Permission to Land

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Permission to Land
Artista The Darkness
Tipo album Studio
Pubblicazione 7 luglio 2003 Regno Unito
5 agosto 2003 Stati Uniti
Durata 38:09
Dischi 1
Tracce 10 + 1
Genere Glam rock
Heavy metal
Hard rock
Etichetta Atlantic
Produttore Pedro Ferreira
Certificazioni
Dischi d'oro Stati Uniti Stati Uniti[1]
(vendite: 500 000+)
Dischi di platino Australia Australia[2]
(vendite: 70 000+)
Canada Canada[3]
(vendite: 80 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[4]
(vendite: 15 000+)
Regno Unito Regno Unito (4)[5]
(vendite: 1 200 000+)
The Darkness - cronologia
Album precedente
Singoli
  1. Get Your Hands off My Woman
    Pubblicato: 24 febbraio 2003
  2. Growing on Me
    Pubblicato: 16 giugno 2003
  3. I Believe in a Thing Called Love
    Pubblicato: 22 settembre 2003
  4. Christmas Time (Don't Let the Bells End)
    Pubblicato: 15 dicembre 2003
  5. Love Is Only a Feeling
    Pubblicato: 22 marzo 2004

Permission to Land è il primo album in studio del gruppo musicale britannico The Darkness, pubblicato il 7 luglio 2003 dalla Atlantic Records.

L'album ha avuto un successo enorme, raggiungendo in breve tempo la vetta della UK Albums Chart.[6] Le vendite furono trainate principalmente da singoli come I Believe in a Thing Called Love, che arrivò al secondo posto della UK Singles Chart, e Love Is Only a Feeling, fermatosi invece al quinto posto.[6] In alcune edizioni speciali dell'album compare come traccia bonus Christmas Time (Don't Let the Bells End).

Grazie a questo album, la band si aggiudicò tre Brit Awards nel 2004: Miglior gruppo, Miglior gruppo rock e Miglior album.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Ed Graham, Daniel Hawkins, Justin Hawkins e Frankie Poullain.

  1. Black Shuck – 3:20
  2. Get Your Hands off My Woman – 2:46
  3. Growing on Me – 3:29
  4. I Believe in a Thing Called Love – 3:36
  5. Love Is Only a Feeling – 4:19
  6. Givin' Up – 3:34
  7. Stuck in a Rut – 3:17
  8. Friday Night – 2:56
  9. Love on the Rocks with No Ice – 5:56
  10. Holding My Own – 4:56
  11. Christmas Time (Don't Let the Bells End) – 4:02 – traccia bonus

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2003/04) Posizione
massima
Australia[7] 17
Austria[7] 40
Belgio (Fiandre)[7] 43
Canada[8] 10
Danimarca[7] 21
Finlandia[7] 17
Francia[7] 62
Germania[7] 19
Irlanda[9] 2
Italia[7] 16
Norvegia[7] 13
Nuova Zelanda[7] 5
Paesi Bassi[7] 30
Regno Unito[6] 1
Stati Uniti[8] 36
Svezia[7] 8
Svizzera[7] 59

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gold & Platinum, RIAA. URL consultato il 26 maggio 2015.
  2. ^ (EN) ARIA Charts – Accreditations – 2004 Albums, ARIA Charts. URL consultato il 26 maggio 2015.
  3. ^ (EN) Gold Platinum Database, Music Canada.
  4. ^ (EN) New Zealand album certifications, Recording Industry Association of New Zealand. URL consultato il 26 maggio 2015.
  5. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. Digitare "The Darkness" in "Keywords", dunque premere "Search".
  6. ^ a b c (EN) Artist Chart History - Darkness, Official Charts Company. URL consultato il 16 marzo 2016.
  7. ^ a b c d e f g h i j k l m (NL) The Darkness - Permission to Land, Ultratop. URL consultato il 16 marzo 2016.
  8. ^ a b (EN) Permission to Land: Awards, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 16 marzo 2016.
  9. ^ (EN) TOP 75 ARTIST ALBUM, WEEK ENDING 16 October 2003, Chart-Track. URL consultato il 16 marzo 2016.
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock