Genio militare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Geniere" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Geniere (disambigua).

Il genio militare è una delle specialità dell'esercito fin dai tempi antichi, il cui compito è della realizzazione di infrastrutture ed opere di supporto all'attività di combattimento. È il corrispettivo militare del genio civile.

I denti di drago presso lo Sbarramento Pian dei Morti (Vallo Alpino), in Italia, realizzato durante il periodo fascista

Storia[modifica | modifica sorgente]

Epoca romana[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Antica Roma e Genio militare (storia romana).
Ricostruzione grafica delle fortificazioni realizzate dal gruppo dei genieri di Cesare durante l'assedio di Alesia (52 a.C.).

Il genio militare in età romana, fu un corpo militare (formato da ingegneri, architetti, geometri dell'epoca) nell'ambito dell'esercito romano la cui funzione fu una delle più importanti e che maggiormente si sviluppò nel corso dei secoli (dalla Repubblica all'Impero). Il suo compito principale era quello di fornire un adeguato supporto tecnico alle unità combattenti negli spostamenti (con la costruzione dell'accampamento di marcia, di ponti militari, strade, ecc.), nelle operazioni d'assedio di città nemiche (con la realizzazione di macchine d'assedio, rampe e terrapieni, cordoni di mura intorno alle città assediate, ecc.), nella realizzazione di opere a protezione dei confini provinciali (es. vallo di Adriano, limes germanico-retico, castra stativa, ecc.), fino alla costruzione di opere civili in tempo di pace (come le mura a protezione di importanti colonie in nodi strategici "chiave", ad esempio Ulpia Traiana Sarmizegetusa o Aosta; acquedotti, anfiteatri, ponti in muratura, ecc.).

Fin dall'antichità gli ingegneri militari erano responsabili degli assedi e della costruzione di fortificazioni, di campi e strade. I più famosi ingegneri dell'antichità erano i Romani, che oltre alla costruzione di macchine da assedio (catapulte, arieti, torri da assedio, ecc.) avevano anche il compito di costruire accampamenti fortificati da marcia (castra aestiva) e permanenti (castra hiberna) oltre a strade, ponti (come ad esempio il ponte di Cesare sul Reno o quello di Traiano sul Danubio) per permettere migliori movimenti alle loro legioni. Alcune di queste strade sono ancora in uso duemila anni dopo.

L'esercito romano prendeva, inoltre, parte a progetti di costruzione per uso civile. Ciò capitava soprattutto in periodi di pace, quando i soldati, non erano pertanto impegnati in campagne militari. Il loro utilizzo si rendeva necessario per ovviare ad un loro ingente costo che ne sarebbe derivato da un loro mancato utilizzo. Il coinvolgimento dei soldati nella costruzione di opere pubbliche, aveva anche la funzione di tenerli ben addestrati al duro lavoro fisico, oltre a tenerli occupati, evitando così potessero covare un qualche sentimento di ammutinamento nei confronti del potere centrale, nel caso fossero risultati inattivi.

Epoca medioevale[modifica | modifica sorgente]

Epoca moderna[modifica | modifica sorgente]

Epoca contemporanea[modifica | modifica sorgente]

bulldozer corazzato dell'Esercito Italiano durante la parata del 2 giugno a Roma.

Compiti del genio in epoca contemporanea[modifica | modifica sorgente]

Esempio di carro gettaponti
carro armato giapponese con sistema di sminamento.

Il genio è un "corpo" molto versatile, i cui compiti principali sono di:

  • predisporre le strutture logistiche necessarie alle altre armi
  • rimozione di ostacoli nel terreno, comprese strutture nemiche, anche mediante l'utilizzo di bulldozer corazzati
  • realizzazione di ponti per il superamento di ostacoli (fossati anticarro, canali, fiumi, laghi)
  • apertura varchi nelle opere difensive avversarie
  • ripristinare o interdire il passaggio lungo le principali vie di comunicazione
  • Gestione esplosivi e armi chimiche o batteriologiche
  • rimozione o posizionamento di mine
  • realizzare demolizioni
  • realizzare opere difensive

In buona sintesi dell'ostacolo, nelle due forme: la posa e la sua rimozione. inoltre ha il compito di predisporre quelle che sono le opere per il miglioramento della qualità della vita delle Truppe

Nell'Esercito Italiano, questi compiti sono svolti dall'Arma del genio.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Epoca romana
  • E. Abranson e J.P. Colbus, La vita dei legionari ai tempi della guerra di Gallia, Milano 1979.
  • P. Connolly, L'esercito romano, Milano 1976.
  • A.K. Goldsworthy, The Roman Army at War, 100 BC-AD 200, Oxford - N.Y 1998.
  • L. Keppie, The Making of the Roman Army, from Republic to Empire, Londra 1998.
  • Y. Le Bohec, L'esercito romano da Augusto a Caracalla, Roma 1992.
  • E. Luttwak, La grande strategia dell'Impero romano, Milano 1991.
  • Alessandro Milan, Le forze armate nella storia di Roma Antica, Roma 1993.
  • H. Parker, The Roman Legions, N.Y. 1958.
  • G. Webster, The Roman Imperial Army, Londra - Oklahoma 1998.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Epoca romana
Epoca moderna

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]