Urban Hymns

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Urban Hymns
Artista The Verve
Tipo album Studio
Pubblicazione 29 settembre 1997
Durata 75:51
Dischi 1
Tracce 13
Genere Britpop
Space rock
Alternative rock
Etichetta Virgin Records
Produttore The Verve, Chris Potter, Youth
Registrazione 13 ottobre 1996–4 agosto 1997, Olympic Studios
Certificazioni
Dischi d'oro Argentina Argentina[1]
(vendite: 30 000+)
Dischi di platino Australia Australia (3)[2]
(vendite: 210 000+)
Belgio Belgio[3]
(vendite: 50 000+)
Canada Canada (2)[4]
(vendite: 200 000+)
Europa Europa (4)[5]
(vendite: 4 000 000+)
Francia Francia[6]
(vendite: 300 000+)
Germania Germania[7]
(vendite: 500 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (5)[8]
(vendite: 75 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[9]
(vendite: 100 000+)
Regno Unito Regno Unito (10)[10]
(vendite: 3 167 875[11])
Spagna Spagna[12]
(vendite: 100 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[13]
(vendite: 1 358 000[14])
Svezia Svezia[15]
(vendite: 100 000+)
Svizzera Svizzera[16]
(vendite: 50 000+)
The Verve - cronologia
Album precedente
(1995)

Urban Hymns, pubblicato il 29 settembre 1997, è il terzo album del gruppo musicale britannico Verve. Acclamato dalla critica, divenne l'album più venduto della band e uno dei dischi di maggiore successo dell'anno.

Bitter Sweet Symphony, la prima traccia dell'album, è stato il brano di maggior successo della band, ma anche quello che ha causato più controversie: accusato di plagio, il leader del gruppo inglese Richard Ashcroft perse la causa intentatagli da Mick Jagger e Keith Richards dei The Rolling Stones, che si aggiudicarono i diritti sulla musica e dovettero essere citati come coautori, mentre nelle ristampe dell'album il brano è citato come eseguito da The Andrew Oldham Orchestra (per la versione orchestrale presente in The Rolling Stones Songbook) & Richard Ashcroft.[17]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Bitter Sweet Symphony (Mick Jagger, Keith Richards, testo di Ashcroft) - 5:58
  2. Sonnet (Ashcroft) - 4:21
  3. The Rolling People (Verve) - 7:01
  4. The Drugs Don't Work (Ashcroft) - 5:05
  5. Catching the Butterfly (Verve) - 6:26
  6. Neon Wilderness (McCabe, Verve) - 2:37
  7. Space and Time (Ashcroft) - 5:36
  8. Weeping Willow (Ashcroft) - 4:49
  9. Lucky Man (Ashcroft) - 4:53
  10. One Day (Ashcroft) - 5:03
  11. This Time (Ashcroft) - 3:50
  12. Velvet Morning (Ashcroft) - 4:57
  13. Come On (Verve) - 15:15
  • Deep Freeze (ghost track) parte a 13:00

Alcune copie dell'album contengono 15 tracce. La bonus track Lord I Guess I'll Never Know è inserita alla posizione 13, mentre Deep Freeze si separa dal brano Come On (Verve) e si inserisce alla posizione 15.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

  • The Verveproduzione
  • Youth – produzione (tracce 1, 2, 4, 9, 10, 11 e 12)
  • Chris Potter – produzione (tracce 3, 5, 6, 7, 8 e 13), registrazione, ingegneria, missaggio
  • Gareth Ashton, Lorraine Francis, Jan Kybert – assistenza tecnica
  • Brian Cannon – direzione artistica, installazione
  • Martin Catherall, Matthew Sankey – assistenza design
  • Michael Spencer Jones, John Horsley, Chris Floyd – fotografia

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1997) Posizione
Australia[28] 70
Belgio (Fiandre)[29] 86
Belgio (Vallonia)[30] 99
Canada[31] 31
Francia[32] 17
Germania[33] 97
Italia[22] 10
Nuova Zelanda[34] 31
Regno Unito[35] 2
Svezia[36] 28
Classifica (1998) Posizione
Australia[37] 32
Belgio (Fiandre)[38] 44
Germania[39] 51
Nuova Zelanda[40] 8
Paesi Bassi[41] 48
Regno Unito[42] 6
Stati Uniti[43] 85

Classifiche di fine decennio[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1990–1999) Posizione
Regno Unito[44] 8

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Gold & Platinum Discs, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 12 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 6 luglio 2011).
  2. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 1999 Albums, ARIA Charts. URL consultato il 26 aprile 2015.
  3. ^ (NL) Goud en Platina – 2007, Ultratop. URL consultato il 12 febbraio 2013.
  4. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 7 agosto 2014.
  5. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards – 1998, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 2 febbraio 2014.
  6. ^ (FR) Les Certifications depuis 1973, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 26 aprile 2015. Inserire "Verve" e premere "OK".
  7. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  8. ^ (EN) Dean Scapolo, The Complete New Zealand Music Charts: 1966–2006, Wellington, Dean Scapolo and Maurienne House, 2007, ISBN 978-1-877443-00-8.
  9. ^ (NL) NVPI Certifications, Nederlandse Vereniging van Producenten en Importeurs van beeld- en geluidsdragers. URL consultato il 26 aprile 2015.
  10. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. URL consultato l'11 luglio 2015. Digitare "The Verve" in "Keywords", dunque premere "Search".
  11. ^ (EN) Top 40 Best Selling Albums: 28 July 1956 – 14 June 2009, British Phonographic Industry. URL consultato il 19 dicembre 2012.
  12. ^ Productores de Música de España, Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano: Certificados 1996–1999, 1ª ed., ISBN 84-8048-639-2.
  13. ^ (EN) Gold & Platinum Searchable Database, RIAA. URL consultato il 1º febbraio 2012.
  14. ^ (EN) Gary Trust, Ask Billboard: Mariah Carey, Abba, Oasis, The Verve, Billboard, 23 gennaio 2009. URL consultato il 12 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2009).
  15. ^ (SV) Gold & Platinum 1987–1998, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 12 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2012).
  16. ^ (EN) Awards (The Verve; 'Urban Hymns')., Schweizer Hitparade. URL consultato il 17 settembre 2014.
  17. ^ Retro di copertina.
  18. ^ a b c d e f g h i j k l (NL) Ultratop Charts – The Verve – Urban Hymns su Ultratop. URL consultato il 14 maggio 2015.
  19. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 66, No. 22, February 23 1998 su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 14 maggio 2015.
  20. ^ (EN) Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Eurochart Hot 100, Billboard, 8 novembre 1997, p. 61. URL consultato il 14 maggio 2015.
  21. ^ (EN) Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Ireland, Billboard, 1º novembre 1997, p. 61. URL consultato il 14 maggio 2015.
  22. ^ a b Gli album più venduti del 1997, hitparadeitalia.it. URL consultato il 14 maggio 2015.
  23. ^ (EN) Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Portugal, Billboard, 24 gennaio 1998, p. 75. URL consultato il 14 maggio 2015.
  24. ^ (EN) Archive Chart: 1997-10-11, Official Charts Company. URL consultato il 14 maggio 2015.
  25. ^ (EN) Official Scottish Album Chart Top 100, Official Charts Company. URL consultato il 14 maggio 2015.
  26. ^ (ES) Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1ª ed., Spagna, Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  27. ^ (EN) Urban Hymns su AllMusic, All Media Network. URL consultato l'11 luglio 2015.
  28. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 100 Albums 1997, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 14 maggio 2015.
  29. ^ (NL) Jaaroverzichten 1997 (Vl), Ultratop. URL consultato il 14 maggio 2015.
  30. ^ (FR) Jaaroverzichten 1997 (Wa), Ultratop. URL consultato il 14 maggio 2015.
  31. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 68, No. 12, December 14 1998 su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 14 maggio 2015.
  32. ^ (FR) Les Albums (CD) de 1997 par InfoDisc, Infodisc.fr. URL consultato il 14 maggio 2015.
  33. ^ (DE) Album – Jahrescharts 1997, offiziellecharts.de. URL consultato il 14 maggio 2015.
  34. ^ (EN) Top Selling Albums of 1997, Recording Industry Association of New Zealand. URL consultato il 14 maggio 2015 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2015).
  35. ^ (EN) End of Year Album Chart Top 100 - 1997, Official Charts Company. URL consultato il 14 maggio 2015.
  36. ^ (SV) Årslista Album – År 1997, Sverigetopplistan. URL consultato il 14 maggio 2015.
  37. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 100 Albums 1998, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 14 maggio 2015.
  38. ^ (NL) Jaaroverzichten 1998 (Vl), Ultratop. URL consultato il 14 maggio 2015.
  39. ^ (DE) Album – Jahrescharts 1998, offiziellecharts.de. URL consultato il 14 maggio 2015.
  40. ^ (EN) Top Selling Albums of 1998, Recording Industry Association of New Zealand. URL consultato il 14 maggio 2015 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2015).
  41. ^ (NL) Jaaroverzichten 1998, dutchcharts.nl. URL consultato il 14 maggio 2015.
  42. ^ (EN) End of Year Album Chart Top 100 - 1998, Official Charts Company. URL consultato il 14 maggio 2015.
  43. ^ (EN) Billboard 200 Albums: 1998 Year-End Charts, Billboard. URL consultato il 14 maggio 2015.
  44. ^ (EN) Chart Archive - 1990s Albums, everyHit.com. URL consultato il 14 maggio 2015.
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock