Ingegneria acustica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'ingegneria acustica si occupa, in generale, delle applicazioni riguardanti la produzione, trasmissione, registrazione e riproduzione del suono attraverso dispositivi meccanici, elettronici o informatici.

Per fare ciò l'ingegneria acustica si avvale di alcune specificità:

  • La fisica acustica, che studia il comportamento del suono da un corpo sorgente (vibrante o oscillante) alla propagazione delle onde acustiche che avviene tramite un mezzo (ad esempio l'aria) in grado di stimolare l'orecchio umano (ricevitore).
  • L'elettroacustica, che ha come oggetto le basi teoriche e lo sviluppo di dispositivi elettrici ed elettronici per trasformare onde sonore e oscillazioni meccaniche in segnali elettrici e magnetici.
  • La Psicoacustica, che studia il modo con cui il cervello traduce in modo soggettivo lo stimolo dell'onda sonora.
  • L'acustica fisiologica, che ha come campo di ricerca il funzionamento dell'orecchio e dell'organo della fonazione.
  • L'acustica musicale studia le caratterische fisiche e matematiche che l'onda acustica deve possedere perché una determinata cultura musicale possa considerarle consonanti.
  • L'acustica architettonica, che studia infine la riflessione e l'assorbimento dei diversi materiali rispetto alle onde sonore ed è strettamente correlata all'acustica ambientale.

L'ingegneria del suono[modifica | modifica wikitesto]

Il termine è erroneamente tradotto dall'inglese "sound engineer", che in realtà va tradotto come tecnico del suono o tecnico audio.

L'ingegnere del suono è una persona esperta nella manipolazione, nonché in tecniche di analisi e sintesi di segnali audio e video, a differenza del tecnico del suono, o tecnico audio, che è una persona esperta nell'utilizzo di dispositivi di produzione e nella manipolazione di onde sonore. Il compito di tale tecnico è quello di diffondere il suono da una qualsiasi sorgente in un ambiente circostante molto più grande di quello della sorgente sonora. Nel compito, viene aiutato da apparecchi di trasduzione, quali microfoni, amplificatori e altoparlanti.

Le specializzazioni del tecnico del suono variano a seconda dei campi di applicazione; abbiamo quindi tecnici specializzati nella ripresa del suono, nel mixaggio del suono (la regolazione dei volumi), nel mastering del suono (la tecnica che permette di rendere il suono il più fruibile possibile psicoacusticamente parlando).

Ancora, le figure professionali possono anche distinguersi: tecnico del suono per la radio o la tv (broadcast), per gli studi di registrazione o mastering (production and post-production) o per la musica dal vivo (live).

Nelle performance live possiamo distinguere lo stage monitor engineer che si occupa del corretto ascolto (monitoraggio) sul palco da parte dei musicisti e il front of house engineer (FOH engineer) che si occupa invece del mixaggio per il pubblico.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]