Popoli indigeni minori della Russia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

I popoli indigeni meno numerosi della Russia sono una categoria di 40 gruppi etnici indigeni ufficialmente riconosciuti dal governo russo. La categoria è inclusa nella "lista dei popoli indigeni minori della Russia" in russo: Единый перечень коренных малочисленных народов России?, approvata dal governo il 24 marzo 2000.

Questi popoli rispettano i seguenti criteri:

  • vivono attualmente nelle loro terre d'origine.
  • hanno conservato, nel corso del tempo, usi, costumi e tradizioni.
  • riconoscono sé stessi come una etnia separata.

Alcuni di essi, come i Soyot, sono stati riconosciuti solo dopo la dissoluzione dell'Unione Sovietica. Altri percepiscono benefici di legge per il supporto alle tradizioni popolari e alle lingue d'origine. Dieci di questi popoli contano meno di 1.000 componenti e 11 di loro vivono oltre il circolo polare artico.

I gruppi[modifica | modifica sorgente]

Estremo nord[modifica | modifica sorgente]

Siberia centrale[modifica | modifica sorgente]

Estremo oriente[modifica | modifica sorgente]

Siberia meridionale[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Péter Hajdú, Introduzione alle lingue uraliche, Rosenberg & Sellier, 1992, ISBN 88-7011-521-6.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni e riferimenti[modifica | modifica sorgente]

Seguono collegamenti a pagine web in inglese sui popoli indigeni del nord della Russia: