Cumucchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Popolo}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Bandiera del popolo cumucchi

I Cumucchi[1], detti anche Kumyki[2] (in lingua cumucca къумукълар, qumuqlar) sono un popolo turco che vive nella zone dell'altopiano del Kumyk, nel nord del Daghestan e a sud del fiume Terek, oltre che sulle coste del Mar Caspio. Rappresentano il 12% della popolazione totale della repubblica del Daghestan. Parlano il cumucco. Sono in gran parte fedeli all'Islam ma a queste fede associano diversi rituali che risalgono ad epoche precedenti alla diffusione islamica nella regione.

Si suppone che Claudio Tolomeo sia entrato in contatto con questa gente e li abbia denominati "Kami" o "Kamak". Alcuni esploratori hanno poi visto nei Cumucchi gli antenati dei Cazari. Secondo A. Vambry, i Cumucchi si stanziarono nell'area dell'odierna repubblica del Daghestan nel periodo del regno dei Cazari, durante l'VIII secolo. Sembra certo che gruppi di Cabardi si siano stanziati in quest'area nei secoli seguenti.

Durante il XVI, XVII e XVIII secolo i Cumucchi ebbero un regno indipendente, con capitale in Tarki, governati da un re denominato il Shamkhal.

I Russi costruirono avamposti nel loro territorio nel 1559 e sotto Pietro I. Essendo molto più civilizzati rispetto agli altri popoli caucasici, i Cumucchi sono stati un gruppo molto rispettato dalle altre etnie e dai vari occupanti. In anni recenti, i nazionalisti cumucchi, come Salau Aliev, hanno propagandato a favore dell'autonomia cumucca e della loro relativa preminenza entro i confini del Daghestan, citando la storia cazara come fonte ispiratrice di tali affermazioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Toso Fiorenzo, III. Paesi esterni al'Unione Europea in Lingue d'Europa: la pluralità linguistica dei Paesi europei fra passato e presente, Baldini Castoldi Dalai, 2006, p. 468, ISBN 88-8490-884-1.
  2. ^ http://www.treccani.it/enciclopedia/cumucchi/. URL consultato il 25 luglio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Russia