Michael Nyman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michael Nyman

Michael Nyman (Londra, 23 marzo 1944) è un compositore, pianista, musicologo e librettista inglese.

Michael Nyman è un rappresentante del minimalismo musicale, ed è stato tra i primi a utilizzare questo termine in contesto musicale nel 1969.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomato alla Royal Academy of Music e al King's College di Londra, fu prima critico musicale, ma poi iniziò a comporre musica per cortometraggi.

Nel 1967 Nyman ha iniziato una lunga collaborazione con il regista gallese Peter Greenaway, per il quale ha composto numerose colonne sonore.

La sua popolarità si è molto accresciuta all'uscita del film Lezioni di piano (The Piano, 1993), di cui ha scritto la colonna sonora. In seguito ha composto le musiche per film come Gattaca - La porta dell'universo (Gattaca) e Fine di una storia (The End of the Affair).

Tuttavia Nyman è anche conosciuto per i suoi lavori musicali non legati ai film come Noises, Sounds & Sweet Airs (1987), per soprano, contralto, tenore ed ensemble strumentale (basato sullo spartito di Nyman per La Princesse de Milan); Ariel Songs (1990) per soprano e banda; MGV (Musique à Grande Vitesse) (1993) per gruppo; concerto per piano (basato sullo spartito di Lezioni di piano), clavicembalo, trombone e sassofono; l'opera The Man Who Mistook His Wife for a Hat (1986), basato su un case-study di Oliver Sacks; e diversi quartetti per archi.

Molte composizioni di Nyman sono state scritte per il suo proprio gruppo, the Michael Nyman Band, formato per una produzione nel 1976 de Il Campiello di Carlo Goldoni. Originariamente costruito su antichi strumenti come la ribeca e la cennamella affiancati da strumenti più moderni come il sassofono per produrre un suono alto possibilmente senza amplificazione, in seguito trasformato in un gruppo completamente amplificato di quartetto d'archi, tre sassofoni, trombone basso, chitarra basso e pianoforte.

Nyman ha anche scritto un libro nel 1974 sulla musica sperimentale intitolato Experimental Music: Cage and Beyond, in cui esplora l'influenza di John Cage sui compositori classici.

Dopo aver collaborato con numerosi registi di film, negli ultimi anni, Nyman ha deciso di passare dietro la macchina da presa, pubblicando il libro fotografico Sublime e realizzando alcuni video.

Ha anche registrato musica pop con i Flying Lizards.

Nel film La stanza del figlio di Nanni Moretti, Nicola Piovani ha riproposto Water Dances di Nyman (tratto dal cortometraggio Making a Splash di Peter Greenaway).

Nel dicembre 2010 la band italiana Belladonna pubblica Let There Be Light, un singolo scritto in collaborazione con Michael Nyman e basato sulla sua The Heart Asks Pleasure First dalla colonna sonora del film di Jane Campion Lezioni di piano. Lo stesso Nyman suona il piano nel brano.[1]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Decay Music (1976)
  • Michael Nyman (1982)
  • Kiss/ Water Dances/ Images (1985)
  • And Do They Do (1986)
  • The Man Who Mistook His Wife for a Hat (1988)
  • La Traversée de Paris (1989)
  • Out of the Ruins (1990)
  • The Nyman/Greenaway Soundtracks (anthology, 1990)
  • The piano concerto (1994)
  • Breaking the rules (1994)
  • Live (1995)
  • After Extra Time (1996)
  • The best of Michael Nyman (anthology, 1997)
  • The suite & the photograph (1998)
  • The Piano (2002)
  • 24 heures de la vie d'une femme (2003)
  • The Draughtsman's Contract (2004)
  • The Piano Sings (2005)
  • Acts of Beauty / Exit no Exit (2006)
  • NYMAN BRASS (2006)
  • Six Celan Songs / The ballad of Kastriot Rexhepi (2006)
  • Michael Nyman-Sublime (2008)
  • Mozart 252 (2008)
  • 8 Lust Songs: I sonetti lussuriosi (2008)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Compositore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Press Coverage, michaelnyman.com. URL consultato l'11-12-10.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN29718990 · LCCN: (ENn81014585 · ISNI: (EN0000 0001 1489 3709 · GND: (DE129928771 · BNF: (FRcb13898053b (data)