Baschiri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Baschiri
Башҡорттар
BaschiriБашҡорттар
Baschiri.
Luogo d'origine Flag of Bashkortostan.svg Baschiria
Russia Russia
Popolazione 1 800 000 (stima)
Lingua Baschiro (prevalente), Tataro, Russo
Religione Islam sunnita
Gruppi correlati Kipčaki, altre popolazioni turche
Distribuzione
Russia Russia[1] 1 673 389
Kazakistan Kazakistan[2] 17 263
Ucraina Ucraina[3] 4 253
Uzbekistan Uzbekistan[4] 3 707
Kirghizistan Kirghizistan[5] 1 111
Tagikistan Tagikistan[6] ~900
Bielorussia Bielorussia[7] 607
Lettonia Lettonia[8] 267
Estonia Estonia[9] 152
Lituania Lituania[3] 136

I baschiri (Башҡорттар, bašqorttar /baʃqort:ar/ in lingua baschira, Башкиры, baškiry, in russo) sono un gruppo etnico di origine turcica che vive in Russia, principalmente nella repubblica di Baschiria. Un significativo numero di baschiri vive nella repubblica del Tatarstan, nel kraj di Perm' e nelle Oblast' di Čeljabinsk, Orenburg, Kurgan, Sverdlovsk, Samara e Saratov.

I Baschiri parlano la lingua baschira, del ceppo linguistico kipčaki (famiglia linguistica turca). Circa 4.000 baschiri parlano la lingua tatara, mentre altri adoperano anche la lingua russa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Baškir compare per la prima volta intorno al X secolo, nei resoconti di viaggio dello scrittore arabo Ibn Fadlān che, nel descrivere i suoi spostamenti attraverso le zone popolate dai bulgari del Volga, menziona i baschiri come una razza di guerrieri. Secondo Ibn Fadlān, i Baschiri vivevano in comunità di allevatori e pastori; in quel periodo (fino al XIII secolo) vivevano nei territori compresi tra il fiume Volga e il fiume Kama, nella zona degli Urali.

Fonti europee citano per la prima volta il popolo baschiro nei lavori di Giovanni da Pian del Carpine e William di Rubruck. Questi viaggiatori, che esplorarono ed entrarono in contatto con comunità baschire nelle zone a nord del fiume Ural, chiamarono questa etnia Pascatir, e asserirono che questi individui parlavano un linguaggio molto simile alla lingua ungherese.

Fino all'arrivo dei Mongoli, verso la metà del XIII secolo, i Baschiri formavano un popolo forte ed indipendente, rispettato e temuto dai gruppi vicini, i Bulgari del Volga e i Peceneghi; ma con la caduta del Khanato di Kazan, nel 1552, cominciò il loro declino. Nel 1556 riconobbero volontariamente la supremazia territoriale dei Russi, che fondarono la città di Ufa, nel 1574, in pieno territorio baschiro, come difesa dagli attacchi dei Chirghisi. In questo periodo i Baschiri divennero un popolo di frontiera soggetto alle invasioni di gruppi e tribù che intendevano entrare nel territorio russo. Nel 1676 i Baschiri si ribellarono sotto la guida di un personaggio semi-leggendario denominato Seit, ma la rivolta fu domata, con non poche difficoltà dai Russi. I Baschiri si ribellarono una seconda volta nel 1707, a causa dei trattamenti degli ufficiali russi verso le comunità baschire, ma anche questa rivolta non ebbe seguito. Il terzo ed ultimo atto di ribellione baschiro avvenne nel 1735, nel periodo della fondazione di Orenburg, e durò per 6 anni.

Nel 1774 i Baschiri sostennero poi l'insurrezione del cosacco Emel'jan Pugačëv: le truppe combatterono sotto il comando del nobile baschiro Salavat Julaev, ma furono sconfitte.

Nel 1786 ottennero l'eliminazione delle esose tasse che dovevano essere versate annualmente all'impero russo mentre continuarono le dispute per il possedimento di alcuni appezzamenti di terra al confine.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Molti Baschiri oggi praticano l'agricoltura e l'allevamento di pecore e mucche. Sono conosciuti per essere una delle ultime popolazioni che praticano l'apicoltura con api selvatiche, nei tronchi degli alberi. Il piatto tradizionale baschiro consiste in una sorta di farinata chiamata "Bish Barmak" che significa cinque dita e un formaggio tipico denominato Qurut.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 2002 census
  2. ^ 2009 census
  3. ^ a b 2001 census
  4. ^ (RU) 2000 census
  5. ^ 2009 census
  6. ^ 2000 census
  7. ^ 2009 census
  8. ^ 2010 census
  9. ^ 2000 census

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Russia