Joseph Wheeler

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joseph Wheeler
Joseph wheeler illustration.3.jpg
10 settembre 1836 - 25 gennaio 1906
Soprannome Fightin' Joe
Nato a Augusta, Georgia
Morto a New York
Dati militari
Paese servito Stati Uniti Stati Uniti
bandiera Stati Confederati d'America
Forza armata United States Army, Confederate States Army
Anni di servizio Stati Uniti d'America: 1859-1861 e 1898-1900
Stati Confederati d'America: 1861-1865
Grado Tenente generale
Comandanti Braxton Bragg
Patrick Cleburne
Joseph E. Johnston
Guerre Guerra di secessione americana
Guerra ispano-americana
Campagne
Battaglie
Comandante di 19th Regiment Alabama Infantry
Altro lavoro politico

The Harper Encyclopedia of Military Biography[1]

voci di militari presenti su Wikipedia

Joseph Wheeler (Augusta, 10 settembre 1836New York, 25 gennaio 1906) è stato un generale statunitense. Noto per essere stato maggiore generale nell'Esercito confederato e, successivamente nell'US Army.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato ad Augusta, in Georgia, si diplomò a West Point nel 1859 e fu assegnato ai Dragoni a cavallo.

Trascorse due anni combattendo i nativi americani, poi diede le dimissioni dall'Esercito degli Stati Uniti per prendere servizio nella Confederazione.

Combatté con il 19º Fanteria dell'Alabama fino alla battaglia di Shiloh, poi gli fu assegnato il comando della cavalleria dell'Armata del Mississippi nel luglio 1862.

Promosso brigadier generale il 30 ottobre 1862, poi maggior generale il 20 gennaio 1863.

Partecipò alle battaglie di Stone's River, Chickamauga, Chickamauga ed all'assedio di Knoxville. Guidò alcune delle poche truppe confederate opposte alla Marcia al mare di Sherman e fu catturato nei pressi di Atlanta dopo la resa del generale Joseph E. Johnston.

Dopo la fine della guerra Wheeler diventò piantatore di cotone a Wheeler (Alabama), località che prese il suo nome. Entrò in politica e fu eletto alla Camera dei Rappresentanti (1885-1900).

Il presidente William McKinley lo nominò, durante la guerra ispano-americana, maggior generale dei Rough Riders, il reggimento di volontari guidati prima di Leonard Wood e poi da Theodore Roosevelt: l'azione di McKinley fu vista come un segnale del miglioramento delle relazioni fra l'Unione e gli ex Confederati.

Dopo aver comandato le truppe in guerra Wheeler, fu nominato brigadier generale nell'esercito regolare il 10 settembre 1900 e andò in pensione al compimento dei 64 anni.

Si trasferì a Brooklyn, New York, dove morì il 25 gennaio 1906.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Trevor Nevitt Dupuy, Curt Johnson e David L. Bongard, The Harper Encyclopedia of Military Biography, Castle Book, 1995, pp. 793-794, ISBN 0-7858-0437-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 10223093 LCCN: nr88000299