Battaglia di Champion Hill

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Battaglia di Champion Hill
La battaglia di Champion Hill in un disegno dell’epoca
La battaglia di Champion Hill in un disegno dell’epoca
Data 16 maggio 1863
Luogo Contea di Hinds, Mississippi
Esito Vittoria dell’Unione
Schieramenti
Comandanti
Effettivi
32.000[1] 22.000[2]
Perdite
410 morti
1.844 feriti
187 dispersi[3]
381 morti
1.018 feriti
2.441 prigionieri e dispersi[4]
Voci di battaglie presenti su Wikipedia

La battaglia di Champion Hill (detta anche battaglia di Bakers Creek ) è stata un episodio della guerra di secessione americana combattuto nel maggio 1863 a seguito della quale l’Armata del Tennessee del generale Grant sconfisse il generale Pemberton venti miglia ad est di Vicksburg (Mississippi) in uno scontro decisivo per la conquista della città.

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

A seguito dell’occupazione di Jackson (Mississippi) il 14 maggio 1863, il generale Joseph Eggleston Johnston (comandante delle forze confederate nel Mississippi) decise di ritirarsi con la gran parte del proprio esercito ma incaricò Pemberton di lasciare Edwards Station e di attaccare i federali con tre divisioni (circa 23.000 uomini) a Clinton.

Pemberton temeva che il piano di Johnston fosse eccessivamente rischioso e decise di attaccare le linee ferroviarie nordiste che fornivano rifornimenti da Gran Gulf a Raymond. Il 16 maggio Johnston reiterò i propri ordini ma Pemberton si trovò a dover affrontare i nordisti nei presi di Champion Hill.

La battaglia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una serie di scontri che durarono tutta la mattinata i confederati riuscirono a respingere i nordisti ma, non avendo sufficienti uomini a disposizione, subirono il contrattacco di Grant. I sudisti furono costretti a ritirarsi su una posizione difensiva a Big Black River.

Conseguenze[modifica | modifica wikitesto]

Grazie alla vittoria a Champion Hill Grant aveva ormai via libera per raggiungere il proprio obiettivo strategico, ovvero la presa di Vicksburg che si trovava ormai a poche decine di miglia di distanza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kennedy, pp. 167-70
  2. ^ Kennedy, pp. 167-70
  3. ^ Kennedy, pp. 167-70
  4. ^ Kennedy, pp. 167-70

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Grant, Ulysses S. Personal Memoirs of U. S. Grant. 2 vols. Charles L. Webster & Company, 1885–86. ISBN 0-914427-67-9.
  • Kennedy, Frances H., ed. The Civil War Battlefield Guide. 2nd ed. Boston: Houghton Mifflin Co., 1998. ISBN 0-395-74012-6.
  • Ballard, Michael B. Vicksburg, The Campaign that Opened the Mississippi. Chapel Hill: University of North Carolina Press, 2004. ISBN 0-8078-2893-9.
  • Bearss, Edwin C. The Campaign for Vicksburg. Vol. 2, Grant Strikes a Fatal Blow. Dayton, OH: Morningside House, 1986. ISBN 0-89029-313-9.
  • Smith, Timothy B. Champion Hill: Decisive Battle for Vicksburg. El Dorado Hills, CA: Savas Beatie, 2004. ISBN 1-932714-00-6.
  • Winschel, Terrence J. Triumph & Defeat: The Vicksburg Campaign. Campbell, CA: Savas Publishing Company, 1999. ISBN 1-882810-31-7.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]