Il gladiatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Il gladiatore (disambigua).
Il gladiatore
Massimo Decimo Meridio (Russell Crowe) in una scena del film
Titolo originaleGladiator
Paese di produzioneRegno Unito, Stati Uniti d'America
Anno2000
Durata155 min (versione cinematografica)
170 min (versione estesa)
Rapporto2,35:1
Genereepico, storico, guerra, drammatico, azione, avventura
RegiaRidley Scott
SoggettoDavid Franzoni
SceneggiaturaDavid Franzoni, John Logan, William Nicholson
ProduttoreDavid Franzoni, Douglas Wick, Branko Lustig
Produttore esecutivoWalter F. Parkes, Laurie MacDonald
Casa di produzioneUniversal Pictures, DreamWorks Pictures, Scott Free Productions, Red Wagon Entertainment
Distribuzione in italianoUIP
FotografiaJohn Mathieson
MontaggioPietro Scalia
Effetti specialiNeil Corbould, Rob Harvey, John Nelson, Tim Burke
MusicheHans Zimmer, Lisa Gerrard
ScenografiaArthur Max, Crispian Sallis
CostumiJanty Yates
TruccoPaul Engelen, John Schoonrad
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Edizione estesa (2005)

Logo ufficiale del film

Il gladiatore (Gladiator) è un film del 2000 diretto da Ridley Scott e interpretato da Russell Crowe, Joaquin Phoenix, Connie Nielsen, Richard Harris e Oliver Reed.

È un colossal di genere storico ispirato al romanzo Those about to die di Daniel Mannix del 1958. La sceneggiatura, inizialmente scritta da David Franzoni, è stata acquisita dalla DreamWorks Pictures nel 1998 e Ridley Scott è stato scelto per dirigere la pellicola; le riprese si sono svolte tra gennaio e maggio del 1999 in Inghilterra, Malta, Italia (Val d'Orcia in Toscana) e Marocco.

Il film è stato presentato al pubblico per la prima volta a Los Angeles nel maggio 2000, e ha ricevuto recensioni favorevoli da parte della critica specializzata, soprattutto per le interpretazioni di Russell Crowe e Joaquin Phoenix, ma anche per la regia, la fotografia, le sequenze d'azione, la colonna sonora e il valore della produzione. Il film ha vinto numerosi premi, tra cui cinque premi Oscar su dodici candidature alla 73ª edizione, in particolare quello per il miglior film e per il miglior attore protagonista, assegnato a Russell Crowe; ha anche ricevuto quattro BAFTA alla 54ª edizione.

È stato un grande successo di pubblico, incassando 457 milioni di dollari in tutto il mondo e posizionandosi al secondo posto nella classifica dei film più redditizi dell'anno, alle spalle di Mission: Impossible 2.

Germania, 180 d.C.. Il generale Massimo Decimo Meridio[1] guida l'esercito romano alla vittoria durante la guerra contro i Marcomanni, guadagnandosi la stima dell'anziano imperatore Marco Aurelio. Questi, gravemente malato, designa Massimo come proprio successore al posto del figlio naturale Commodo, vedendo nel generale una guida più affidabile e sicura; Marco Aurelio intende affidare a Massimo il compito di ripristinare la Repubblica restituendo il potere al Senato, ovvero al popolo romano, come avveniva prima dell'avvento dell'età imperiale.

Inizialmente riluttante, Massimo chiede tempo per decidere. Così si ritira nella sua tenda a pregare gli dei, affinché lo aiutino a decidere e proteggano la sua famiglia, composta da sua moglie e dal figlio che non vede da quasi tre anni, e il cui ricordo è rappresentato da due statuette che porta sempre con sé. Nel frattempo Marco Aurelio comunica la propria decisione al figlio, che era giunto da Roma insieme alla sorella Lucilla, la quale, vedova con un figlio, è innamorata di Massimo. Deluso e afflitto per la scelta del padre, Commodo lo uccide soffocandolo, non volendo che renda pubblica la propria decisione. Massimo capisce subito che l'imperatore è morto non per cause naturali, ma per mano del proprio figlio, quindi rifiuta di sottomettersi a Commodo; questi ordina dunque a Quinto, prima amico e ufficiale nell'esercito di Massimo e poi capo della Guardia Pretoria di Commodo di giustiziare Massimo e la sua famiglia.

Mentre Commodo viene incoronato imperatore, Massimo viene immobilizzato e condotto in mezzo alla foresta per essere giustiziato, ma sul più bello, fingendo di accettare il suo destino, afferra la spada del boia e uccide uno dopo l'altro tutti i pretoriani. Gravemente ferito a un braccio, si impossessa di due cavalli e inizia il lungo viaggio verso casa per salvare la famiglia, ma arriva troppo tardi: la moglie e il figlio sono già stati uccisi e crocifissi tra le rovine fumanti della loro abitazione. Massimo piange disperato i suoi cari defunti e poi si accascia, straziato dal dolore e sfinito dalla stanchezza.

Catturato da un mercante di schiavi, l’ormai ex generale viene venduto a Proximo, un ex gladiatore divenuto lanista, che Marco Aurelio aveva liberato dalla schiavitù insignendolo del rudis, una spada di legno che simboleggia la libertà. Portato in Africa, Massimo viene obbligato a combattere nell'arena, dando presto prova delle sue eccellenti qualità di guerriero e ottenendo popolarità tra gli spettatori e rispetto da parte degli altri combattenti; etichettato con il soprannome di Ispanico, per le sue origini, ed entrato a far parte della familia gladiatoria, stringe amicizia con il cacciatore numida Juba, portato via prigioniero dalla sua famiglia, e con il germano Hagen, che fino alla comparsa di Massimo era il più valoroso dei gladiatori di Proximo. Durante le pause tra uno spettacolo e l'altro, parlando delle rispettive famiglie e della vita che conducevano prima di divenire schiavi, Juba e Massimo si fanno coraggio a vicenda pensando, di fronte alla prospettiva della morte in combattimento, alla speranza di incontrare nuovamente i loro familiari nell'aldilà.

Intanto, per conquistarsi l'approvazione del popolo, Commodo ordina che si tengano a Roma dei giochi gladiatori, della durata di 150 giorni, in memoria del padre, proprio colui che cinque anni prima ne aveva disposto l'interruzione, giochi per i quali vengono richiesti anche i gladiatori di Proximo. Prima di partire, il lanista spiega a Massimo che a Roma potrebbe riuscire ad ottenere la libertà tramite il dono del rudis, conferito dallo stesso imperatore. Fiducioso di poter sfruttare la possibilità di essere così vicino a Commodo per potersi vendicare, Massimo decide di combattere ascoltando i consigli del vecchio gladiatore, fino ad allora ignorati, su come attirarsi il favore della folla, fattore essenziale nello spettacolo. A Roma, ai gladiatori di Proximo viene fatta rievocare la battaglia di Zama della seconda guerra punica, rappresentando le truppe di Annibale, l'orda barbarica, schierate contro le legioni di Scipione l'Africano. Indossando una maschera che ne cela le sembianze, Massimo assume la guida del gruppo e, disponendolo a testuggine al centro dell'arena del Colosseo, riesce a farlo trionfare in uno scontro in cui nella realtà storica era avvenuta una sconfitta. Seppur perplesso, Commodo raggiunge comunque i gladiatori di Proximo per congratularsi e chiede al misterioso gladiatore di rivelare la sua identità: dopo molte insistenze, Massimo si toglie l'elmo e rivela la sua vera identità, con una sequenza divenuta celebre:

«Mi chiamo Massimo Decimo Meridio, comandante dell'esercito del Nord, generale delle legioni Felix, servo leale dell'unico vero imperatore Marco Aurelio. Padre di un figlio assassinato, marito di una moglie uccisa... e avrò la mia vendetta... in questa vita o nell'altra!»

Mentre la folla chiede incessantemente la grazia per Massimo, urlando a gran voce il suo nome, l'amareggiato Commodo non può fare altro che sollevare la mano e protendere il pollice verso l'alto.

Dopo aver visto che Massimo è ancora vivo, Lucilla si incontra segretamente con lui in una delle celle in cui si trovano i gladiatori. Durante il loro colloquio, Massimo accusa con rabbia la donna di aver partecipato agli omicidi del padre e della sua famiglia; lei lo nega decisamente, dicendo di essere, invece, anche lei terrorizzata da Commodo e confidando a Massimo di disporre di potenti alleati in Senato, anch'essi intenzionati a ribaltare il regime di Commodo, lo invita ad allearsi con loro, ma Massimo rifiuta e le chiede di dimenticarlo, terminando bruscamente l'incontro.

Il giorno dopo, Massimo deve fronteggiare Tigris delle Gallie, l'unico gladiatore rimasto sempre imbattuto, ritornato a combattere cinque anni dopo il suo ritiro. Nel combattimento vengono aggiunte delle tigri incatenate, fatte entrate da alcune botole presenti nell'arena, che balzano e si avventano contro Massimo. Nonostante le difficoltà, Massimo le domina e mette in ginocchio Tigris, che cade a terra sconfitto; Commodo lo condanna a morte con il pollice verso, ma Massimo sfida deliberatamente l'ordine, rifiutandosi di ucciderlo: la folla lo acclama come "Massimo il misericordioso". Commodo allora raggiunge Massimo nell'arena e insulta la memoria dei suoi cari, cercando di farlo arrabbiare per combattere contro di lui, ma Massimo mantiene la calma e si allontana in silenzio, sottolineando ancora una volta la sua volontà di non riconoscere Commodo come imperatore.

Mentre viene riaccompagnato alla scuola dei gladiatori, Massimo incontra il suo fedele servitore Cicero, il quale lo informa che il suo esercito, accampato ad Ostia, gli è rimasto fedele; in seguito riesce a incontrarsi nelle celle dei gladiatori con Lucilla e con il senatore Gracco, al quale chiede di farlo uscire da Roma e ricongiungere col suo esercito, con il quale intende entrare a Roma per rovesciare Commodo, e infine bacia Lucilla. Sospettando il tradimento della sorella, Commodo minaccia di fare del male al figlio di lei, Lucio, costringendola a rivelare il complotto e intimandole di unirsi a lui carnalmente, cosa che però non avviene, dicendo di volere un figlio "puro" e degno di succedergli al trono. I pretoriani arrestano immediatamente Gracco e prendono d'assalto la caserma, combattendo contro i gladiatori di Proximo, mentre Massimo scappa. Hagen e Proximo vengono uccisi durante l'assedio, mentre Juba e i superstiti vengono imprigionati. Massimo fugge attraverso un tunnel dalle mura della città, ma assiste impotente alla morte di Cicero, trafitto dalle frecce dei pretoriani, e viene catturato da alcune guardie pretoriane.

Incatenato nei sotterranei, Massimo riceve la visita di Commodo, che lo sfida a duello nell'arena; per essere certo della vittoria, l’imperatore gli infligge a tradimento una pugnalata alle spalle con uno stiletto e ordina a Quinto di nascondere la ferita. Condotto nell'arena insieme a Commodo, Massimo raccoglie la spada da terra e incomincia il duello, con i pretoriani disposti a cerchio attorno ai due combattenti. Dopo alcuni scambi di colpi, pur indebolito dalla ferita, Massimo riesce a disarmare Commodo, ma lascia cadere la propria spada, a sua volta prostrato dallo sforzo. Commodo chiede un'altra spada dapprima a Quinto, che però non acconsente, capendo finalmente la natura malvagia di Commodo, e poi ai pretoriani, che però, su ordine di Quinto, non intervengono. Commodo estrae allora lo stiletto nascosto nella manica e si getta su Massimo, che contrattacca colpendolo con forti pugni. I due lottano avvinghiati per alcuni secondi, finché Massimo riesce a spingere indietro la mano di Commodo e ad affondargli lo stiletto nella gola. Commodo cade morto, in un Colosseo avvolto dal silenzio.

Al morente Massimo appaiono la sua casa e la sua famiglia, ma viene riportato momentaneamente alla realtà dalla voce di Quinto, che gli chiede indicazioni. Massimo chiede a Quinto di liberare Juba e gli altri gladiatori di Proximo sopravvissuti e di restituire alle sue mansioni il senatore Gracco, al quale chiede di restaurare il governo repubblicano, proprio come voleva Marco Aurelio. Dopo aver avuto l'assenso di Quinto, Massimo muore tra le braccia di Lucilla, inginocchiatasi accanto a lui, e il suo spirito si riunisce a quelli dei suoi cari che lo stanno aspettando nell'aldilà. Dopo avergli chiuso gli occhi, Lucilla ricorda a tutti che Massimo era un uomo buono e un soldato di Roma e che la sua memoria va onorata. Il corpo di Massimo viene sollevato e portato fuori dal Colosseo per una sepoltura onorevole, seguito da tutto il popolo, mentre il cadavere di Commodo viene lasciato nell'arena.

Quella sera stessa, Juba ritorna libero nel Colosseo vuoto e seppellisce, nella sabbia intrisa di sangue dov'era caduto Massimo, le statuine della moglie e del figlio di quest'ultimo, pronunciando la frase:

«Io ti rincontrerò un giorno. Ma non ancora. Non ancora.»

  • Russell Crowe nel ruolo di Massimo Decimo Meridio, un legato ispano-romano, generale delle legioni Felix e uno degli uomini più importanti dell'Impero romano. Ha guadagnato il favore di Marco Aurelio e l'amore e l'ammirazione di Lucilla prima degli eventi del film. La sua casa è vicino a Trujillo nell'odierna provincia di Cáceres, in Spagna. Dopo l'omicidio della sua famiglia e la sua fuga, giura vendetta contro Commodo. Il ruolo fu inizialmente offerto a Mel Gibson, che declinò poiché sentiva di essere troppo vecchio per interpretare il personaggio. Furono considerati per il ruolo anche Antonio Banderas e Hugh Jackman.
  • Joaquin Phoenix nel ruolo di Commodo,
    il figlio di Marco Aurelio. Amorale e assetato di potere, uccide suo padre quando viene a sapere che Massimo tratterrà i poteri dell'imperatore fino all'avvento di un governo repubblicano, per poi ordinare di far uccidere la famiglia del generale e giustiziarlo in segreto, senza però venire a sapere che Massimo è sfuggito alla morte se non in seguito.
  • Connie Nielsen nel ruolo di Lucilla,
    ex amante di Massimo e figlia di Marco Aurelio, rimasta recentemente vedova. Resiste agli approcci incestuosi di suo fratello, proteggendo suo figlio Lucio dalla corruzione e dall'ira dell'imperatore.
  • Oliver Reed nel ruolo di Antonius Proximo:
    un anziano allenatore di gladiatori, che compra Massimo in Nord Africa. Già ex gladiatore, fu liberato da Marco Aurelio per poi diventare il mentore del protagonista.
    Questa è stata l'ultima apparizione cinematografica di Reed, prima che morisse durante le riprese. Nella sceneggiatura originale, Proximo avrebbe dovuto vivere.
  • Derek Jacobi nel ruolo del senatore Gracco:
    un membro del senato romano che si oppone al dominio di Commodo e un alleato di Lucilla e Massimo.
  • Djimon Hounsou nel ruolo di Juba,
    un numìda costretto a lasciare la sua casa e la sua famiglia dai mercanti di schiavi. Diventa il più stretto alleato e amico del protagonista ed ispira Massimo a far cadere Commodo per il bene più grande prima di unirsi alla sua famiglia nell'aldilà.
  • Richard Harris nei panni di Marco Aurelio,
    il vecchio e saggio imperatore di Roma che nomina Massimo, che ama come un figlio, come suo successore, con l'obiettivo finale di restituire Roma ad una forma di governo repubblicana. Viene ucciso da Commodo prima che il suo desiderio possa essere realizzato.
  • Ralf Möller nel ruolo di Hagen:
    un guerriero germanico nonché principale gladiatore di Proximo, che in seguito fa amicizia con Massimo e Juba durante le loro battaglie. Viene ucciso dalla Guardia Pretoria durante il tentativo di fuga di Massimo da Roma.
  • Tommy Flanagan nei panni di Cicero:
    il fedele servitore di Massimo che fornisce un collegamento tra il suo padrone, la sua ex legione di stanza ad Ostia e Lucilla. Viene usato come esca per la fuga di Massimo ed infine ucciso dalla Guardia Pretoria.
  • David Schofield nel ruolo del senatore Falco:
    un patrizio romano, senatore contrario a Gracco. Aiuta Commodo a consolidare il suo potere.
  • John Shrapnel nel ruolo del senatore Gaio:
    un senatore romano alleato di Gracco, Lucilla e Massimo contro Commodo.
  • Tomas Arana è il generale Quinto:
    un legato romano, comandante della Guardia Pretoria ed amico di Massimo. Inizialmente non crede a quest'ultimo, ritenendolo traditore di Roma e prendendone il posto al servizio del nuovo imperatore.
    Nella versione estesa del film, Quinto vede il lato folle di Commodo quando è costretto all'esecuzione di due uomini innocenti. Compresa dunque la natura subdola del suo signore, torna dalla parte dell'amico e si riscatta rifiutando di concedere a Commodo una seconda spada durante l'ultimo duello con Massimo, promettendogli di onorarne le ultime volontà. La sua figura può essere avvicinata a quella realmente esistita di Quinto Emilio Leto, prefetto del pretorio di Commodo.
  • Spencer Clark è Lucio Vero:
    il giovane figlio di Lucilla. Prende il nome da suo padre Lucio Vero, che fu co-imperatore fino al 169 d.C. È anche nipote di Marco Aurelio.
  • David Hemmings è Cassio:
    il maestro delle cerimonie per i giochi dei gladiatori nel Colosseo.
  • Sven-Ole Thorsen nei panni di Tigris delle Gallie:
    un gladiatore imbattuto che, dopo essersi ritirato, viene richiamato a combattere da Commodo per uccidere Massimo, venendone tuttavia sconfitto. Commodo ordina quindi a Massimo di uccidere Tigris, tuttavia egli lo risparmia, con grande disappunto dell'imperatore.
  • Omid Djalili è un commerciante di schiavi.
  • Giannina Facio nel ruolo della moglie di Massimo.
  • Giorgio Cantarini è il figlio di Massimo,
    che ha la stessa età del figlio di Lucilla, Lucio.
  • Adam Levy è un ufficiale condannato.

Sceneggiatura

[modifica | modifica wikitesto]

La sceneggiatura del Gladiatore è basata su un'idea originale di David Franzoni, autore della prima bozza e a contratto con la Dreamworks dopo il successo del suo precedente lavoro, Amistad. Per la sceneggiatura, Franzoni si ispirò al romanzo di Daniel P. Mannix, Those About to Die (lett. "Quelli che stanno per morire"). Nella sua prima bozza di Franzoni, scritta nel 1998, il protagonista era Narcisso, un lottatore realmente esistito che, secondo gli storici Erodiano e Cassio Dione, avrebbe strangolato a morte l'imperatore Commodo.

Ridley Scott venne avvicinato dai produttori Walter F. Parkes e Douglas Wick, che gli mostrarono una copia di Pollice verso, dipinto del 1872 del francese Jean-Léon Gérôme. Scott, attratto dall'ambientazione dell'antica Roma, ma critico nei confronti della sceneggiatura di Franzoni, ritenuta priva di sottigliezze, decise di assumere come sceneggiatore John Logan, che poté, quindi, riscrivere il copione a suo piacimento: Logan riscrisse gran parte del primo atto e prese la decisione di fare uccidere la famiglia di Massimo per aumentare la motivazione del personaggio.

Russell Crowe, intervistato alla trasmissione Inside the Actors Studio, dichiarò: "Mi hanno detto: 'È un film da 100 milioni di dollari. Sei diretto da Ridley Scott, sei un generale romano'. Sono sempre stato un grande fan di Ridley."

Pre-produzione

[modifica | modifica wikitesto]

Durante la preparazione delle riprese, Scott ha trascorso diversi mesi a sviluppare lo storyboard per creare la trama. Nel giro di sei settimane, i membri della produzione hanno esplorato varie località facenti parte dei domini dell'Impero romano prima del suo crollo, tra cui Italia, Francia, Nordafrica e Inghilterra. Tutti gli oggetti di scena, i set ed i costumi del film sono stati prodotti dai membri della troupe a causa dei costi elevati e dell'indisponibilità di determinati articoli. L'artista Rod Vass, con la sua azienda, la Armordillo, specializzata nella scultura e negli oggetti di scena in ambito cinematografico, realizzò per il film 100 armature d'acciaio e 550 armature di poliuretano. L'esclusivo sistema in poliuretano spruzzato venne sviluppato proprio dalla Armordillo e aprì la strada a questo tipo di produzione. Per un periodo di tre mesi, furono fabbricati 27 500 pezzi di armature.

Il viale che porta alla casa di Massimo Decimo Meridio a San Quirico d'Orcia
I cipressi dei Campi Elisi nei pressi di Pienza

Il film è stato girato in tre località principali, tra gennaio e maggio del 1999. Le scene della battaglia iniziale, nelle foreste della Germania, sono state girate in tre settimane a Bourne Woods, vicino a Farnham, nel Surrey (Inghilterra). Quando Scott venne a sapere che la Commissione forestale stava pianificando di rimuovere una sezione della foresta, li persuase a permettere che la scena della battaglia fosse girata in quella zona, per poter mettere in scena, così, un incendio davvero realistico. Scott e John Mathieson, il direttore della fotografia, usarono riprese multiple con diversi frame rate e un otturatore a 45 gradi, creando effetti di stop-motion nelle sequenze d'azione, simili alle tecniche utilizzate per le sequenze di battaglia in Salvate il soldato Ryan. Successivamente, le scene della schiavitù, del viaggio nel deserto e della scuola dei gladiatori furono girate a Ouarzazate, in Marocco, appena a sud delle montagne dell'Atlante, per altre tre settimane. Per costruire l'arena dove Massimo ha i suoi primi combattimenti, la troupe usò materiali e tecniche di costruzione locali: vennero utilizzati mattoni di fango. Le scene nella Roma antica, infine, furono girate in diciannove settimane a Forte Ricasoli, a Malta.

A Malta fu costruita una replica di circa un terzo del Colosseo di Roma, con un'altezza di 15,8 metri, perlopiù in gesso e compensato (gli altri due terzi e l'altezza rimanente furono aggiunti in digitale). La replica ha richiesto diversi mesi per essere costruita ed è costata circa un milione di dollari. Il retro del complesso forniva un ricco assortimento di mobili da strada, colonnati, cancelli, statue e mercati antichi romani per altre esigenze di ripresa. Il complesso era servito da un camerino tendato, con spogliatoi, un deposito, armature e altre attrezzature. Il resto del Colosseo è stato creato con immagini generate al computer utilizzando schemi e trame di scenografia a cui fa riferimento l'azione dal vivo e renderizzati in tre livelli per fornire flessibilità di illuminazione per i software. La casa dove vive la famiglia di Massimo è il "Podere di Poggio Manzuoli", nel comune di San Quirico d'Orcia. Sempre nella campagna della Val d'Orcia, in Toscana, sono state girate le scene ambientate nei Campi Elisi, nella località di Terrapille ai piedi di Pienza.

Post-produzione

[modifica | modifica wikitesto]

Diverse scene hanno incluso un ampio uso di immagini generate al computer per ricreare gli scenari dell'antica Roma. La società di post-produzione britannica, The Mill, è responsabile di gran parte degli effetti speciali, come la sovrapposizione di tigri reali su blue screen nelle sequenze dell'arena, dell'aggiunta di tracce di fumo e dell'estensione della scia delle frecce infuocate nella battaglia iniziale (a causa dei regolamenti sul numero di frecce che si potevano scoccare durante le riprese). Per creare la folla del Colosseo, sono state usate 2.000 comparse, in modo da generare una folla virtuale composta da 35.000 spettatori, che dovevano apparire credibili e reagire alle scene di combattimento. L'effetto è stato ottenuto riprendendo le comparse dal vivo da diverse angolazioni e poi mappandole con la tecnologia del motion capture.

Mentre si trovava sul set a Malta, l'attore Oliver Reed morì improvvisamente per un infarto prima che tutte le sue scene fossero state girate. Il tragico evento obbligò la produzione a creare un doppio digitale per le scene rimanenti che coinvolgevano il personaggio di Proximo, fotografando una controfigura in ombra e mappando una maschera tridimensionale fatta di immagini al computer del volto di Reed; il tutto con un costo stimato di 3,2 milioni di dollari per soli due minuti di riprese aggiuntive. Il supervisore degli effetti visivi, John Nelson, rifletté sulla decisione di includere le scene aggiuntive e dichiarò in seguito:

«Quello che abbiamo fatto è stato poco rispettoso agli altri nostri lavori nel film. Quello che Oliver ha fatto è stato ben più grande. Ha dato una performance stimolante e commovente. Tutto ciò che abbiamo fatto è stato aiutarlo a completarla»

Il film stesso è dedicato proprio alla memoria di Reed.

Colonna sonora

[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora del film è stata composta da Hans Zimmer e cantata da Lisa Gerrard (vocalist del gruppo Dead Can Dance). È stata pubblicata in due CD usciti alla distanza di un anno l'uno dall'altro, Gladiator (Music From The Motion Picture) e Gladiator (More Music From The Motion Picture).

In Italia, il trailer del film aveva la musica di Conan, il barbaro. Nei contenuti speciali del DVD vi sono le varie versioni dei trailer cinematografici.

Distribuzione

[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola uscì nelle sale cinematografiche il 5 maggio 2000 negli USA, il 12 maggio nel Regno Unito e il 19 maggio in Italia.[2]

Edizione home video

[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito inizialmente in VHS e successivamente riprodotto in DVD. La prima distribuzione in DVD fu in una versione di 2 dischi, di cui il secondo interamente dedicato ai contenuti speciali. Nel 2005 la Universal mise in commercio la versione estesa, con tre dischi di cui 2 con contenuti extra. Questa versione del film offre circa 17 minuti in più rispetto alla versione cinematografica, oltre che diverse scene inedite, il dietro le quinte, il documentario sulle arti gladiatorie "Roman Blood Sport", la colonna sonora, i bozzetti di lavorazione, la galleria fotografica, i trailer, le note di produzione, il diario di produzione di Spencer Treat Clark e il commento del regista Ridley Scott.

Il film si è rivelato uno dei maggiori successi della sua annata cinematografica, secondo solo a Mission: Impossible 2. A livello internazionale ha incassato 465 162 313 $,[3] contro un budget di circa 103 000 000 $,

Negli Stati Uniti, dove è stato distribuito in oltre tremila sale e per oltre cinquanta settimane, è stato il quarto incasso stagionale con circa 187 705 427 $.[4]

In Italia ha incassato complessivamente oltre venti miliardi di lire: con 16 337 604 000 £ è stato l'undicesimo incasso della stagione cinematografica 1999/2000,[5] con 5 239 764 000 £ il quarantanovesimo incasso della stagione cinematografica 2000/2001.[6] Considerando l'intero incasso, può essere inserito fra i primi dieci incassi dell'una o dell'altra stagione.

Il film è stato accolto positivamente dalla critica. Sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes ha ottenuto l'80% dei giudizi professionali positivi, con un voto medio di 7,4 su 10 basato su 259 recensioni,[7] mentre su Metacritic ha un punteggio di 67 su 100 basato su 46 recensioni.[8]

Riconoscimenti

[modifica | modifica wikitesto]
Lo stesso argomento in dettaglio: Il gladiatore II.

Nel giugno 2001 il produttore Douglas Wick dichiarò che era in fase di sviluppo un prequel del Gladiatore.[9] L'anno seguente, Wick, Walter Parkes, David Franzoni e John Logan cambiarono direzione verso un sequel ambientato quindici anni dopo, dove le guardie pretoriane governano Roma e un più vecchio Lucio sta cercando di scoprire chi fosse il suo vero padre.[10] Tuttavia, Russell Crowe era interessato a far risorgere Massimo, per approfondire ulteriormente le credenze romane sull'aldilà. Ridley Scott manifestò interesse, sebbene ammettesse che il progetto avrebbe dovuto essere rivisto in quanto aveva poco a che fare con i gladiatori.[11] Un easter egg contenuto nel disco 2 dell'edizione estesa del film in DVD include una discussione sui possibili scenari per un seguito. Ciò include un suggerimento di Parkes che, per consentire a Russell Crowe di tornare a interpretare Massimo, un sequel potrebbe comportare un "dramma multi-generazionale su Massimo e gli Aureliani e su questo capitolo di Roma", simile nel concetto a Il padrino - Parte II.

Nel 2006 Scott dichiarò che lui e Crowe si erano avvicinati a Nick Cave per riscrivere il film, ma le loro idee entrarono in conflitto con l'idea della DreamWorks di uno spin-off che coinvolgeva Lucio, che Scott ha rivelato che sarebbe diventato il figlio di Massimo e Lucilla. Scott notò che una storia di corruzione a Roma era troppo complessa, mentre Il gladiatore aveva funzionato ai tempi grazie alla sua spinta semplice nella storia.[12] Nel 2009, i dettagli della sceneggiatura (alla fine respinta) di Cave sono emersi su Internet: la sceneggiatura con Massimo che si reincarnava dagli dei romani e tornava a Roma per difendere i cristiani dalla persecuzione; poi trasportato in altri periodi importanti della storia, tra cui la seconda guerra mondiale, la guerra del Vietnam, e, infine, essere un generale nel Pentagono di oggi. Questa sceneggiatura di un sequel, tuttavia, venne respinta in quanto troppo inverosimile e non conforme allo spirito e al tema del film originale.[13][14][15]

Nel marzo 2017 Scott ha nuovamente affermato di avere un'idea di come si potrebbe fare un sequel e che attualmente sta cercando di convincere Russell Crowe a riprendere il suo ruolo di Massimo: "Saprei come riportare il film sullo schermo. Ho parlato di questo anche con gli studios. Mi hanno risposto: ‘ma…il personaggio è morto’. Ma esiste un modo di farlo tornare[16]".

A novembre 2018 è stato annunciato che Paramount Pictures sta sviluppando un sequel e che la Universal Pictures ha l'opzione di co-finanziare l'opera, con Scott di nuovo come regista e Peter Craig come sceneggiatore.

Nel giugno 2019 Parkes e MacDonald hanno confermato che il sequel è ancora in fase di sviluppo con Scott e Craig, dicendo: "Stiamo lavorando con Ridley Scott, è uno che non toccheremmo se non avessimo ritenuto che fosse legittimo. Stiamo lavorando anche con uno scrittore straordinario, Peter Craig. Racconta la storia 30 anni dopo... 25 anni dopo".

Il 30 settembre 2021 Ridley Scott dichiara di essere in fase di pre produzione e che dopo aver terminato le riprese di Napoleon comincerà quelle del sequel.[17]

  1. ^ Detto Meridio perché nato a Mérida, l'antica Emerita Augusta, capitale della Lusitania.
  2. ^ (EN) Gladiator (2000) - Release dates for Gladiator
  3. ^ Gladiator, su Box Office Mojo. URL consultato il 12 marzo 2024.
  4. ^ (EN) Box Office Mojo, su boxofficemojo.com. URL consultato il 31 marzo 2008.
  5. ^ Ciak, n. 8/2000
  6. ^ Ciak, n. 8/2001
  7. ^ (EN) Il gladiatore, su Rotten Tomatoes, Fandango Media, LLC. URL consultato il 6 maggio 2024. Modifica su Wikidata
  8. ^ (EN) Il gladiatore, su Metacritic, Fandom, Inc. URL consultato il 7 aprile 2024. Modifica su Wikidata
  9. ^ IGN FilmForce Exclusive: David Franzoni in Negotiations for Another Gladiator!, su Movies News at IGN, 16 giugno 2001. URL consultato il 29 febbraio 2024 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2012).
  10. ^ A Hero Will Rise... Again, su Movies News at IGN, 24 settembre 2002. URL consultato il 29 febbraio 2024 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2012).
  11. ^ A Hero Will Rise – From the Dead!, su Movies News at IGN, 17 dicembre 2002. URL consultato il 29 febbraio 2024 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2012).
  12. ^ Ridley Lays "Gladiator 2" to Rest, su Rotten Tomatoes, 6 maggio 2006. URL consultato il 29 febbraio 2024 (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2012).
  13. ^ (EN) Russ Fischer, WTF: Nick Cave Wanted To Call His 'Gladiator 2' Script 'Christ Killer', su SlashFilm, 12 luglio 2013. URL consultato il 29 febbraio 2024.
  14. ^ Gladiator 2: The strangest sequel never made?, su www.bbc.com. URL consultato il 29 febbraio 2024.
  15. ^ (EN) Sean Michaels, Nick Cave's rejected Gladiator 2 script uncovered!, in The Guardian, 6 maggio 2009. URL consultato il 29 febbraio 2024.
  16. ^ Valentina Appolloni, Ridley Scott: il regista potrebbe girare un sequel per "Il Gladiatore", in Cinematographe - FilmIsNow, 13 marzo 2017. URL consultato il 15 marzo 2017.
  17. ^ https://cinema.everyeye.it/notizie/gladiatore-2-ridley-scott-aggiorna-sequel-la-sceneggiatura-pronta-570375.html, su cinema.everyeye.it.
Fonti antiche ricostruttive del periodo storico
Fonti moderne
Per saperne di più sul periodo storico
  • Autori Vari, Autor de la Colonne Aurélienne, Turnhout, Belgium, 2000.
  • A.Birley, Marco Aurelio, trad. it., Milano, 1990.
  • G.Cascarino, L'esercito romano. Armamento e organizzazione, Vol. II - Da Augusto ai Severi, Rimini 2008.
  • F.Coarelli, La colonna di Marco Aurelio, Roma 2008.
  • P.Grimal, Marco Aurelio, trad. it., Milano, 2004.
  • A.K.Goldsworthy, Storia completa dell'esercito romano, Modena 2007. ISBN 978-88-7940-306-1.
  • M.Grant, The Antonines: the roman empire in transition, Londra, 1994.
  • Y.Le Bohec, L'esercito romano da Augusto alla fine del III secolo, Roma 1992, VII ristampa 2008.
  • A.Mócsy, Pannonia and Upper Moesia, Londra/Boston, 1974.
  • C.Scarre, Chronicle of the roman emperors, Londra 1995.
  • G.Webster, The roman imperial army, Londra 1998.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Oscar al miglior film Successore
American Beauty 2001 A Beautiful Mind
Controllo di autoritàVIAF (EN316751918 · LCCN (ENno2001011573 · GND (DE4639068-6 · BNE (ESXX4655676 (data) · BNF (FRcb166279029 (data) · J9U (ENHE987007372052205171