The Fat of the Land

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Fat of the Land
ArtistaThe Prodigy
Tipo albumStudio
Pubblicazione1º luglio 1997
Durata52:21
Dischi1
Tracce10
GenereMusica elettronica
Big beat
Breakbeat
EtichettaXL Regno Unito
Maverick Stati Uniti
ProduttoreLiam Howlett
RegistrazioneEarthbound Central
FormatiCD, 2LP, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroAustria Austria[1]
(vendite: 25 000+)
Francia Francia (2)[2]
(vendite: 200 000+)
Germania Germania[3]
(vendite: 250 000+)
Svizzera Svizzera[4]
(vendite: 20 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia (2)[5]
(vendite: 140 000+)
Canada Canada (3)[6]
(vendite: 300 000+)
Europa Europa[7]
(vendite: 2 000 000+)
Finlandia Finlandia[8]
(vendite: 40 000+)
Regno Unito Regno Unito (4)[9]
(vendite: 1 200 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (2)[10]
(vendite: 2 000 000+)
Svezia Svezia[11]
(vendite: 80 000+)
The Prodigy - cronologia
Singoli
  1. Firestarter
    Pubblicato: 18 marzo 1996
  2. Breathe
    Pubblicato: 11 novembre 1996
  3. Smack My Bitch Up
    Pubblicato: 24 novembre 1997

The Fat of the Land è il terzo album in studio del gruppo musicale britannico The Prodigy, pubblicato nel 1997 dalla XL Recordings.

Si tratta della prima pubblicazione del gruppo con Keith Flint nel ruolo di cantante: la sua voce è presente nei brani Breathe, Serial Thrilla, Fuel My Fire e Firestarter.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Smack My Bitch Up – 5:42 (Liam Howlett, Maurice Smith, Cedric Miller, Keith Thornton, Trevor Randolph)
  2. Breathe – 5:35 (Liam Howlett, Keith Flint, Maxim)
  3. Diesel Power – 4:17 (Liam Howlett, Keith Thornton)
  4. Funky Shit – 5:16 (musica: Liam Howlett)
  5. Serial Thrilla – 5:11 (Liam Howlett, Keith Flint, Skin, Arran)
  6. Mindfields – 5:40 (musica: Liam Howlett)
  7. Narayan – 9:05 (Liam Howlett, Crispian Mills)
  8. Firestarter – 4:40 (Liam Howlett, Keith Flint, Trevor Horn, Anne Dudley, J. J. Jeczalik, Paul Morley, Gary Langan, Kim Deal)
  9. Climbatize – 6:36 (musica: Liam Howlett)
  10. Fuel My Fire – 4:18 (Donita Sparks, Bill Walsh, James, Ross Knight)originariamente interpretata dai L7
The Added Fat EP – CD bonus nella riedizione del 2012[12]
  1. Smack My Bitch Up (Noisia Remix) – 5:53
  2. Firestarter (Alvin Risk Remix) – 3:18
  3. Breathe (Zeds Dead Remix) – 4:36
  4. Mindfields (Baauer Remix) – 3:51
  5. Breathe (The Glitch Mob Remix) – 4:25
  6. Smack My Bitch Up (Major Lazer Remix) – 5:05

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo
Altri musicisti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 3 agosto 2018. Digitare "The Fat of the Land" in "Titel", dunque premere "Suchen".
  2. ^ (FR) Les Certifications, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 3 agosto 2018.
  3. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 3 maggio 2015.
  4. ^ (DE) Edelmetall, Schweizer Hitparade. URL consultato il 3 agosto 2018.
  5. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 1997 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 3 maggio 2015.
  6. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 3 maggio 2015.
  7. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards - 1997, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 3 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2013).
  8. ^ (FI) Prodigy, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 3 agosto 2018.
  9. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 3 maggio 2015.
  10. ^ (EN) The Prodigy, The Fat of the Land – Gold & Platinum, Recording Industry Association of America. URL consultato il 3 maggio 2015.
  11. ^ (SV) Guld- och Platinacertifikat - År 1987 - 1998 (PDF), International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 3 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2011).
  12. ^ (EN) Prodigy – The Fat Of The Land (15th Anniversary Edition Double CD), su Discogs, Zink Media. URL consultato il 3 maggio 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica