Bielorussi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Popolo}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Francobollo rappresentante Bielorussi in vestiti tradizionali (1961)

I bielorussi (in bielorusso: беларусы, biełarusy) sono il gruppo etnico di maggioranza, di origine slava, della Repubblica di Bielorussia e una delle minoranze presenti in Polonia (specialmente nel Voivodato di Białystok), Russia, Lituania e Ucraina. Altre comunità di bielorussi sono presenti negli Stati Uniti e in Canada, emigrati nel XX secolo.

Nonostante la creazione di uno stato bielorusso agli inizi degli anni novanta, il disegno di una riunificazione etnica delle genti di lingua bielorussa è andato scemando. Ad oggi, vi sono circa 8 milioni di persone che associano la loro discendenza al gruppo etnico bielorusso.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il prefisso Bela- significa "bianco"; i bielorussi venivano denominati anche ruteni bianchi, da non confondere con il gruppo politico dei Russi Bianchi che si oppose ai bolscevichi durante la guerra civile russa. Questo nome fu in uso per alcuni periodi, insieme all'appellativo "ruteni bianchi" e forme similari. Usare quindi il termine russi bianchi è, quindi, non solo etnologicamente scorretto ma è considerato offensivo dagli stessi bielorussi che si vedono associati a tutt'altro gruppo etnico. I bielorussi stessi rintracciano l'origine del proprio nome nel popolo dei Rus'.

Lingua[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi lingua bielorussa.

Il linguaggio nativo nel territorio bielorusso è la lingua bielorussa; comunque la maggior parte dei bielorussi parla il russo e lo usano come lingua primaria (soprattutto a Minsk e nelle altre grandi città).

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo di resistenza bielorusso (1943)

L'origine culturale del popolo bielorusso può essere rintracciata nel Granducato di Lituania, e prima ancora nel Rus' di Kiev e nel Ducato di Polatsk. Molti bielorussi sono discendenti delle tribù slave dell'est: kriviči, dregovichi e radimichi. Durante il Medioevo i bielorussi erano raggruppati nel popolo dei lituani, del Granducato di Lituania (Litva, Vialikaja Litva), del quale facevano parte le terre dei ruteni bianchi e dove il ruteno era una lingua ufficiale.

Alcuni bielorussi credono che il moderno stato bielorusso sia sorto sulle ceneri dell'antico Granducato di Lituania proprio perché il ruteno ha dato origine poi alla lingua bielorussa.

Dopo la prima guerra mondiale, i bielorussi ottennero un proprio stato semi-indipendente, in varie fasi storiche: la Repubblica Nazionale Bielorussa, sotto l'occupazione imperiale tedesca, e la Repubblica Socialista Sovietica di Bielorussia, dal 1919, inclusa poi nell'URSS nel 1922. La Bielorussia ottenne poi la piena indipendenza nel 1991, con la dissoluzione dell'Unione Sovietica.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

antropologia Portale Antropologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antropologia