Hymn for the Weekend

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hymn for the Weekend
Hymn for the Weekend.jpg
Screenshot tratto dal video del brano
Artista Coldplay
Tipo album Singolo
Pubblicazione 5 febbraio 2016
Durata 4:18
Album di provenienza A Head Full of Dreams
Genere Pop
Etichetta Parlophone
Produttore Stargate, Rik Simpson
Formati Download digitale, CD
Certificazioni
Dischi d'oro Austria Austria[1]
(vendite: 15 000+)
Germania Germania[2]
(vendite: 200 000+)
Dischi di platino Australia Australia[3]
(vendite: 70 000+)
Belgio Belgio[4]
(vendite: 20 000+)
Canada Canada[5]
(vendite: 80 000+)
Danimarca Danimarca[6]
(vendite: 60 000+)
Italia Italia (7)[7]
(vendite: 350 000+)
Regno Unito Regno Unito[8]
(vendite: 600 000+)
Spagna Spagna (3)[9]
(vendite: 120 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (2)[10]
(vendite: 2 000 000+)
Svezia Svezia[11]
(vendite: 40 000+)
Svizzera Svizzera (2)[12]
(vendite: 60 000+)
Dischi di diamante Polonia Polonia[13]
(vendite: 100 000+)
Coldplay - cronologia
Singolo precedente
(2015)
Singolo successivo
(2016)

Hymn for the Weekend è un singolo del gruppo musicale britannico Coldplay, il secondo estratto dal settimo album in studio A Head Full of Dreams e pubblicato il 5 febbraio 2016.[14]

È stato annunciato come secondo singolo dal gruppo il 25 gennaio 2016.[15]

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Il videoclip, diretto da Ben Mor e girato a Mumbai, è stato pubblicato il 29 gennaio 2016 attraverso il canale YouTube del gruppo e ha visto la partecipazione della cantante Beyoncé e dell'attrice indiana Sonam Kapoor.[16]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD promozionale (Europa)
  1. Hymn for the Weekend – 4:18
Download digitale – Live from the BRITs[17]
  1. Hymn for the Weekend (Live from the BRITs) – 3:50
Download digitale – remix[18]
  1. Hymn for the Weekend (Seeb Remix) – 3:32

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti
  • Rik Simpson – voce e strumentazione aggiuntiva
  • Stargate – strumentazione aggiuntiva, arrangiamento
  • Nico Berryman, Jonah Buckland, Violet Buckland, Blue Ivy Carter, Ava Champion, Juno Champion, Marianna Champion, Rex Champion, Aubrey Costall, Harvey Costall, Brian Eno, Elise Eriksen, Hege Fossum Eriksen, Selma Eriksen, Jacob Green, Sophia Green, Daniel Grollo, Finn Grollo, Kat Grollo, Mathilda Grollo, Max Harvey, Rafi Harvey, Idil Hermansen, Isak Hermansen, Alison Martin, Apple Martin, Moses Martin – coro
  • Beyoncé – voce
  • Tim Berglingprogrammazione aggiuntiva
  • Regiment Horns – ottoni
Produzione
  • Stargate – produzione
  • Rik Simpson – produzione, missaggio
  • Daniel Green – co-produzione, ingegneria del suono aggiuntiva
  • Bill Rahko – ingegneria del suono
  • Tom Bailey, Robin Baynton, Jaime Sickora, Aleks Von Korff – ingegneria del suono aggiuntiva
  • Laurence Anslow, Fiona Cruickshank, Nicolas Essig, Olga Fitzroy, Jeff Gartenbaum, Christian Green, Pablo Hernandez, Phil Joly, Miguel Lara, Matt McGinn, Chris Owens, Roxy Pope, John Prestage, Kyle Stevens, Derrick Stockwell, Matt Tuggle, Ryan Walsh, Will Wetzel – assistenza tecnica
  • Emily Lazar – mastering

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2016) Posizione
Italia[32] 4

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 17 ottobre 2016. Digitare "Hymn for the Weekend" in "Titel", dunque premere "Suchen".
  2. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 17 ottobre 2016.
  3. ^ (EN) ARIA Charts – Accreditations – 2016 Singles, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 17 ottobre 2016.
  4. ^ (NL) Goud en Platina – 2016, Ultratop. URL consultato il 17 ottobre 2016.
  5. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 16 dicembre 2016.
  6. ^ (DA) Coldplay "Hymn For The Weekend", International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 17 ottobre 2016.
  7. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 12 giugno 2017.
  8. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. URL consultato il 7 agosto 2016. Digitare "Hymn for the Weekend" in "Keywords", dunque premere "Search".
  9. ^ (ES) Coldplay – Hymn for the Weekend, Elportaldemusica.es. URL consultato il 12 dicembre 2016.
  10. ^ (EN) Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 18 aprile 2017.
  11. ^ (SV) Sverigetopplistan, Sverigetopplistan. URL consultato il 17 ottobre 2016. Digitare "Coldplay" in "Keywords", dunque premere "Sok".
  12. ^ (EN) Edelmetall, Schweizer Hitparade. URL consultato il 30 maggio 2017.
  13. ^ (PL) Platynowe płyty CD - Archiwum, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato l'11 agosto 2016.
  14. ^ Gabriel Mompellio, Coldplay - Hymn for the Weekend (Radio Date: 05-02-2016), EarOne, 2 febbraio 2016. URL consultato il 2 febbraio 2016.
  15. ^ (EN) Hymn For The Weekend to be next single, Coldplay, 25 gennaio 2016. URL consultato il 1º febbraio 2015.
  16. ^ (EN) Watch the Hymn For The Weekend video, Coldplay, 29 gennaio 2016. URL consultato il 2 febbraio 2015.
  17. ^ Hymn For The Weekend (Live From The BRITs), Google Play. URL consultato il 1º marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2016).
  18. ^ Hymn for the Weekend (Seeb Remix) - Single, iTunes. URL consultato il 22 maggio 2016.
  19. ^ a b c d e f g h i j k l m (NL) Coldplay - Hymn For The Weekend, Ultratop. URL consultato il 25 aprile 2016.
  20. ^ (EN) Coldplay - Chart History (Billboard Canadian Hot 100), Billboard. URL consultato il 1º marzo 2016.
  21. ^ (EN) Coldplay - Chart History (Canadian Digital Songs), Billboard. URL consultato il 1º marzo 2016.
  22. ^ (EN) TOP 100 SINGLES, WEEK ENDING 3 March 2016, GFK Chart-Track. URL consultato il 30 marzo 2016.
  23. ^ (EN) Official Singles Chart Top 100: 11 March 2016 - 17 March 2016, Official Charts Company. URL consultato il 25 aprile 2016.
  24. ^ (EN) Official Singles Downloads Chart Top 100: 04 March 2016 - 10 March 2016, Official Charts Company. URL consultato il 25 aprile 2016.
  25. ^ (EN) Official Scottish Singles Chart Top 100: 04 March 2016 - 10 March 2016, Official Charts Company. URL consultato il 25 aprile 2016.
  26. ^ (EN) Coldplay - Chart history (The Hot 100), Billboard. URL consultato il 18 settembre 2016.
  27. ^ (EN) Coldplay - Chart history (Digital Songs), Billboard. URL consultato il 1º marzo 2016.
  28. ^ (EN) Coldplay - Chart history (On-Demand Songs), Billboard. URL consultato il 1º marzo 2016.
  29. ^ (EN) Coldplay - Chart history (Hot Rock Songs), Billboard. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  30. ^ (EN) Coldplay - Chart history (Rock Digital Songs), Billboard. URL consultato il 1º marzo 2016.
  31. ^ (EN) Coldplay - Chart history (Rock Streaming Songs), Billboard. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  32. ^ "TOP OF THE MUSIC" FIMI-GfK 2016: LE UNICHE CLASSIFICHE ANNUALI COMPLETE, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 9 gennaio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica