Vepsi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vepsi
Vepsläižed
VepsiVepsläižed
Localizzazione dell'area abitata dai vepsi nel periodo precedente la nascita della Rus' di Kiev.
Sottogruppi
  • vepslaine
  • bepslaane
  • lüdinik
  • lüdilaine
Luogo d'origine Russia europea
Popolazione 6000 persone
Lingua lingua vepsa
Religione cristianesimo ortodosso
La bandiera della Vepsia

I Vepsi sono una popolazione di stirpe ugro-finnica stanziata nell'estrema parte occidentale della Russia e in alcune zone dell'Estonia; al loro interno, si denominano vepslaine, bepslaane, lüdinik o lüdilaine a seconda dei vari gruppi.

Parlano una lingua ugro-finnica appartenente al gruppo balto-finnico e sono prevalentemente stanziati in una regione fra la Carelia e le regioni di San Pietroburgo e Vologda, anche se ne esistono piccoli nuclei sparsi nel territorio russo e siberiano e in alcune cittadine estoni.

Le prime tracce storiche sembrano risalire al IV secolo d.C., dove compaiono in alcune cronache dello storico Giordane con il nome di vas o vasina; a partire dal IX secolo entrano nell'area di influenza del primo stato russo, la Rus' di Kiev.

Attualmente, la loro consistenza numerica è stimata intorno alle 6.000 persone.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]