Lingua rutena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ruteno (русиньскый язык rusinsky jasyk)
Parlato in Ucraina, Serbia e Slovacchia
Persone 620.000
Classifica non nelle prime 100
Scrittura alfabeto cirillico, alfabeto latino
Tipo SVO
Filogenesi Lingue indoeuropee
 Lingue slave
  Lingue slave orientali
Statuto ufficiale
Nazioni Voivodina (Serbia)
Codici di classificazione
ISO 639-3 rue  (EN)
SIL rue  (EN)

La lingua rutena, chiamata anche russino o lingua rutena pannonica (русиньскый язык, rusinskyj jazyk) è una lingua slava orientale parlata in Ucraina, Serbia, Slovacchia e altri paesi dell'Europa orientale.

Distribuzione geografica[modifica | modifica sorgente]

Secondo Ethnologue,[1] il ruteno è parlato complessivamente da circa 620.000 persone. La maggior parte si trovano nell'Oblast' di Transcarpazia in Ucraina, dove nel 2000 si contavano 560.000 locutori. Fuori dall'Ucraina, le comunità linguistiche più numerose si trovano in Serbia, nella regione della Voivodina (30.000 locutori nel 2006), e in Slovacchia, nella regione di Prešov (24.200 al censimento del 2001). La lingua è attestata anche in altri stati dell'Europa orientale, quali Bielorussia, Croazia, Repubblica Ceca, Estonia e Ungheria.

Lingua ufficiale[modifica | modifica sorgente]

Il ruteno è una delle lingue ufficiali della provincia autonoma della Voivodina in Serbia.[2]

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Secondo Ethnologue,[1] la classificazione della lingua rutena è la seguente:

C'è ancora controversia tra i linguisti sul fatto che il ruteno sia una lingua slava orientale a sé o solo una variante dell'ucraino[3].

Storia[modifica | modifica sorgente]

I tentativi di standardizzare la lingua hanno sofferto della divisione dei suoi parlanti tra quattro paesi, così che in ogni paese si è radicata un'ortografia diversa (anche se in ogni caso basata su varianti dell'Alfabeto cirillico) e differenti standard grammaticali, influenzati dalle differenze dei dialetti ruteni. I centri culturali ruteni sono Prešov in Slovacchia, Užhorod e Mukačeve in Ucraina, Crinitz e Legnica in Polonia, e Budapest in Ungheria. Molti locutori del ruteno vivono anche in Canada e negli Stati Uniti.

Rimane difficile contare precisamente i locutori del ruteno, ma il loro numero è stimato a volte intorno al milione di persone, la maggior parte di essi in Ucraina ed in Slovacchia. Il primo paese a riconoscere ufficialmente il ruteno, più esattamente la variante pannonica, fu la Jugoslavia. Nel 1995 il ruteno venne riconosciuto come lingua minoritaria in Slovacchia, godendo dello status di lingua ufficiale nei distretti con più del 20% degli abitanti che parlino ruteno.

Nell'introduzione al libro "Lingue slave", scritto nel 1973, dieci anni prima della glasnost', Samuel Bernštein parlò degli "Ucraini occidentali" e della "lingua letteraria" che "fino a poco tempo prima avevano".

Sistema di scrittura[modifica | modifica sorgente]

Il ruteno utilizza per la scrittura una versione leggermente modificata dell'alfabeto cirillico. In Slovacchia viene utilizzato l'alfabeto latino.[1]

Alfabeto cirillico ruteno "Lemko"[modifica | modifica sorgente]

Grafema IPA Note
А /a/
Б /b/
В /v/
Г /ɦ/
Ґ /g/
Д /d/
Е /e/
Є /je/
Ё /ʏ/ Non presente in Voivodina
Ж /ʒ/
З /z/
И /ɪ/
І /i/ Non presente in Voivodina
Ы /ɨ/ Non presente in Voivodina
Ї /ji/
Й /j/
К /k/
Л /l/
М /m/
Н /n/
О /o/
П /p/
Р /r/
С /s/
Т /t/
У /u/
Ф /f/
Х /x/
Ц /ts/
Ч /ʧ/
Ш /ʃ/
Щ /ʃʧ/
Ѣ /ji/, /i/ Usata prima del 1945
Ю /ju/
Я /ja/
Ь /ʲ/ Indica palatalizzazione
Ъ Non presente in Voivodina

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Rusyn in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.
  2. ^ Basic facts about Vojvodina. URL consultato il 5 luglio 2013.
  3. ^ RFE/RL on intolerance in Belarus and Ruthenians in Ukraine. URL consultato il 27-11-09.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • A new Slavic language is born. The Rusyn literary language in Slovakia. Ed. Paul Robert Magocsi. New York 1996.
  • Magocsi, Paul Robert. Let's speak Rusyn. Бісідуйме по-руськы. Englewood 1976.
  • Дуличенко, Александр Дмитриевич. Jugoslavo-Ruthenica. Роботи з рускей филолоґиї. Нови Сад 1995.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]