X&Y

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
X&Y
ArtistaColdplay
Tipo albumStudio
Pubblicazione6 giugno 2005
Durata61:59
Dischi1
Tracce12
GenereRock alternativo[1]
Pop rock[1]
Britpop[1]
EtichettaParlophone Europa
Capitol, EMI Stati Uniti
ProduttoreDanton Supple, Coldplay, Ken Nelson[2]
Registrazionegennaio 2004–aprile 2005
Air Studios, Sarm West e The Town House, Londra
Parr Street, Liverpool
CRC, Chicago
The Hit Factory, New York
FormatiCD, 2 LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroBrasile Brasile[3]
(vendite: 50 000+)
Grecia Grecia[4]
(vendite: 10 000+)
Italia Italia[5]
(vendite: 40 000+)
Dischi di platinoArgentina Argentina (3)[6]
(vendite: 120 000+)
Australia Australia (6)[7]
(vendite: 420 000+)
Austria Austria[8]
(vendite: 20 000+)
Belgio Belgio (2)[9]
(vendite: 60 000+)
Canada Canada (5)[10]
(vendite: 500 000+)
Danimarca Danimarca[11]
(vendite: 30 000+)
Europa Europa (5)[12]
(vendite: 5 000 000+)
Finlandia Finlandia[13]
(vendite: 34 222+)
Francia Francia[14]
(vendite: 200 000+)
Germania Germania (3)[15]
(vendite: 600 000+)
Irlanda Irlanda (8)[16]
(vendite: 120 000+)
Messico Messico[17]
(vendite: 100 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (4)[18]
(vendite: 60 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[19]
(vendite: 80 000+)
Portogallo Portogallo[20]
(vendite: 40 000+)
Regno Unito Regno Unito (8)[21]
(vendite: 2 400 000+)
Spagna Spagna (2)[22]
(vendite: 160 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (3)[23]
(vendite: 3 000 000+)
Svizzera Svizzera (2)[24]
(vendite: 80 000+)
Coldplay - cronologia
Album precedente
(2003)
Album successivo
(2007)
Singoli
  1. Speed of Sound
    Pubblicato: 23 maggio 2005
  2. Fix You
    Pubblicato: 5 settembre 2005
  3. Talk
    Pubblicato: 19 dicembre 2005
  4. The Hardest Part
    Pubblicato: 6 aprile 2006
  5. What If
    Pubblicato: 27 giugno 2006

X&Y è il terzo album studio del gruppo musicale britannico Coldplay, pubblicato il 6 giugno 2005 dalla Parlophone.

L'album è stato premiato ai BRIT Awards 2006 nella categoria MasterCard British album[25] e raggiunse la prima posizione in 32 diversi Paesi, risultando essere il più venduto a livello mondiale nel corso del 2005[26] vendendo circa 10 milioni di copie.[27]

Antefatti e produzione[modifica | modifica wikitesto]

Come confessato dagli stessi Coldplay, il successo dei precedenti dischi ha reso più complessa la realizzazione del terzo capitolo della loro discografia. Le difficoltà sono derivate però anche dalle distanze tra i componenti del gruppo, come confermato dal batterista Will Champion:[28]

« Alla fine del tour eravamo distaccati, distanti tra di noi. E le prime registrazioni suonavano disperate. Abbiamo capito che dovevamo cambiare qualcosa, così ci siamo ritrovati in una piccola sala prove, abbiamo iniziato da capo e ci siamo messi a suonare cercando lo spirito delle origini. »

Anche il frontman Chris Martin ha confermato che il gruppo ha inizialmente subito forti pressioni interne.[28] Tali difficoltà hanno provocato alcuni ritardi nella lavorazione del disco, che sono costate ai Coldplay il pagamento di una pesante penale alla loro casa discografica.[29] Come confermato diversi mesi più tardi da Martin, le pressioni per chiudere in fretta X&Y hanno costretto i Coldplay a fare scelte affrettate:[30]

« Parecchi brani che avevamo scritto per X&Y non sono riusciti ad entrare nell'album e, guardandoci indietro, avrebbero dovuto essere incluse. Quando è arrivato il momento di decidere cosa sarebbe finito sul disco e cosa no, ormai eravamo quasi fuori tempo massimo. Significa, purtroppo, che X&Y non è stato all'altezza di quello che avrebbe potuto essere. »

Già nel mese di marzo 2005 erano stati resi noti i titoli della maggior parte dei brani che costituiscono il disco, e, sempre a marzo 2005, diverse canzoni di X&Y sono state eseguite pubblicamente per la prima volta, durante uno showcase tenuto a Londra dalla band.[31]

Dopo diverse indiscrezioni che avevano suggerito titoli diversi per il disco, il titolo dell'album venne rivelato nel marzo 2005.[32]

A partire dal 19 aprile 2005 fu trasmesso da tutte le radio europee il primo singolo estratto da X&Y, intitolato Speed of Sound.[28] Il singolo venne pubblicato commercialmente il 3 giugno 2005.[28]

Nonostante gli sforzi da parte della casa discografica, l'album è stato illecitamente distribuito tramite Internet a partire da alcuni giorni prima della sua pubblicazione ufficiale.[33]

Concezione[modifica | modifica wikitesto]

X&Y si differenzia dai due album precedenti (Parachutes e A Rush of Blood to the Head), in quanto è stata dedicata una maggiore ricercatezza del suono e un maggiore utilizzo del sintetizzatore. Per quanto riguarda i testi, una forte differenza rispetto ai primi due dischi del gruppo è che, mentre in passato Chris Martin parlava solitamente in prima persona singolare, nei testi di X&Y prevale l'utilizzo della seconda persona you, ripetuta ben 206 volte.[34] Nonostante ciò, l'album conserva numerosi punti in comune con Parachutes e A Rush of Blood to the Head, al punto che nel 2008 il chitarrista Jonny Buckland affermò che il gruppo considera i suoi primi tre lavori come una vera e propria trilogia,[35] dopo che già a breve distanza dalla pubblicazione di X&Y i Coldplay dichiararono che quest'ultimo rappresentava di fatto la fine della prima fase della loro carriera.[36]

'Til Kingdom Come, la traccia fantasma del disco, era stata originariamente scritta per Johnny Cash, scomparso tuttavia nel 2003 prima di poterla incidere.[37] Questa traccia è presente nel film del 2012 di Marc Webb The Amazing Spider-Man, ascoltabile alla fine di un dialogo tra Peter Parker e Gwen Stacy.[38]

Il riff di chitarra della quinta traccia Talk, riprende la melodia di Computer Love dei Kraftwerk, i quali compaiono tra gli autori del brano.[39]

I brani Swallowed in the Sea e Fix You sono dedicati da Chris Martin alla moglie Gwyneth Paltrow e parlano del dolore di quest'ultima per la morte del padre, avvenuta nel 2002.[40] Fix You inoltre è il primo brano dei Coldplay che vede la partecipazione vocale di tutti i componenti del gruppo ed è costruito come un crescendo che inizia solamente con il suono dell'organo e della voce di Chris Martin, ai quali poi si aggiungono la chitarra di Jonny Buckland e la batteria di Will Champion.

Titolo e copertina[modifica | modifica wikitesto]

Nastro di carta con i fori nel Codice Baudot, usato sulla copertina del di X&Y

Il titolo dell'album fu spiegato in un'intervista da Chris Martin, il quale affermò che X&Y è un riferimento alle variabili incognite, ovvero tutte quelle cose che «sono sconosciute ma costanti ed importanti», aggiungendo poi che «ci sono molti misteri al mondo che noi diamo per scontati, e non abbiamo la minima idea di quali siano le risposte ad essi».[41] Il cantante ha poi aggiunto che X&Y «ha a che fare anche con gli opposti e le tensioni tra gli opposti»;[41] su tale argomento è poi tornato nel corso di un'altra intervista, dicendo che X&Y «è un modo migliore per dire jing e yang» aggiungendo inoltre: «tutta la mia vita è un misto tra ottimismo e pessimismo nelle loro forme più estreme. E questo è ciò che per me significa X&Y. Sono due lati opposti. Mi piace il fatto che siano lettere molto forti, molto chiare.»[42]

Infine, il titolo è anche un riferimento ai due cromosomi umani X e Y.[41]

La copertina del disco venne realizzata dal duo Tappin Gofton, costituito da Mark Tappin e Simon Gofton.[43] Secondo alcuni, l'immagine, piuttosto criptica, sarebbe un omaggio al noto videogioco degli anni ottanta Tetris.[44] Tuttavia è stato in seguito rivelato che si tratta in realtà di un riferimento al Codice Baudot, un primordiale sistema di codifica per un set di caratteri utilizzato per le comunicazioni telegrafiche. In realtà la stringa che dovrebbe rappresentare il simbolo & è stata erroneamente sostituita da quella simboleggiante il numero 9.

Pubblicazione e promozione[modifica | modifica wikitesto]

I Coldplay in concerto durante il Twisted Logic Tour

X&Y è stato pensato per essere pubblicato nel 2004, nonostante alcune riviste specializzate hanno specificato che l'album non sarebbe stato pubblicato fino al 2005.[45] Agli inizi del 2005 è stato rivelato che l'album sarebbe potuto uscire tra marzo e maggio 2005,[46] mentre agli inizi di aprile dello stesso anno, il gruppo ha finalizzato la lista tracce.[47]

L'album è stato pubblicato il 6 giugno 2005 nel Regno Unito attraverso la Parlophone[48] e il giorno seguente negli Stati Uniti attraverso la Capitol Records. Da esso sono stati estratti tre singoli pubblicati a livello internazionale, usciti tutti nel 2005: Speed of Sound, Fix You e Talk. Nel mese di aprile 2006 è stato pubblicato per il mercato europeo e australiano The Hardest Part,[49][50] mentre due mesi più tardi è stato pubblicato per il solo Belgio What If.[51] Nel mese di settembre dello stesso anno è stata annunciata dal gruppo la pubblicazione di White Shadows, previsto per il solo mercato australiano.[52] Dopo continui rinvii, quest'ultimo non è mai stato pubblicato come tale; tuttavia, nel giugno 2007, White Shadows è stato pubblicato in Messico in sola via radiofonica, raggiungendo la posizione 87.[52]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Chris Martin, Guy Berryman, Will Champion e Jonny Buckland, eccetto dove indicato.

  1. Square One – 4:47
  2. What If – 4:57
  3. White Shadows – 5:28
  4. Fix You – 4:55
  5. Talk – 5:11 (Chris Martin, Guy Berryman, Will Champion, Jonny Buckland, Ralf Hütter, Karl Bartos, Emil Schult)
  6. X&Y – 4:34
  7. Speed of Sound – 4:48
  8. A Message – 4:45
  9. Low – 5:32
  10. The Hardest Part – 4:25
  11. Swallowed in the Sea – 3:59
  12. Twisted Logic – 9:40 – contiene la traccia fantasma Til Kingdom Come
Tracce bonus nell'edizione giapponese
  1. Twisted Logic – 5:01
  2. Til Kingdom Come – 8:43 – contiene la traccia fantasma How You See the World
CD bonus nell'edizione speciale giapponese
  1. Things I Don't Understand – 4:54
  2. Proof – 4:12
  3. The World Turned Upside Down – 4:33
  4. Pour Me (Live at the Hollywood Bowl) – 5:03
  5. Sleeping Sun – 3:07
  6. Gravity – 6:17
  7. Speed of Sound (Video) – 4:40
  8. Fix You (Video) – 5:01
  9. Talk (Video) – 5:05
  10. The Hardest Part (Video) – 4:58
DVD bonus presente nella Tour Edition (America Latina, Australia, Sud-est asiatico)
  1. Things I Don't Understand – 4:54
  2. Proof – 4:12
  3. The World Turned Upside Down – 4:33
  4. Pour Me (Live at the Hollywood Bowl) – 5:03
  5. Sleeping Sun – 3:07
  6. Gravity – 6:17
  7. Speed of Sound (Video) – 4:29
  8. Fix You (Video) – 4:55
  9. Talk (Video) – 4:58
  10. The Hardest Part (Video) – 4:51
  11. X&Y Track by Track Interview – 16:02 – presente esclusivamente nell'edizione latinoamericana

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
  • Audrey Riley – arrangiamento strumenti ad arco, strumenti ad arco
  • Chris Tombling, Richard George, Greg Warren Wilson, Laura Melhuish, Sue Dench, Peter Lale, Ann Lines – strumenti ad arco
  • Mark Phytian, Carmen Rizzo – effetti sonori al computer
  • Rob Smith – effetti sonori al computer, assistenza tecnica
  • Matt McGinn – riff di chitarra (traccia 1)
  • Brian Enosintetizzatore aggiuntivo (traccia 9)
Produzione
  • Danton Supple – produzione (eccetto tracce 3, 4, 12 e 13)
  • Coldplay – produzione
  • Ken Nelson – produzione (tracce 3, 4, 12 e 13)
  • Keith Gore – ingegneria Pro Tools
  • Michael H. Brauer – missaggio
  • George Marino, Chris Athens – mastering
  • Jon Bailey, Will Hensley, Jake Jackson, Mar Lejeune, Taz Mattar, Adam Noble, Mike Pierce, Dan Parter, Tim Roe, Brian Russell, Adam Scheuermann, Brad Spence, Jon Withnal, Andrea Wright – assistenza tecnica

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

Ancora prima della sua pubblicazione, l'album è risultato essere il più prenotato della storia sul noto sito di acquisti online Amazon.com.[29] Nella sua prima settimana, l'album è entrato direttamente alla prima posizione delle classifiche di diversi Paesi. Tra questi anche il Regno Unito, dove X&Y, con 464.471 copie vendute,[53] di cui circa 151.000 nel primo giorno,[54] ha anche fatto registrate il secondo miglior risultato di vendite ottenuto fino a quel momento da un album nell'arco della prima settimana dalla pubblicazione, dietro solo a Be Here Now degli Oasis.[55][56]

In Italia X&Y ha superato le 180.000 copie vendute,[57] mentre, secondo i dati aggiornati al giugno 2008, le copie vendute a livello mondiale sono circa 10 milioni.[27] L'album ha esordito in prima posizione nella rispettiva classifica, conservando la vetta per un totale di tre settimane consecutive e restando per 23 settimane nella Top20 degli album più venduti.[58] In concomitanza con la pubblicazione del successivo album Viva la vida or Death and All His Friends, X&Y è rientrato nelle classifiche italiane, restandovi per diverse settimane e raggiungendo il 49º posto. Anche negli Stati Uniti d'America l'album ha esordito al primo posto in classifica, vendendo oltre 737.000 copie nella prima settimana.[55] A distanza di tre settimane, l'album aveva già superato la cifra di un milione di copie vendute nei soli Stati Uniti.[59]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2005) Posizione
Australia[65] 8
Austria[66] 8
Belgio (Fiandre)[67] 1
Belgio (Vallonia)[68] 8
Danimarca[69] 11
Francia[70] 25
Irlanda[71] 5
Italia[72] 16
Messico[73] 30
Nuova Zelanda[74] 3
Mondo[26] 1
Paesi Bassi[75] 5
Regno Unito[76] 2
Spagna[77] 26
Stati Uniti[78] 14
Svizzera[79] 2
Classifica (2006) Posizione
Australia[80] 26
Austria[81] 50
Belgio (Fiandre)[82] 17
Belgio (Vallonia)[83] 72
Italia[84] 54
Paesi Bassi[85] 52
Regno Unito[86] 49
Stati Uniti[87] 89
Svizzera[88] 68

Classifiche di fine decennio[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2000-2009) Posizione
Australia[89] 38
Paesi Bassi[90] 23
Stati Uniti[91] 130

Premi e nomination[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nomination[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) X&Y, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 6 marzo 2015.
  2. ^ Antonio Orlando, Coldplay - X%Y - Recensione, Musica e dischi, giugno 2005.
  3. ^ (PT) Certificados, Associação Brasileira dos Produtores de Discos. URL consultato il 16 gennaio 2011.
  4. ^ a b (EL) Top 50 Ξένων Aλμπουμ - Εβδομάδα 12/2007, IFPI Greece. URL consultato il 25 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2007).
  5. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il accesso = 29 agosto 2012.
  6. ^ (ES) Discos de Oro y Platino, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 6 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2009).
  7. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2012 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 24 giugno 2012.
  8. ^ (DE) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 6 luglio 2012. Digitare "Coldplay" in "Interpret", dunque premere "Suchen".
  9. ^ (FR) Les Disques d'Or/de Platine - 2006, Ultratop. URL consultato il 6 luglio 2012.
  10. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 6 luglio 2012.
  11. ^ (DA) Album Top-30 - Uge 23 - 2006, Tracklisten. URL consultato il 6 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2012).
  12. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards - 2010, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 6 luglio 2012.
  13. ^ (FI) Musiikkituottajat - Tilastot - Kulta- ja platinalevyt, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 16 gennaio 2011.
  14. ^ (FR) Certifications Albums Double Platine - année 2008, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 16 gennaio 2011.
  15. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 6 luglio 2012.
  16. ^ (EN) 2005 Certification Awards - Multiplatinum, su irishcharts.ie. URL consultato il 6 luglio 2012.
  17. ^ (ES) Certificationes, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 18 febbraio 2018.
  18. ^ (EN) Top 40 Albums - Monday 2 October 2006, Recorded Music NZ. URL consultato il 6 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2012).
  19. ^ (NL) Buzz-top-3: Chirac, Donner en Coldplay, HP/De Tijd, 16 dicembre 2011. URL consultato il 6 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2012).
  20. ^ (PT) Top Oficial AFP - Top 30 Artistas - Semana 25 de 2006, su artistas-espectaculos.com. URL consultato il 6 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2010).
  21. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 6 luglio 2012. Digitare "X&Y" in "Search BPI Awards" e premere Invio.
  22. ^ (EN) Top 100 Albumes - Semana 34: del 18.08.08 al 24.08.08 (PDF), Productores de Música de España. URL consultato il 6 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2012).
  23. ^ (EN) Coldplay – Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 18 febbraio 2018.
  24. ^ (DE) Edelmetall 2005, Schweizer Hitparade. URL consultato il 6 luglio 2012.
  25. ^ a b (EN) Brit Awards 2006: The winners, BBC, 15 febbraio 2006. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  26. ^ a b (EN) Top 50 Global Best Selling Albums for 2005 (PDF), International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 16 gennaio 2011.
  27. ^ a b Giuseppe Videtti, Coldplay, trendy e sexy ecco il rock d'alta moda, la Repubblica, 18 giugno 2008. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  28. ^ a b c d Tornano i Coldplay, alla velocità del suono: 'Il nostro disco più difficile', Rockol.it, 13 aprile 2005. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  29. ^ a b Coldplay, su Amazon record di prenotazioni, la Repubblica, 6 giugno 2005. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  30. ^ Dal quasi scioglimento al futuro: nuovo album dei Coldplay entro 12 mesi, Rockol, 21 febbraio 2006. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  31. ^ Coldplay: la scaletta dell'album, le date del tour, Rockol, 10 marzo 2005. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  32. ^ Coldplay: è 'X&Y' il titolo del nuovo album. Dal vivo in Italia in luglio, Rockol.it, 11 marzo 2005. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  33. ^ Il disco dei Coldplay finisce sulla rete, Rockol.it, 2 giugno 2005.
