Whatever People Say I Am, That's What I'm Not

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Whatever People Say I Am, That's What I'm Not
album in studio
ArtistaArctic Monkeys
Pubblicazione23 gennaio 2006
Durata40:56
Dischi1
Tracce13
GenereIndie rock[1]
Garage rock[2]
Rock alternativo[1]
EtichettaDomino
FormatiCD, LP, download digitale
Certificazioni originali
Dischi d'oroCanada Canada[3]
(vendite: 50 000+)
Giappone Giappone[4]
(vendite: 100 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[5]
(vendite: 7 500+)
Stati Uniti Stati Uniti[6]
(vendite: 500 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia[8]
(vendite: 70 000+)
Danimarca Danimarca (2)[9]
(vendite: 40 000+)
Regno Unito Regno Unito (7)[10]
(vendite: 2 100 000+)
Certificazioni FIMI (dal 2009)
Dischi d'oroItalia Italia[7]
(vendite: 25 000+)
Arctic Monkeys - cronologia
Album precedente

Whatever People Say I Am, That's What I'm Not è il primo album del gruppo britannico Arctic Monkeys, pubblicato nel gennaio 2006. Prima della sua uscita sono stati pubblicati tre singoli[11].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'album detiene il record del maggior numero di copie vendute per un album di debutto, con 364 000 copie vendute solo nella prima settimana,[12] superando così dopo 11 anni il record degli Elastica con l'omonimo album[13][14] ed entrando nel Guinness dei primati.

La rivista musicale Rolling Stone ha piazzato l'album alla 41ª posizione nella lista dei 100 migliori album degli anni 2000.[15] La rivista musicale NME ha piazzato l'album alla 4ª posizione dei 100 migliori album dello stesso decennio.[16]

Il disco ha ricevuto sei dischi di platino in UK, un altro in Australia e quattro dischi d'oro rispettivamente in Canada, Danimarca, Giappone e Nuova Zelanda.[senza fonte]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. The View from the Afternoon
  2. I Bet You Look Good on the Dancefloor
  3. Fake Tales of San Francisco
  4. Dancing Shoes
  5. You Probably Couldn't See for the Lights but You Were Staring Straight at Me
  6. Still Take You Home
  7. Riot Van
  8. Red Light Indicates Doors Are Secured
  9. Mardy Bum
  10. Perhaps Vampires Is a Bit Strong But...
  11. When the Sun Goes Down
  12. From the Ritz to the Rubble
  13. A Certain Romance

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • I Bet You Look Good On The Dance Floor (ottobre 2005)
  • When The Sun Goes Down (gennaio 2006)
  • The View From The Afternoon (aprile 2006)
  • Fake Tales Of San Francisco (estate 2006)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Whatever People Say I Am, That's What I'm Not, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 1º luglio 2013.
  2. ^ ARCTIC MONKEYS, Whatever People Say I Am, That's What I Am Not, su unmute.net. URL consultato il 1º luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2009).
  3. ^ (EN) Whatever People Say I Am, That's What I'm Not – Gold/Platinum, su Music Canada. URL consultato il 25 aprile 2022.
  4. ^ riaj.or.jp, http://www.riaj.or.jp/f/data/cert/gd.html.
  5. ^ nztop40.co.nz, https://nztop40.co.nz/chart/albums?chart=1367.
  6. ^ (EN) Arctic Monkeys - Whatever People Say I Am, That's What I'm Not – Gold & Platinum, su Recording Industry Association of America. URL consultato il 25 aprile 2022.
  7. ^ Whatever People Say I Am, That's What I'm Not (certificazione), su FIMI. URL consultato il 20 settembre 2021.
  8. ^ aria.com.au, http://www.aria.com.au/pages/httpwww.aria.com.aupagesARIACharts-Accreditations-2009Albums.htm.
  9. ^ (DA) Whatever People Say I Am, That's What I'm Not, su IFPI Danmark. URL consultato il 2 marzo 2021.
  10. ^ (EN) Whatever People Say I Am, That's What I'm Not, su British Phonographic Industry. URL consultato il 25 aprile 2022.
  11. ^ Federico Guglielmi, Rock 2001-2010: 100 album fondamentali, in Mucchio Extra, Stemax Coop, #36 estate 2011.
  12. ^ (EN) Insiders' guide to Arctic Monkeys, su news.bbc.co.uk, BBC News. URL consultato il 1º luglio 2013.
  13. ^ Arctic Monkeys make chart history, in BBC News, 29 gennaio 2006.
  14. ^ "The 100 Best Debut Albums of All Time. 30. Whatever People Say I Am, That’s What I’m Not". Rolling Stone. Retrieved 28 October 2014
  15. ^ (EN) 100 Best Albums of the 2000s: Arctic Monkeys, 'Whatever People Say I Am, That's What I'm Not', su rollingstone.com, Rolling Stone. URL consultato il 1º luglio 2013.
  16. ^ (EN) The Top 100 Greatest Albums Of The Decade, su nme.com, NME. URL consultato il 1º luglio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]