Ostiachi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ostiachi
Khanti
OstiachiKhanti
Un ostiaco a Tomsk nel 2006.
Nomi alternativi Chanty, Chande, Kantek
Luogo d'origine Chantia-Mansia Chantia-Mansia
Popolazione 29000
Lingua Ostiaco, russo
Religione Sciamanesimo, cristiani ortodossi
Gruppi correlati Mansi, ungheresi
Distribuzione
Russia Russia 28678

Gli Ostiachi (o Chanty, Chande, Kantek) sono un gruppo etnico indigeno che vive nel Circondario autonomo dei Chanty-Mansi, una regione storicamente conosciuta con il nome di "Jugra", in Russia, insieme al popolo dei Mansi.

In questo circondario autonomo, la lingua ostiaca e la lingua mansi sono riconosciute ufficialmente insieme al russo. Nel 2002, il censimento ufficiale russo registrò 28.678 ostiachi (auto-identificatisi come appartenenti a tale gruppo etnico). Di questi, 26.694 erano residenti nell'oblast' di Tjumen' (17.128 nell'Circondario autonomo dei Chanty-Mansi, 8.760 nella Jamalia, 873 nell'oblast' di Tomsk, 88 nella Repubblica dei Comi [1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Gli ostiachi sono apparsi nei resoconti di viaggio russi con il nome di "Jugra" per la prima volta nell'XI secolo, quando ebbero il primo contatto con i cacciatori e mercanti russi. Il nome proviene dal termine jögra (Chanty) della lingua komi. Forse il re inglese Alfredo il Grande nel X secolo ebbe un contatto con gli Ostiachi prima dei russi. Nell'XI secolo, il termine "Jugra" si applicò a numerose tribù della regione, ognuna delle quali aveva una propria autonomia ed un proprio capo. Ogni tribù aveva due ceppi familiari diversi, denominati mon't' e por, di cui tutti i membri erano tra loro consanguinei. Questa struttura fu poi sostituita dall'istituzione di veri e propri clan, con a capo un leader che contrattava con i russi.

Parteciparono anche alle campagne russe e fu loro permesso di collezionare yasaq (tributi) da due volost (distretti) Chanty. Quando poi il loro apporto non fu più necessario, la Russia eliminò questi privilegi.

Tra il XVII e il XIX secolo, vi furono vari tentativi di introdurre il Cristianesimo, ma lo stile di vita degli ostiachi non subì reali cambiamenti. Solo nella seconda metà del XIX secolo cominciarono ad accettare le leggi governative. Durante il periodo sovietico gli Ostiachi furono uno dei pochi popoli indigeni della Siberia a cui fu concesso una propria autonomia tramite l'istituzione di un okrug (circondario autonomo). Negli anni trenta i sovietici cominciarono quindi le collettivizzazioni delle terre. In questo contesto furono eliminati i kulak (capitribù) e gli sciamani dei villaggi. Quando poi i bambini furono costretti a frequentare le scuole di stato russe, ci fu una rivolta generale chiamata la ribellione di Kazym (piccola cittadina del circondario autonomo dei Chanty-Mansi).

Dopo la fine dell'era staliniana, il processo di collettivizzazione subì una frenata. L'autonomia ha giocato un ruolo prevalente per la conservazione della cultura e del linguaggio ostiaco.

A livello antropologico, gli Ostiachi sono rappresentanti della razza dei popoli uralici. La maggior parte delle loro caratteristiche fisiche rispecchia, infatti, la razza mongola (soprattutto nella regione di Berjozovo). Sono di solito bassi di statura (l'altezza media per gli uomini è di appena 158 cm, mentre per le donne è di 146 cm). Il colore degli occhi predominante è il castano, i capelli sono scuri, quasi sempre neri.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Le occupazioni tradizionali degli Ostiachi sono la pesca, la caccia nella taiga e l'allevamento di renne. Sono abili procacciatori di prede grazie ad efficaci trappole, di cui l'abilità e l'ingegnsità nelle costruzioni sono rinomate oltre che considerate di importanza fondamentale.

Religione[modifica | modifica sorgente]

Gli Ostiachi sono in gran parte cristiani ortodossi; a questa fede si affiancano sciamanesimo e culto della reincarnazione.

Lingua[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi lingua ostiaca.

La lingua ostiaca o chanty, è una lingua uralica e viene scritta con l'alfabeto cirillico.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Russia