Robin Hood (film 2010)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Robin Hood
Robin Hood Russel Crowe.jpg
Russell Crowe in una scena del film
Titolo originaleRobin Hood
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneRegno Unito, Stati Uniti d'America
Anno2010
Durata136 min. (versione cinematografica)
156 min. (Director's cut)
Genereazione, avventura, epico, drammatico, storico
RegiaRidley Scott
SoggettoBrian Helgeland, Ethan Reiff, Cyrus Voris
SceneggiaturaBrian Helgeland
ProduttoreBrian Grazer, Ridley Scott, Russell Crowe
Produttore esecutivoCharles J.D. Schlissel, Michael Costigan, Jim Whitaker, Ryan Kavanaugh
Casa di produzioneImagine Entertainment, Relativity Media, Scott Free Productions
Distribuzione (Italia)Universal Pictures
FotografiaJohn Mathieson
MontaggioPietro Scalia
Effetti specialiHammerhead Productions, Prime Focus, Invisible Effet, Lola VFX
MusicheMarc Streitenfeld
ScenografiaArthur Max
CostumiJanty Yates
TruccoPaul Engelen
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
(EN)

« Rise and rise again until lambs become lions. »

(IT)

« Ribellarsi e ribellarsi ancora, finché gli agnelli diverranno leoni. »

(Robin Hood)

Robin Hood è un film del 2010 diretto da Ridley Scott e interpretato tra gli altri da Russell Crowe. La sceneggiatura si basa sulla leggendaria figura di Robin Hood, mitico eroe inglese.

Il 12 maggio 2010 il film ha aperto la 63ª edizione del Festival di Cannes ed è stato distribuito in vari paesi europei, Italia compresa. Il 14 maggio 2010 è uscito in Regno Unito e Stati Uniti.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

È la fine del XII secolo e Robin Longstride (diventato orfano da bambino ancora senza sapere il motivo), è un semplice arciere militare inglese, impegnato in Francia nella guerra dopo le crociate, dichiarata dall'Inghilterra per tornare in possesso dei propri feudi plantageneti che erano rimasti in Normandia e Aquitania. In seguito alla morte in battaglia del buon re d'Inghilterra Riccardo Cuor di Leone, Robin e tre altri soldati amici suoi (Alan Dale, Little John e Will Scarlett), tentano di ritornare in patria, dopo dieci anni di battaglie all'estero contro i saraceni e i francesi, i quali sono guidati da Sir Godfrey, un nobile inglese in realtà fedele al re di Francia Filippo Capeto. Lungo la via del ritorno Robin e gli amici si imbattono nell'imboscata che Godfrey tende alla Guardia Reale inglese. Il Re di Francia, in precedenza, aveva ordinato a Godfrey di assassinare Riccardo. Subito dopo l'imboscata Godfrey, parlando con una delle vittime, scopre di avere già ucciso il Re in battaglia e, all'arrivo di Robin, fugge via trafiggendo a morte la vittima. Con lo scopo di ritornare in Inghilterra ricchi e in salute, Robin ed i suoi uomini prendono armi e denaro dai cavalieri uccisi nell'imboscata, oltre alla corona da riportare a Londra. Prima di lasciare la scena del massacro, Robin promette alla vittima uccisa da Godfrey (la quale è un cavaliere e generale, Sir Robert Locksley) di riportare al padre la sua spada a Nottingham.

Arrivati in Inghilterra, Robin (che ha assunto l'identità del defunto Sir Robert Locksley), è scelto tra gli altri come il cavaliere che dovrà portare la notizia della morte del Re alla famiglia reale, e assiste alla susseguente incoronazione del fratello minore di Riccardo, Principe Giovanni. L'avido e sleale Giovanni, subito dopo essere salito al trono, non mostra pietà nei confronti del suo regno e, consigliato e manovrato da Sir Godfrey, impone nuove tasse per rimpinguare le casse della corona. Godfrey verrà spedito a nord per riscuoterle con ogni mezzo. All'insaputa del Re, Godfrey è al servizio del Re francese ed userà il Decreto Regio per uccidere a tradimento la popolazione, anche i bambini, suscitare il malcontento crescente e scatenare una guerra civile, permettendo alle truppe francesi di entrare facilmente.

Robin ed i suoi compagni sono intanto diretti a Nottingham, dove il padre vecchio e cieco di Locksley, Sir Walter, chiede a Robin di impersonare suo figlio ed erede, per evitare che le terre della famiglia vadano in mano alla corona. La vedova di Locksley, Lady Marian, all'inizio non ha fiducia in Robin, ma presto lo prenderà in simpatia quando l'arciere troverà il modo di evitare che il grano, richiesto da Godfrey come tassa, vada allo sceriffo di Nottingham e alla corona. Robin fa anche amicizia con il parroco del paese, Fra Tuck, e con dei ragazzi fuorilegge che vivono felici nella vicina foresta di Sherwood. Con essi deruberà i ricchi nobili ed ecclesiastici, e darà tutto ai poveri, vittime di Godfrey, che adoreranno ed acclameranno l'arciere come "Robin Hood il misericordioso", mentre Sir Walter lo vede come un figlio. Ma Godfrey viene a sapere che Robin non è Locksley e, vedendo che la tenuta di Sir Walter è senza eredi, decide di impadronirsene.

Nel frattempo, le azioni di Godfrey suscitano l'ira dei baroni del nord che si mettono in marcia verso Re Giovanni, con lo scopo di richiedergli una carta dei diritti per i nobili come loro. Una volta saputo dell'inganno di Godfrey, e dovendo affrontare l'imminente invasione francese, il Re accetta la carta per farsi amare e spodesta Godfrey ovunque si trovi. Nottingham, intanto, è messa a ferro e fuoco dagli uomini di Godfrey, il quale cattura lo sceriffo ed uccide Sir Walter. Il saccheggio viene interrotto dal ritorno di Robin e dei baroni che, finita la battaglia, interrogano un francese prigioniero e vengono a sapere quando e dove sbarcherà il Re Filippo. Longstride, intanto, ricorda anche il perché crebbe adottato da altri: vent'anni prima Godfrey stesso, incappucciato da boia al servizio del defunto re inglese Enrico II, uccise con i propri uomini il padre di Robin, onesto scrittore epigrafico, quando suo figlio non aveva che tre anni e aveva visto il padre condannato per aver scritto una carta dei diritti che avrebbe limitato i poteri della corona, e c'era anche Sir Walter tra i firmatari del documento. Robin ritrova il documento sulla piazza dove era stato lasciato in segreto e lo presenta a tutti come la futura Magna Charta Libertatum.

L'invasione dei Francesi sulla costa sud dell'Inghilterra, davanti alle bianche scogliere di Dover, avviene prima del previsto. Le truppe francesi vengono a contatto con l'esercito Inglese e comincia la battaglia, alla quale partecipano pure Re Giovanni, Robin, Marian, Fra Tuck, Little John, Will Scarlett, Alan A'Dale e lo sceriffo. Gli inglesi vincono la battaglia, durante la quale Robin, per salvare Marian, uccide Godfrey. Re Giovanni chiede a chi si sia arreso Re Filippo, e gli viene risposto che si è arreso a Robin e non a lui, e ciò viene interpretato dal Re come un pericolo per il suo potere. Allora il Re, alla fine della battaglia, rifiuta di firmare il documento come promesso, suscitando nuovamente le ire dei baroni, e dichiara Robin un fuorilegge. Infischiandosene, Robin "Hood" si sposa con Marian e si trasferisce nella felice Foresta di Sherwood con lei, Fra Tuck ed i suoi amici, formando i Merry Men della Foresta di Sherwood, la sua banda di fuorilegge buoni.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

A febbraio 2009 il titolo viene cambiato in Robin Hood e a Crowe viene affidata la parte del protagonista Robin. Il film era originariamente stato concepito con il titolo Nottingham e la storia avrebbe dovuto incentrarsi sulla figura dello sceriffo, con Crowe scritturato per interpretarlo. In un secondo periodo di sviluppo, però, la sceneggiatura è stata riscritta e il progetto riavviato.

Ideazione[modifica | modifica wikitesto]

Robin Hood nasce da uno spec script di Ethan Reiff e Cyrus Voris intitolato Nottingham venduto alle case cinematografiche Universal Studios e Imagine Entertainment nel gennaio 2007 per una decina di milioni di dollari.

La sceneggiatura originale presentava un aspetto diverso della storia sempre narrata, incentrandosi sulla figura di un simpatico sceriffo di Nottingham alle prese con un Robin Hood rappresentato più brigante che virtuoso eroe, entrambi coinvolti in un triangolo amoroso con la bella Lady Marian.

Il 18 febbraio 2009 il progetto intitolato Nottingham è stato sostituito da Robin Hood dallo stesso regista durante un'intervista a MTV. Scott ha spiegato che il film non sarà dedicato allo Sceriffo di Nottingham (come precedentemente rumoreggiato), ma a Robin Hood, spiegando la crescita del protagonista durante gli anni trascorsi a Nottingham.

Regia[modifica | modifica wikitesto]

Alla regia è stato confermato Ridley Scott in aprile,[2] inizialmente speranzoso di produrre il film indipendentemente con il suo studio cinematografico e la 20th Century Fox e per questo avviò gli accordi preliminari per il passaggio dei diritti cinematografici.[3]

Scott ha iniziato a lavorare al film dopo Body of Lies e lo sciopero degli attori e sceneggiatori. Il regista ha dichiarato di non essere compiaciuto delle precedenti versioni cinematografiche e di apprezzare Robin Hood: un uomo in calzamaglia di Mel Brooks, poiché presenta una figura di Robin divertente.[4]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Il primo attore ad essere confermato nel film fu Russell Crowe: l'attore era stato inizialmente scritturato e assunto per la parte dello sceriffo di Nottingham, cui era incentrata la sceneggiatura originale, con un contratto d'assunzione di 20ml $ contro il 20% degli incassi cinematografici lordi.[5] Quando il progetto Nottingham era ancora in funzione, Ridley Scott aveva pensato di affidare la parte di Robin Hood a Christian Bale che, secondo lui, sarebbe stato perfetto. Sienna Miller firmò per interpretare Lady Marian, mentre Vanessa Redgrave e William Hurt erano in trattative per essere nel film.

L'11 gennaio Sienna Miller, che doveva interpretare Lady Marian, ha lasciato improvvisamente il cast. I rumour sostengono che ci siano stati numerosi scontri con Russell Crowe e il resto del cast. A sostituire Sienna Miller, il regista ha affidato la parte di Lady Marian a Cate Blanchett. La notizia è stata annunciata su Variety il 26 febbraio 2009. Per il ruolo di Little John la produzione ha scelto Kevin Durand, mentre Danny Huston interpreta Riccardo Cuor di Leone, in una versione più "storica" dei precedenti adattamenti del personaggio popolare. L'attrice Eileen Atkins è entrata ufficialmente nel cast nel ruolo di Eleonora d'Aquitania. Lo sceriffo di Nottingham, che doveva essere interpretato da Russel Crowe e doveva essere il protagonista della prima sceneggiatura[5] è interpretato da Matthew Macfadyen.

Per quanto riguarda gli altri interpreti, Max von Sydow è stato confermato nel ruolo del suocero di Lady Marian, Bronson Webb nel ruolo di Jimoen, Oscar Isaac nel ruolo del Principe Giovanni, ed infine Alan Doyle (Allan A'Dayle), Léa Seydoux (Principessa Isabella) e Mark Addy, Fra Tuck.

Russell Crowe è stato inserito nel cast dopo una serie di valutazioni in quanto ritenuto inizialmente un po' troppo avanti negli anni per un personaggio giovane e scattante come Robin Hood[6]. Crowe si è interessato al personaggio per oltre 10 mesi, studiando molti testi e libri sulla leggenda, in modo da rappresentare nel modo più fedele e migliore possibile il brigante[7]; si è allenato al tiro con l'arco per 4 mesi, sino ad arrivare a mirare e centrare un bersaglio da una distanza di 45 metri.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

A causa del cambiamento di sceneggiatura, le riprese del film sono state rinviate a marzo 2009. Il 25 marzo la Universal Pictures ha annunciato ufficialmente l'inizio delle riprese del film in Inghilterra.

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo teaser trailer era stato distribuito il 15 dicembre 2009, insieme a immagini inedite dei protagonisti. Il trailer italiano era uscito invece il 23 dicembre 2009.[8]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 maggio 2010 il film ha aperto la 63ª edizione del Festival di Cannes ed è stato distribuito in vari paesi europei, Italia compresa. Dal 14 maggio 2010 è esordito nelle sale cinematografiche di Regno Unito e Stati Uniti d'America.[9]

Doppiaggio italiano[modifica | modifica wikitesto]

Luca Ward, la voce ufficiale di Crowe ha doppiato solo il trailer del film. Non ha potuto ultimare il film in seguito all'infortunio durante il programma L'isola dei famosi[10]. È stato sostituito da Fabrizio Pucci, altra voce abituale di Russell Crowe. Nel film del 1991 Robin Hood - Principe dei ladri Luca Ward prestava la voce al protagonista, interpretato da Kevin Costner e Fabrizio Pucci al personaggio di Guy di Guisborne (Michael Wincott); anche Gianni Musy, che qui doppia Max von Sydow nel ruolo del padre adottivo di Robin, aveva già prestato la sua voce nel film del 1991, doppiando in quel caso proprio il ruolo del padre del protagonista.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Nel week-end d'esordio nelle sale nordamericane il film ha incassato 36 063 385 $. In totale, ha incassato 105 269 730 $ in Nord America e 216 400 011 $ in tutto il mondo, per un incasso complessivo di 321 669 741 $.[11] In Italia ha incassato circa 11,1 milioni di .[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robin Hood is coming in May of 2010, ComingSoon, 11 aprile 2009.
  2. ^ Michael Fleming, Scott set for 'Nottingham', in Variety, 29 aprile 2007. URL consultato il 30 aprile 2007.
  3. ^ Patrick Goldstein, 'Nottingham': Will Russell Crowe ever romp in Sherwood Forest?, in Los Angeles Times, 7 agosto 2008. URL consultato il 7 agosto 2008.
  4. ^ Garth Pearce, Russell Crowe to toughen up Robin Hood, in The Times, 9 novembre 2008. URL consultato l'11 novembre 2008.
  5. ^ a b Michael Fleming, Diane Garrett, Universal flies with Crowe, in Variety, 31 gennaio 2007. URL consultato il 30 aprile 2007.
  6. ^ Russell Crowe troppo vecchio per fare Robin Hood, Filmissimo.it, 02 giugno 2010. URL consultato il 2 giugno 2010.
  7. ^ Gill Pringle, Russell Crowe: "Angry? Me? Never", in The Independent, 7 novembre 2008. URL consultato il 7 novembre 2008.
  8. ^ Trailer italiano
  9. ^ Robin Hood is coming in May of 2010, ComingSoon, 11 aprile 2009.
  10. ^ Cinecittà Personaggi
  11. ^ (EN) Robin Hood, su Box Office Mojo. URL consultato il 04 dicembre 2017. Modifica su Wikidata
  12. ^ Robin Hood - Info, su Movieplayer.it. URL consultato il 04 dicembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]