Pontone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pontone del vaporetto a Venezia
La gru "Ursus" montata su pontone a Trieste.

Il pontone è un tipo di galleggiante, generalmente di forma parallelepipeda, usato come piattaforma galleggiante per il trasporto di merci di qualsiasi tipo o per eseguire lavorazioni sopra e sotto il livello libero del liquido in cui galleggia.

Esso è di norma rimorchiato, ma può essere anche autopropulso; può essere semisommergibile e comunque inclinabile fino ai limiti di possibilità di uso in sicurezza dei mezzi di sollevamento, mobili o fissi, di cui è dotato o dei limiti stabiliti dai registri di classificazione.

Allestimenti particolari di questo tipo di natante permettono la posa in opera di tubi e cavi sottomarini di qualsiasi genere, il montaggio di piattaforme in mare aperto di qualsiasi tipo e dimensione (ad esempio come bacino galleggiante) e l'uso dello stesso come piattaforma galleggiante di appoggio per lavori subacquei.

A Venezia il pontone è una piattaforma coperta, galleggiante ed ancorata alla riva dove attraccano i vaporetti, mezzi di trasporto pubblico lagunari, meglio noto come pontile, localmente inbarcadèro.

Particolarità[modifica | modifica sorgente]

Nella Nubia (Sudan del Nord) si utilizzano chiatte diesel per passare da una riva all'altra del fiume (che da Khartoum in poi è uno solo, giacché le acque del Nilo Azzurro e del Nilo Bianco si uniscono nella capitale sudanese). Vengono chiamate Pon-ton e sono manovrate con un singolare sistema: il macchinista determina il numero di giri del motore (dunque la velocità) e il "capitano" (su una struttura sopraelevata) comunica la rotta con un codice fatto di colpi di metallo dati con un arnese sulla struttura di ferro in modo che il macchinista possa gestire anche la direzione.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]