avanzarono verso est, creando una linea di difesa da Orchard Knob e Indian Hill a Bushy Knob, includendo Bald Knob (il luogo dove attualmente sorge il cimitero nazionale militare di Chattanooga}, fermandosi a metà costa della Missionary Ridge. L'avanzata fu fatta in piena luce del giorno ed incontrò una scarsa resistenza confederata. Bragg spostò, da Lookout Mountain, la divisione di Walker, sotto il comando del Generale di brigata States Rights Gist, per rinforzare il suo fianco destro.

24 novembre: la battaglia di Lookout Mountain[modifica | modifica wikitesto]

I movimenti degli eserciti nella battaglia di Chattanooga

Il piano di battaglia di Grant per il 24 novembre prevedeva un attacco a due punte (Hooker doveva aggirare i confederati a sinistra e Sherman a destra). Le tre divisioni di Hooker avanzarono all'alba a Lookout Mountain, e scoprirono che il passaggio tra la montagna e il fiume non era stato protetto; il suo esercito si infilò nella destra dell'esercito confederato attraverso questa apertura. L'assalto si concluse verso le 3 del pomeriggio, quando iniziarono a scarseggiare le munizioni e la nebbia avvolse la montagna. Questa azione fu chiamata battaglia sopra le nuvole, a causa della nebbia. Bragg ritirò le sue forze verso sud, alla fine della montagna, creando una linea di difesa dietro il fiume Chattanooga Creek, distruggendo tutti i ponti dietro di lui.

Sherman attraversò il fiume Tennessee con successo; quindi avanzò verso quella che credeva fosse la parte estrema nord del Missionary Ridge ma che, in effetti, era un piccolo innalzamento conosciuto con il nome di Billy Goat Hill; la divisione di Patrick Cleburne si precipitò a rinforzare il fianco destro confederato a Tunnel Hill all'estremo nord del fiume. Non ci furono ulteriori attacchi, su quel lato, nelle successive 24 ore.

25 novembre: la battaglia di Missionary Ridge[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 novembre Grant cambiò i suoi piani a causa dello sviluppo che avevano avuto le avanzate di Hooker e Sherman. Thomas doveva avanzare dopo che Sherman aveva aggirato la Missionary Ridge a nord. La catena dei monti era una formidabile postazione difensiva e Grant sapeva che un assalto frontale sarebbe stato un autentico suicidio, a meno che fosse stato supportato dall'attacco ai fianchi condotto da Sherman e Hooker. Ma le operazioni belliche della mattinata non furono esaltanti: Sherman non era in grado di spezzare la linea difensiva di Cleburne e l'avanzata di Hooker era rallentata per la mancanza di ponti sul fiume Chattanooga Creek. Alle 3.30 del pomeriggio Grant fu allarmato dal fatto che Bragg stesse rinforzando il suo fianco destro a spese di Sherman; perciò ordinò a Thomas di avanzare e di cercare di conquistare la prima delle tre linee di difesa confederate davanti a lui. I soldati dell'Unione avanzarono e conquistarono la prima linea, ma furono sottoposti ad un fuoco difensivo da parte delle altre due linee confederate disposte sopra la cresta. La maggior parte di queste unità avevano combattuto nella disastrosa sconfitta di Chickamauga e avevano dovuto subite l'umiliazione di essere salvati dall'arrivo in soccorso degli uomini di Sherman e Burnside. Ora erano di nuovo sotto il fuoco proveniente da tutte le parti, senza un preciso piano per avanzare né per ritirarsi. Senza ordini, i soldati dell'Unione continuarono l'attacco contro le due rimanenti linee difensive confederate; avanzarono carponi lungo il versante ripido della cresta fino a quando riuscirono a travolgere e conquistare le linee difensive nemiche. Bragg aveva commesso l'errore di posizionare la sua artiglieria e le trincee della fanteria lungo la cresta del Missionary Ridge e non lungo la cresta militare, e questo causò l'inefficacia di un'azione difensiva. Tuttavia la scalata del Missionary Ridge da parte dell'esercito di Cumberland fu uno dei più drammatici eventi della guerra.

Grant, inizialmente, fu furioso che i suoi ordini non fossero stati eseguiti correttamente. Anche Thomas era stato preso di sorpresa, ben sapendo che la sua testa sarebbe saltata se l'assalto fosse fallito. Ma questo non avvenne. Alle 4.30 del pomeriggio la linea centrale difensiva di Bragg venne travolta, costringendolo ad abbandonare Missionary Ridge e a ritirarsi lungo il fiume Chickamauga (conosciuto anche come South Chickamauga Creek).

Conseguenze della battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Durante la notte Bragg ordinò al suo esercito di ritirarsi verso Chickamauga Station e, nei giorni seguenti, continuò la ritirata verso Dalton, in Georgia, in due colonne che seguirono due differenti vie. Durante la ritirata ci furono piccoli scontri a Chickamauga Station, Shepherd's Run, Cat Creek e a Graysville in Georgia. Ironicamente il giorno 26 novembre fu, in maniera non intenzionale, il primo ufficiale Giorno del Ringraziamento americano.

L'inseguimento ordinato da Grant si concluse con la battaglia di Ringgold Gap. Le perdite per l'esercito dell'Unione furono di 5.824 uomini (753 morti, 4.722 catturati e 349 dispersi) su circa 56.000 che presero parte alla battaglia; per i Confederati furono 6.667 uomini (361 morti, 2.160 catturati e 4.146 dispersi, in massima parte prigionieri) dei 46.000 che componevano l'armata difensiva.

Uno dei due maggiori eserciti confederati era in rotta; l'Unione non aveva perso Chattanooga, che divenne la base logistica e di rifornimento per la Campagna di Atlanta di Sherman nel 1864. Grant aveva vinto la sua battaglia finale nell'Ovest, prima di ricevere il comando di tutti gli eserciti dell'Unione nel marzo del 1864.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Catton, Bruce. Grant Takes Command. Boston: Little, Brown & Co., 1968. ISBN 0-316-13210-1.
  • Cleaves, Freeman. Rock of Chickamauga: The Life of General George H. Thomas. Norman: University of Oklahoma Press, 1948. ISBN 0-8061-1978-0.
  • Connelly, Thomas L. Autumn of Glory: The Army of Tennessee 1862–1865. Baton Rouge: Louisiana State University Press, 1971. ISBN 0-8071-2738-8.
  • Cozzens, Peter. The Shipwreck of Their Hopes: The Battles for Chattanooga. Urbana: University of Illinois Press, 1994. ISBN 0-252-01922-9.
  • Eicher, David J. The Longest Night: A Military History of the Civil War. New York: Simon & Schuster, 2001. ISBN 0-684-84944-5.
  • Esposito, Vincent J. West Point Atlas of American Wars. New York: Frederick A. Praeger, 1959. OCLC 5890637. The collection of maps (without explanatory text) is available online at the West Point website.
  • Hallock, Judith Lee. Braxton Bragg and Confederate Defeat. Vol. 2. Tuscaloosa: University of Alabama Press, 1991. ISBN 0-8173-0543-2.
  • Hattaway, Herman, and Archer Jones. How the North Won: A Military History of the Civil War. Urbana: University of Illinois Press, 1983. ISBN 0-252-00918-5.
  • Kagan, Neil, and Stephen G. Hyslop. National Geographic Atlas of the Civil War: A Comprehensive Guide to the Tactics and Terrain of Battle. National Geographic, 2008. ISBN 978-1-4262-0347-3.
  • Kennedy, Frances H., ed. The Civil War Battlefield Guide. 2nd ed. Boston: Houghton Mifflin Co., 1998. ISBN 0-395-74012-6.
  • Korn, Jerry, and the Editors of Time-Life Books. The Fight for Chattanooga: Chickamauga to Missionary Ridge. Alexandria, VA: Time-Life Books, 1985. ISBN 0-8094-4816-5.
  • Lamers, William M. The Edge of Glory: A Biography of General William S. Rosecrans, U.S.A. Baton Rouge: Louisiana State University Press, 1961. ISBN 0-8071-2396-X.
  • Liddell Hart, B. H. Sherman: Soldier, Realist, American. New York: Da Capo Press, 1993. ISBN 0-306-80507-3. First published in 1929 by Dodd, Mead & Co.
  • Livermore, Thomas L. Numbers and Losses in the Civil War in America 1861-65. Reprinted with errata, Dayton, OH: Morninside House, 1986. ISBN 0-527-57600-X. First published in 1901 by Houghton Mifflin.
  • McDonough, James Lee. Chattanooga—A Death Grip on the Confederacy. Knoxville: University of Tennessee Press, 1984. ISBN 0-87049-425-2.
  • Woodworth, Steven E. Nothing but Victory: The Army of the Tennessee, 1861–1865. New York: Alfred A. Knopf, 2005. ISBN 0-375-41218-2.
  • Woodworth, Steven E. Six Armies in Tennessee: The Chickamauga and Chattanooga Campaigns. Lincoln: University of Nebraska Press, 1998. ISBN 0-8032-9813-7.
  • Woodworth, Steven E. and Charles D. Grear, eds. The Chattanooga Campaign (Southern Illinois University Press; 2012) 226 pages; essays by scholars
  • Johnson, Robert Underwood, and Clarence C. Buel, eds. Battles and Leaders of the Civil War. 4 vols. New York: Century Co., 1884-1888. OCLC 2048818.
  • U.S. War Department, The War of the Rebellion: a Compilation of the Official Records of the Union and Confederate Armies. Washington, DC: U.S. Government Printing Office, 1880–1901.
  • Horn, Stanley F. The Army of Tennessee: A Military History. Indianapolis: Bobbs-Merrill, 1941. OCLC 2153322.
  • Sword, Wiley. Mountains Touched with Fire: Chattanooga Besieged, 1863. New York: St. Martin's Press, 1995. ISBN 0-312-15593-X.
  • Watkins, Sam. Co. Aytch Maury Grays, First Tennessee Regiment or, A Side Show of the Big Show. Cumberland Presbyterian Publishing House, 1882. OCLC 43511251.
  • Woodworth, Steven E. Jefferson Davis and His Generals: The Failure of Confederate Command in the West. Lawrence: University Press of Kansas, 1990. ISBN 0-7006-0461-8.
  • Woodworth, Steven E. This Grand Spectacle: The Battle of Chattanooga. Abilene, TX: McWhiney Foundation, 1999. ISBN 978-0-585-35007-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]