FKA twigs

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
FKA twigs
FKA twigs (16231835467) (cropped).jpg
FKA twigs in concerto al Laneway Festival di Sydney nel 2015
NazionalitàRegno Unito Regno Unito
GenereTrip hop[1]
Musica elettronica[1]
Musica sperimentale[1]
Alternative R&B[1]
Periodo di attività musicale2012 – in attività
EtichettaYoung Turks, XL Recordings
Album pubblicati1
Studio1
Sito ufficiale

Tahliah Debrett Barnett, nota con lo nome d'arte FKA twigs (Cheltenham, 16 gennaio 1988), è una cantautrice, musicista e ballerina britannica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata nel Gloucestershire, ha origini giamaicane da parte del padre. All'età di 17 anni si è trasferita a Londra per lavorare come ballerina. In questo ruolo è apparsa in alcuni video di artisti come Kylie Minogue, Ed Sheeran, Taio Cruz e Jessie J.[2]

Riguardo al suo pseudonimo, la sigla FKA sta per "Formerly Known As", mentre twigs vuol dire "ramoscelli" e questo è dovuto al suo modo di piegare le articolazioni.[2]

Il 4 dicembre 2012 ha pubblicato il suo primo EP su internet e ha diffuso un video su YouTube. Nell'agosto 2013 è uscito il video del singolo Water Me.

Il secondo EP è stato pubblicato dalla Young Turks. Nel dicembre 2013 è stata inserita tra i finalisti del sondaggio Sound of 2014 stilato dalla BBC.[3]

Il 6 agosto 2014 è uscito il suo primo album chiamato semplicemente LP1. Dal disco sono stati estratti due singoli prima della pubblicazione dell'album: Two Weeks (uscito in giugno) e Pendulum (luglio). Nel settembre 2014 LP1 è stato inserito nella "shortlist" dei finalisti del Mercury Prize.

Dall'ottobre del 2018 è legata all'attore Shia LaBeouf.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio
  • 2014 – LP1
  • 2019 – Magdalene
EP

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) FKA twigs, su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ a b (EN) Carrie Battanaugust, FKA twigs, Pitchfork Media, 1º agosto 2013.
  3. ^ (EN) Mark Savage, Sam Smith named BBC Sound of 2014, BBC News, 10 gennaio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN310661471 · ISNI (EN0000 0004 3694 4062 · LCCN (ENno2014111849 · GND (DE1057860344 · WorldCat Identities (ENno2014-111849