Lingua baschira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Lingua baschira (Башҡорт теле Başqort tele)
Parlato in Russia
Regioni Baschiria
Persone 1,2 milioni
Classifica non nelle prime 100
Scrittura Alfabeto cirillico
Filogenesi Lingue altaiche
 Lingue turche
Statuto ufficiale
Nazioni Baschiria (Russia)
Codici di classificazione
ISO 639-1 ba
ISO 639-2 bak
ISO 639-3 bak  (EN)
SIL bak  (EN)

La lingua baschira o baškira (in baschiro: Башҡорт теле Başqort tele) è una lingua turca parlata in Russia, in Baschiria.

Distribuzione geografica[modifica | modifica sorgente]

È la lingua parlato dai Baschiri, una minoranza di origine asiatica stanziata in Russia, principalmente nella repubblica di Baschiria (Baškortostan). Al censimento russo del 2010 risultavano 1.150.000 locutori; secondo Ethnologue, la lingua è attestata anche in altre repubbliche ex-sovietiche, dove conta qualche decina di migliaia di locutori, per un totale complessivo di 1.221.340 persone che parlano baschiro.[1]

Lingua ufficiale[modifica | modifica sorgente]

È lingua ufficiale in Baschiria.

Dialetti e lingue derivate[modifica | modifica sorgente]

Oggi la lingua ha molti dialetti, similmente al tataro.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Secondo Ethnologue,[1] la classificazione della lingua baschira è la seguente:

Storia[modifica | modifica sorgente]

Dopo l'invasione della Russia da parte dei Mongoli, le lingue kipčake iniziarono a divenire comuni, essendo questo il gruppo linguistico parlato dalla maggioranza delle tribù che componevano l'Orda d'oro.

La moderna lingua baschira, molto simile al tataro, trae origine dal gruppo di lingue kipčake.

Sistema di scrittura[modifica | modifica sorgente]

In passato, il baschiro usava il ciagatai come lingua scritta. Verso la fine del XIX secolo quest'ultima è stato rimpiazzato dal tataro, che è rimasto in uso fino al 1923.

Sia il ciagatai che il tataro erano scritti usando una variante della scrittura araba.

Nel 1923 un sistema di scrittura, sempre basato sull'alfabeto arabo, fu creato specificatamente per il baschiro. Nello stesso periodo, sotto l'influenza tatara, prese forma una lingua letteraria baschira, inizialmente utilizzando un arabo modificato, che poi, dal 1930, venne rimpiazzato da un alfabeto basato su quello latino, a sua volta sostituito, nell'inverno 1938 da un alfabeto cirillico adattato; in particolare sono state aggiunte le seguenti lettere: Ә ә /æ/, Ө ө /œ/, Ү ү /y/, Ғ ғ /ɣ/, Ҡ ҡ /q/, Ң ң /ŋ/, Ҙ ҙ /ð/, Ҫ ҫ /θ/, Һ һ /h/.


Alfabeto baschiro (Башҡорт әлифбаһы)
Аа (а) /a/ Бб (бэ) /b/ Вв (вэ) /w/, /v/ nei prestiti linguistici
Гг (гэ) /g/ Ғғ (ғы) /ɣ/ Дд (дэ) /d/
Ҙҙ (ҙэ) /ð/ Ее (йе) /e, je/ Ёё (йо) /jo/
Жж (жэ) /ʒ/ Зз (зэ) /z/ Ии (и) /i/
Йй (ҡыҫҡа и) /j/ Кк (ка) /k/ Ҡҡ (ҡы) /q/
Лл (эль) /l/ Мм (эм) /m/ Нн (эн) /n/
Ңң (эң) /ŋ/ Оо (о) /o/ Өө (ө) /ø/
Пп (пэ) /p/ Рр (эр) /r/ Сс (эс) /s/
Ҫҫ (ҫэ) /θ/ Тт (тэ) /t/ Уу (у) /u/
Үү (ү) /y/ Фф (эф) /f/ Хх (ха) /x/
Һһ (һа) /h/ Цц (цэ) /ʦ/ Чч (чэ) /ʧ/
Шш (ша) /ʃ/ Щщ (ща) /ɕ/ Ъъ (ҡатылыҡ билдәһе) /ʔ/
Ыы (ы) /ɯ/ Ьь (йомшаҡлыҡ билдәһе) /ʲ/ Ээ (э) /e/
Әә (ә) /æ/ Юю (йу) /ju/ Яя (йа) /ja/

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Nicholas Poppe, Bashkir Manual, Florence, Kentucky, Routledge, 1997. ISBN 9780700708369.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Bashkort in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]