  34. ^ (EN) Jon Pareles, The Case Against Coldplay, The New York Times, 5 giugno 2005. URL consultato il 12 febbraio 2011.
  35. ^ Coldplay: il primo singolo sarà forse '42', Rockol, 29 febbraio 2008. URL consultato il 12 febbraio 2011.
  36. ^ (EN) Coldplay are moving into new phase, New Musical Express, 13 ottobre 2005. URL consultato il 12 febbraio 2011.
  37. ^ (EN) Coldplay pay tribute to Johnny Cash on North American tour, New Musical Express, 23 agosto 2005. URL consultato il 12 febbraio 2011.
  38. ^ (EN) Amazong Spiderman Soundtrack, Pavoreal. URL consultato l'11 agosto 2012.
  39. ^ (EN) Craig McLean, The importance of being earnest, The Guardian, 28 maggio 2005. URL consultato il 12 febbraio 2011.
  40. ^ (EN) Richard Simpson, Gwyneth Paltrow reveals her family's anger at Jonathan Ross claiming she was 'gagging for it' in smutty chat show interview, Daily Mail, 3 febbraio 2009. URL consultato il 12 febbraio 2011.
  41. ^ a b c (EN) Suryatapa Bhattacharya, Coldplay X&Y = Make Trade Fair, Fazeteen.com. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  42. ^ (EN) 'TALK' DRIVES COLDPLAY CRAZY!, NME.com, 31 marzo 2005. URL consultato il 12 febbraio 2011.
  43. ^ (EN) X&Y (Credits), su AllMusic, All Media Network.
  44. ^ Un album da "Tetris" per i Coldplay, Tgcom, 5 aprile 2005. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  45. ^ (EN) Wes Orshoski, Coldplay Enter London Studio To Begin Work On Third Album, MTV, 29 gennaio 2004. URL consultato il 22 luglio 2014.
  46. ^ (EN) Coldplay Goes Back To Basics On New Album, Billboard, 12 gennaio 2005. URL consultato il 22 luglio 2014.
  47. ^ (EN) Coldplay Finalizes New Album Track List, Billboard, 4 aprile 2005. URL consultato il 22 luglio 2014.
  48. ^ (EN) X&Y, Coldplay. URL consultato il 22 luglio 2014.
  49. ^ (EN) Coldplay – The Hardest Part (CD, Single, Copy Protected) – Australia, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 14 maggio 2014.
  50. ^ (EN) Coldplay – The Hardest Part (CD, Single, Copy Protected) – Europe, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 14 maggio 2014.
  51. ^ (EN) Coldplay – What If (CD, Single), su Discogs, Zink Media. URL consultato il 14 maggio 2014.
  52. ^ a b White Shadows, Coldplayzone.it. URL consultato il 23 aprile 2014.
  53. ^ (EN) Eminem and Now! 62 lead albums sales, Music Week, 12 dicembre 2005.
  54. ^ Coldplay, rettificato il record UK: 151.000 copie di 'X&Y' vendute in un giorno, Rockol, 10 giugno 2005. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  55. ^ a b (EN) X&Y Coldplay album tops US chart, BBC, 16 giugno 2005. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  56. ^ UK: Coldplay a 500.000 copie all'esordio, ma il record è ancora degli Oasis, Rockol, 15 giugno 2005. URL consultato il 10 febbraio 2005.
  57. ^ Andrea Laffranchi, Cloni, voltagabbana, bravi ragazzi: tutti imitano la band del rock triste, Corriere della Sera, 17 settembre 2005. URL consultato l'11 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2014).
  58. ^ Coldplay - X&Y, italiancharts.com. URL consultato il 5 agosto 2010.
  59. ^ Classifiche USA: Coldplay al primo posto per la terza volta, Rockol, 6 luglio 2005. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  60. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q (NL) Coldplay - X&Y, Ultratop. URL consultato il 28 febbraio 2014.
  61. ^ a b X&Y - Coldplay - Charts & Awards, All Music Guide. URL consultato il 16 gennaio 2011.
  62. ^ (EN) European Albums Chart, Billboard.com. URL consultato il 16 gennaio 2011.
  63. ^ a b c (EN) Coldplay - X&Y - Music Charts, acharts. URL consultato il 16 gennaio 2011.
  64. ^ Hungarian Albums Chart 2005. 08. 08. - 2005. 08. 14., Mahasz.hu. URL consultato il 16 gennaio 2011.
  65. ^ (EN) End Of Year Charts - Top 100 Albums 2005, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  66. ^ (DE) Jahreshitparade 2005, su austriancharts.at. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  67. ^ (NL) Jaaroverzichten 2005, Ultratop. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  68. ^ (FR) Rapports Annuels 2005, Ultratop. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  69. ^ (DA) Album Top-20 2005, su hitlisterne.dk. URL consultato il 15 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2006).
  70. ^ (FR) Classement Albums - année 2005, su disqueenfrance.com. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  71. ^ (EN) Best of 2005, Irish Recorded Music Association. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  72. ^ Classifiche annuali 2005 FIMI Nielsen, dominano gli artisti italiani, Federazione Industria Musicale Italiana, 12 gennaio 2006. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  73. ^ (ES) Top 100 Album (PDF), Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 16 gennaio 2011.
  74. ^ (EN) Annual Top 50 Albums Chart 2005, Recorded Music NZ. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  75. ^ (NL) Jaaroverzichten - Album 2005, su dutchcharts.nl. URL consultato il 17 giugno 2011.
  76. ^ (EN) The Official UK Year-End Top 200 Charts for 2005 (PDF), su ukchartsplus.co.uk. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  77. ^ (ES) Top 50 Albumes 2005 - Lista Anual de Ventas 2005 (PDF), Productores de Música de España. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  78. ^ (EN) Top Billboard 200 Artists - Issue Date: 2005, Billboard. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  79. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2005, Schweizer Hitparade. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  80. ^ (EN) End Of Year Charts - Top 100 Albums 2006, Australian Recording Industry Association. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  81. ^ (DE) Jahreshitparade 2006, su austriancharts.at. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  82. ^ (NL) Jaaroverzichten 2006, Ultratop. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  83. ^ (FR) Rapports Annuels 2006, Ultratop. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  84. ^ Classifiche: Charts Annunali 2006 FIMI-AC Nielsen, Federazione Industria Musicale Italiana, 9 gennaio 2007. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  85. ^ (NL) Jaaroverzichten - Album 2006, su dutchcharts.nl. URL consultato il 17 giugno 2011.
  86. ^ (EN) The Official UK Year-End Top 200 Charts for 2006 (PDF), su ukchartsplus.co.uk. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  87. ^ (EN) Top Billboard 200 - Issue Date: 2006, Billboard. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  88. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2006, Schweizer Hitparade. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  89. ^ (EN) ARIA End of Decade Albums/Top 100 (PDF), Australian Recording Industry Aassociation. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  90. ^ (NL) Decennium Charts - Albums 2000-2009, su dutchcharts.nl. URL consultato il 17 giugno 2011.
  91. ^ (EN) Decade End Charts - Billboard 200 Albums, Billboard. URL consultato il 10 febbraio 2011.
  92. ^ (EN) 2006 JUNO AWARDS - WINNERS, su thecanadianmusicscene.com. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  93. ^ (EN) Coldplay, Gorillaz Lead MTV Europe Music Awards Nominations, MTV, 28 settembre 2005. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  94. ^ (EN) Antony and Johnsons win Mercury, BBC, 7 settembre 2005. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  95. ^ (EN) 48th Grammy Awards - 2006, Rock on the Net. URL consultato l'11 febbraio 2011.
  96. ^ (EN) Meteor Award nominations announced, RTÉ, 23 novembre 2005. URL consultato l'11 febbraio 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock