Premio Mercury

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il Premio Mercury, in inglese Mercury Prize, già noto come Mercury Music Prize e ufficialmente Barclaycard Mercury Prize, è un premio musicale al miglior album britannico o irlandese conferito annualmente dalla British Phonographic Industry e la BARD (la Associazione Discografica Britannica) dal 1992, quando nacque come alternativa ai Brit Awards.

Le nomination vengono annunciate a luglio, mentre la cerimonia di assegnazione del premio si tiene a settembre.

Albo d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Anno Vincitore/i Nominati Note
1992 Primal ScreamScreamadelica [1]
1993 SuedeSuede [2]
1994 M PeopleElegant Slumming [3]
1995 PortisheadDummy [4]
1996 PulpDifferent Class [5]
1997 Roni Size/ReprazentNew Forms [4]
1998 GomezBring It On [4]
1999 Talvin SinghOk [6]
2000 Badly Drawn BoyThe Hour of Bewilderbeast
2001 PJ HarveyStories from the City, Stories from the Sea [8]
2002 Ms. DynamiteA Little Deeper [9]
2003 Dizzee RascalBoy in da Corner [10]
2004 Franz FerdinandFranz Ferdinand [11]
2005 Antony and the JohnsonsI Am a Bird Now
2006 Arctic MonkeysWhatever People Say I Am, That's What I'm Not [12]
2007 KlaxonsMyths of the Near Future [13]
2008 ElbowThe Seldom Seen Kid [14]
2009 Speech DebelleSpeech Therapy [15]
2010 The xxxx [16]
2011 PJ HarveyLet England Shake [17]
2012 Alt-JAn Awesome Wave [18]
2013 James BlakeOvergrown
2014 Young FathersDead [19]
2015 Benjamin ClementineAt Least for Now
2016 SkeptaKonnichiwa
2017 SamphaProcess [20]
2018 Wolf AliceVisions of a Life
2019 DavePsychodrama [21]
2020 Michael KiwanukaKiwanuka
2021 Arlo ParksCollapsed in Sunbeams [22]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The 1992 Mercury Music Prize: Andy Gill looks at the winner of the inaugural Mercury Music Prize, The Independent.
  2. ^ (EN) The London Suede, su mtv.com, MTV.
  3. ^ Jack Hughes, Cries & Whispers, in The Independent, 18 settembre 1994. URL consultato il 10 giugno 2009.
  4. ^ a b c Mercury winners: where are they now?, in Channel 4, 18 luglio 2007. URL consultato il 10 giugno 2009 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2009).
  5. ^ Marianne MacDonald, Pulp create a different class of award, in The Independent, 11 settembre 1996. URL consultato il 10 giugno 2009.
  6. ^ Talvin Singh: Closing the divide, in BBC News, 8 settembre 1999. URL consultato il 10 giugno 2009.
  7. ^ Ian Youngs, Mercury Prize's guessing game, in BBC News, 30 luglio 2002. URL consultato il 10 giugno 2009.
  8. ^ PJ Harvey wins Mercury prize – after witnessing Pentagon attack, in The Guardian, 12 settembre 2001. URL consultato il 10 giugno 2009.
  9. ^ Angelique Chrisafis, Ms Dynamite's victory blasts Mercury norms, in The Guardian, 18 settembre 2002. URL consultato il 1º settembre 2009.
  10. ^ Matthew Imagee, Still going strong after Dizzee rise to Mercury's peak, in The Scotsman, 7 settembre 2004. URL consultato il 10 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2009).
  11. ^ Patrick Barkham, Mercury rises for art pop of Franz Ferdinand, in The Guardian, 8 settembre 2004. URL consultato il 10 giugno 2009.
  12. ^ Arctic Monkeys win 2006 Mercury Music Prize, in NME, 5 settembre 2006. URL consultato il 10 giugno 2009.
  13. ^ Helen Pidd, Klaxons are the big noise on Mercury awards night, in The Guardian, 5 settembre 2007. URL consultato il 10 giugno 2009.
  14. ^ Pete Paphides, Pete Paphides salutes Elbow's Mercury Prize victory, in The Times, 10 settembre 2008. URL consultato il 10 giugno 2009.
  15. ^ Rosie Swash, Mercury Prize 2009 Nominations Announced, in The Guardian, 21 luglio 2009. URL consultato il 21 luglio 2009.
  16. ^ Mercury Prize 2010 Nominations Announced, in NME, 20 luglio 2010. URL consultato il 20 luglio 2010.
  17. ^ Alexandra Topping, Adele leads Mercury prize 2011 shortlist, in The Guardian, 19 luglio 2011. URL consultato il 19 luglio 2011.
  18. ^ Amelia Butterly, Plan B hopes for his 'Dizzee Rascal' moment at Mercurys, in BBC News, 13 settembre 2012. URL consultato il 7 novembre 2012.
  19. ^ Young Fathers Win the Mercury Prize, pitchfork.com
  20. ^ The full Mercury prize 2017 shortlist, theguardian.com
  21. ^ (EN) Madison Bloom, Mercury Prize 2019 Shortlist: The 1975, slowthai, Black Midi, More, su archive.fo, Pitchfork, 25 luglio 2019. URL consultato il 12 luglio 2022 (archiviato il 15 settembre 2019).
  22. ^ (EN) Ben Beaumont-Thomas, Mercury prize 2021: Arlo Parks wins for Collapsed in Sunbeams, su theGuardian.com, 9 settembre 2021. URL consultato il 6 aprile 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica