Abcasi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abcasi
Abcasi
Abcasi, 1864.
Nomi alternativi Abhasi, Abasgi, Abchazi
Luogo d'origine Abcasia
Popolazione 200.000 - 600.000 ca.
Lingua abcaso, turco, russo, georgiano
Religione chiesa ortodossa, sunnismo
Gruppi correlati Abazi, Adighè
Distribuzione
Turchia Turchia 39,000[1] - 500,000[2]
Flag of Abkhazia.svg Abcasia 94.606[3]
Russia Russia 3.527
Siria Siria 11.366[4]

Gli Abcasi[5] (o anche Abhasi,[5] Abasgi,[6] Abchazi[7]) sono un gruppo etnico caucasico principalmente stanziato in Abcasia, una regione contesa sulla costa del Mar Nero. Una parte di Abcasi risiede in Turchia, a causa delle ondate migratorie dal Caucaso alla fine del XIX secolo. Molti abcasi vivono anche in altre parti della ex-Unione Sovietica, in particolare in Russia e in Ucraina.

Origini[modifica | modifica sorgente]

La lingua abcasa appartiene al gruppo linguistico delle lingue caucasiche nord-occidentali. Le fonti classiche parlano di numerose tribù che abitavano la regione, ma la loro esatta identità e la loro localizzazione rimangono controverse. Gli Abasgoi e gli Apsilai degli autori Greci e Romani sono considerati i predecessori degli Abcasi odierni.

L'integrazione di vari gruppi etnici più piccoli negli odierni Abcasi fu fondamentalmente completata entro la fine del X secolo, ma alcuni di questi gruppi furono privati dei loro terreni quando la conquista della Russia del Caucaso nord-occidentale li costrinse a diventare "Muhajir" e ad emigrare nei possedimenti dell'Impero Ottomano.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia dell'Abcasia.

Quando la dinastia Anchabasidee fondò il Regno di Abcasia nel 780 e li liberò dall'egemonia Bizantina, l'Abcasia entrò nell'egemonia culturale della Georgia. La nobiltà locale, il clero e la classe istruita usarono il georgiano come lingua della letteratura e della cultura. Il georgiano rimase una seconda lingua per molti Abcasi finché il russo lo rimpiazzò nei primi anni del XX secolo. Dall'inizio dell'XI al XV secolo l'Abcasia fu parte della monarchia della Georgia, ma poi diventò un principato separato per poi essere conquistato dagli Ottomani. La conquista russa dell'Abcasia tra il 1810 e il 1860 fu accompagnata da una massiccia espulsione degli Abcasi musulmani verso l'Impero Ottomano e l'introduzione di una politica di russificazione. La maggior parte degli emigrati vive ora in Turchia, Siria e Giordania.

Abkhazia02.png

Dopo la rivoluzione russa del 1917, l'Abcasia fu brevemente occupata dalla Repubblica Democratica di Georgia, ma fu conquistata dall'Armata Rossa nel 1921 ed entrò nell'Unione Sovietica come una repubblica socialista sovietica associata con la RSS Georgiana. La condizione dell'Abcasia fu degradata nel 1931 quando diventò una repubblica autonoma all'interno della Georgia. Sotto il dominio di Stalin, l'immigrazione di Armeni, Russi e Georgiani nel crescente settore agricolo e del turismo fu incoraggiata e le scuole abcase furono chiuse. Nel 1989, gli Abcasi erano circa 93.000 (18% della popolazione della repubblica), mentre i Georgiani erano 240.000 (45%). La guerra in Abcasia (1992-1993) lasciò gli Abcasi una pluralità etnica di circa il 45% della popolazione.

Religione[modifica | modifica sorgente]

Gli Abcasi sono principalmente divisi in Cristiani ortodossi e musulmani sunniti. Il Cristianesimo fu introdotto nel VI secolo dall' Imperatore Bizantino Giustiniano I, e successivamente imposto sotto il regno di Georgia nell'alto medioevo. L'acquisizione Ottomana nel XVI secolo, missionari come i Sufi e la pressione dalle tribù Adighee convertitesi all'Islam da Nord causarono il declino del Cristianesimo e la regione rimase prevalentemente musulmana fino al 1860.

Immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Abkhaz. Lewis, M. Paul (ed.), 2009. Ethnologue: Languages of the World, Sixteenth edition. Dallas, Tex.: SIL International. Online version
  2. ^ (2009) Abkhazia Seeking Turkish Recognition of Independence
  3. ^ (2003) 2003 Census statistics
  4. ^ 2002 Census statistics
  5. ^ a b Abcasi. URL consultato il 15 agosto 2011.
  6. ^ Abasgi - Sapere.it. URL consultato il 15 agosto 2011.
  7. ^ Wojciech Górecki, Pianeta Caucaso. Dalla Circassia alla Cecenia: un reportage dai confini dell'Europa, Pearson Italia, 2007, p. 51. URL consultato il 15 agosto 2011.
Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Russia