Power Girl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Power Girl
Da sinistra: Lanterna Verde, Superman e Power Woman disegnati da Alex Ross.
Da sinistra: Lanterna Verde, Superman e Power Woman disegnati da Alex Ross.
Lingua orig. Inglese
Alter ego Kara Zor-L
Autore Gerry Conway
Editore DC Comics
1ª app. gennaio/febbraio 1976
1ª app. in All Star Comics n. 58
Specie kryptoniana (di Terra-Due)
Sesso Femmina
Abilità

Power Girl, il cui vero nome è Kara Zor-L, è un personaggio dei fumetti creato da Gerry Conway pubblicato dalla DC Comics. Il personaggio fa il suo esordio in All Star Comics n. 58 (gennaio/febbraio 1976).

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Power Girl è la controparte di Supergirl su Terra-2 (realtà alternativa dell'universo DC) e cugina del Superman di Terra-2. Gli sceneggiatori di allora vollero enfatizzare la sua maturità fornendole un costume bianco con una scollatura che lascia scoperto un seno abbondante.

Nota anche come Karen Starr, Kara o Nightwing (in Un anno dopo), è stata membro della Justice Society of America.

Power Girl era nata come personaggio secondario, ma avendo riscontrato l'appeal del personaggio sul pubblico, comparve in altre occasioni finché non divenne titolare di una serie autonoma a lei dedicata, iniziata negli USA nel 2009 ed attualmente in corso.

In Italia Planeta De Agostini ha raccolto alcuni albi della suddetta serie USA e li ha raccolti in tre volumetti nel[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Come suo cugino Kal-L anche Kara fu salvata dalld istruzione di Krypton con una navetta che l'avrebbe portata sulla Terra. Tuttavia la navetta viaggiava molto lentamente e quando atterrò Kara erano già passati decenni e lei era diventata già una ventenne mentre il suo corpo era in stasi (i suoi anni furono poi ret-connati a 18). Quando la sua esistenza fù rivelata entrò a far parte della Società della Giustizia (Justice Society of America) aiutando gli eroi Flash e Wildcat a fermare l'eruzione di un vulcano. Kara assume l'identità civile della programmatrice di computer Karen Star e fà amicizia con Helena Wayne alias la Cacciatrice e figlia in questa realtà di Batman e Catwoman.

In seguito alla Crisi sulle Terre infinite, Terra-2 sparisce e, nella nuova realtà, la storia di Kara viene cambiata. Le viene detto che non è una kryptoniana, ma un atlantidea discendente discendente del mago Arion e rimasta per anni in animazione sospesa. Power Girl entra a far parte della Justice League Europe, ma viene gravamente ferita. Grazie a Superman, si riprende ma vendo perso la capacità di volare e la vista calorifica. Successivamente riprende i suoi poteri. Durante l'evento Ora zero - Crisi nel tempo, sperimenta anche una spece di gravidanza mistica dando alla luce un figlio che invecchia rapidamente e sparisce . La cosa non è mai stata più menzionata. Power Girl lascierà lega della giustizia per diventare un eroina solitaria. Parteciperà anche ad una missione con il supergruppo noto come Birds of Prey, che finirà in un fallimento enorme, e porterà alla morte di moltissime persone. Sconvolta, Kara giurerà di non partecipare più a missioni eroiche con quel gruppo incolpando Oracolo. Rientrata nella Justice Society, Kara incontrerà il mago Arion che le rivelerà che il suo retaggio atlantideo è una menzogna.

Durante gli eventi della Crisi infinita, Power Girl si sconterrà con lo Psico-Pirata che le rivelerà la sua vera natura ovvero la sua originale di cugina di Superman (Kal-L) di Terra-2. Quest'ultimo, insieme alla sua Lois (ormai invecchiata), era riuscito a sopravvivere alla prima crisi insieme ad Alexander Luthor Jr. e Superboy Prime. Kara rivede così i suoi genitori adottivi riaquistando memoria di quel periodo. Successivamente viene però accaturato da Prime ed Alexander che la collegano ad un macchinario, insieme ad altri esseri che hanno legami coi mondi pre-Crisi, che ricrea il multiverso. Power Girl viene liberata da [Wonder Girl]] e Kon-El e partecipa alla battglia finale contro Superboy-Prime assistendo alla morte di suo cugino Kal-L. Per un breve periodo, Power Girl agirà come mentore della più giovane Supergirl nella città miniaturizzata di Kandor, indossando i panni del supereroe locale, Nightwing. Succesivamente rineterà nella Justice Society guidandola temporanaemente. Con il multiverso ricreato si scopre che esiste una nuova Terra-2 dove però Superman non c'è; Kara si scontra con la Power Girl e la Society di quel mondo capendo alla fine che ormai la sua casa è Terra-1.

Nella sua serie, Power Girl riprende la sua identità di Karen Starr trasferendosi a New York ad aprendo una società col suo nome. Farà da mentore alla nuova Terra (una ragazza di nome Atlee) e affronterà minacce come Ultra-Humanite che voleva trasferirsi nel suo corpo. Aiuterà anche un trio di aliene smarrite e dovrà respingere le avance di Vartox. Durante l'evento de La notte più profonda dovrà affrontare i corpi rianimati di Kal-L e la sua Lois Lane trasformati in Lanterne Nere e che verrano distrutto grazie a Mr. Terrific.

Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

Power Girl possiede tutti i classici poteri di Superman: superforza, volo, supervelocità, invulnerabilità, vista a raggi x, vista calorifica e superudito.

Sebbene Power Girl sia una superstite di un altro universo, la sua biologia kryptoniana è simile a quella di Superman.

Mentre nella Justice League Europe, i suoi poteri vennero ridimensionati a causa di ferite conseguenti di un attacco mistico, ma in seguito li recuperò a pieno.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Power Girl è nominata da Buffy nella serie Buffy l'ammazzavampiri, nell'episodio n. 18 della seconda stagione, Il mostro (Killed by Death): la protagonista afferma che da bambina avrebbe voluto essere Power Girl.

Nella serie a cartoni Justice League Unlimited è presente nelle vesti di un personaggio praticamente identico di nome Galatea, un'avversaria della lega e clone di Supergirl (Kara Zor-El).

Il suo vero debuitto animato avviene nel film Superman/Batman: Nemici pubblici tratto dall'ominima storia a fumetti.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Catalogo Planeta DeAgostini Comics, Alessandro Distribuzioni. URL consultato il 9 novembre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics