Petrella Salto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Petrella Salto
comune
Petrella Salto – Stemma Petrella Salto – Bandiera
Petrella Salto – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
ProvinciaProvincia di Rieti-Stemma.png Rieti
Amministrazione
SindacoGaetano Micaloni (lista civica) dall'8-6-2009
Territorio
Coordinate42°18′N 13°04′E / 42.3°N 13.066667°E42.3; 13.066667 (Petrella Salto)Coordinate: 42°18′N 13°04′E / 42.3°N 13.066667°E42.3; 13.066667 (Petrella Salto)
Altitudine786 m s.l.m.
Superficie102,93 km²
Abitanti1 197[1] (31-12-2015)
Densità11,63 ab./km²
FrazioniBorgo San Pietro, Capradosso, Castel Mareri, Cerreta, Colle della Sponga, Colle Rosso, Diga Salto, Fiumata, Offeio, Oiano, Pagliara, Piagge, San Martino, Staffoli, Teglieto
Comuni confinantiAntrodoco, Borgo Velino, Cittaducale, Concerviano, Fiamignano, Longone Sabino, Pescorocchiano, Varco Sabino
Altre informazioni
Cod. postale02025
Prefisso0746
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT057050
Cod. catastaleG513
TargaRI
Cl. sismicazona 2A (sismicità media)
Cl. climaticazona E, 2 652 GG[2]
Nome abitantipetrellani
Patronosan Rocco
Giorno festivo16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Petrella Salto
Petrella Salto
Petrella Salto – Mappa
Posizione del comune di Petrella Salto nella provincia di Rieti
Sito istituzionale

Petrella Salto (La Petrèlla in dialetto sabino[3]) è un comune italiano di 1 197 abitanti del Lazio in provincia di Rieti nel Cicolano. Fino al 1927 faceva parte della provincia dell'Aquila, in Abruzzo e, dal 1233 al 1861, per oltre 600 anni, è stato parte integrante del giustizierato d'Abruzzo e della provincia Abruzzo Ulteriore II, nel distretto di Cittaducale, con capoluogo L'Aquila.[4]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il comune si trova sul Lago del Salto. La località si trova su un'altura che sovrasta la valle del Salto e sovrastata dai Monti del Cicolano.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Classificazione climatica: zona E, 2652 GG

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In passato la località è stata anche chiamata Petrella di Cicoli. Il nome deriva dal latino petra da cui pietra e quindi pietraia. Nel 1598 ebbe luogo nella Rocca di Petrella uno dei più celebri delitti del XVI secolo, l'assassinio del conte Francesco Cenci, organizzato dalla figlia Beatrice.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Borgo San Pietro (Petrella Salto).
  • Il Santuario di Santa Filippa, nel quale sono conservati i resti della Santa si trova nella frazione di Borgo San Pietro. Nel comune molti sono i luoghi legati alla vita della Santa, nata da una nobile famiglia verso la fine del secolo XII, nel castello di loro proprietà della famiglia a Borgo San Pietro. La sua famiglia ne ostacolò la scelta monastica, per cui Filippa fuggì, rifugiandosi in quella che oggi viene chiamata "Grotta di Santa Filippa" (1210 m.s.l.m.), situata sopra l'abitato di Piagge (961 m.s.l.m.), e vi rimase circa tre anni, fino al 1228 quando i fratelli le donarono il castello con l'annessa chiesa di S.Pietro e la Santa si trasferì nella tenuta con le sue compagne vivendo secondo la regola indicata da San Francesco per Santa Chiara e le monache di San Damiano.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

L'abitato di Petrella (a sinistra) con il Lago del Salto e i viadotti della superstrada Rieti-Torano

Strade[modifica | modifica wikitesto]

L'arteria stradale più importante che attraversa il territorio comunale è la Italian traffic signs - strada extraurbana principale.svg Strada statale 578 Salto Cicolana (detta anche superstrada Rieti-Torano), una strada a scorrimento veloce che collega il comune da un lato al capoluogo Rieti, dall'altro a Torano di Borgorose dove si trova il casello "Valle del Salto" dell'Autostrada A24 Italia.svg Autostrada A24 (con la quale si possono raggiungere agevolmente Roma, Avezzano e L'Aquila).

All'interno del territorio comunale rientrano due svincoli: uno a nord di Petrella (che serve anche le frazioni di Capradosso e Staffoli) e uno a sud (che serve anche la frazione di Borgo San Pietro e permette di accedere al lago).

Il territorio comunale è attraversato inoltre da due tortuose strade provinciali, che garantivano i collegamenti tra Rieti e Torano prima della costruzione della superstrada: una è la strada provinciale n. 22 (detta anche "Cicolana Alta"), che passa all'interno del centro abitato di Petrella seguendo un percorso a mezzacosta sulla montagna; l'altra è la strada provinciale n. 67 (detta anche "Cicolana Bassa"), che attraversa la frazione di Borgo San Pietro seguendo la costa del lago del Salto.

Le due strade provinciali sono messe in comunicazione da una breve diramazione (la SP 22a) che collega Petrella a Borgo San Pietro e alla riva del lago.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1927, a seguito del riordino delle circoscrizioni provinciali stabilito dal regio decreto n. 1 del 2 gennaio 1927, per volontà del governo fascista, quando venne istituita la provincia di Rieti, Petrella Salto passò dalla provincia dell'Aquila a quella di Rieti.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Marcello Tonino Bellizzi lista civica Sindaco
2009 in carica Gaetano Micaloni lista civica Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Panoramica della frazione Fiumata in un pomeriggio estivo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2015.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 485/486.
  4. ^ Comuni reatini pronti a lasciare il Lazio - Cronaca - il Centro
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN233905960
Lazio Portale Lazio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lazio