Museo risorgimentale garibaldino Giacomo Giustolisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo risorgimentale garibaldino "Giacomo Giustolisi"
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàMarsala-Stemma.png Marsala
IndirizzoVia Ludovico Anselmi Correale
Caratteristiche
Tipostorico
Periodo storico collezioniRisorgimento
Istituzione1902
FondatoriGiacomo Giustolisi
Apertura1902
1998
ProprietàComune di Marsala
GestioneComune di Marsala
Sito web

Coordinate: 37°48′01.35″N 12°26′05.81″E / 37.800375°N 12.434948°E37.800375; 12.434948

Il Museo risorgimentale garibaldino Giacomo Giustolisi è un museo della città di Marsala dedicato all'impresa dei Mille e in particolare alla sbarco a Marsala.[1] È una sezione del Museo civico di Marsala. Vi sono custoditi anche i cimeli del patriota marsalese Abele Damiani.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondato da Giacomo Giustolisi, contiene i cimeli del periodo garibaldino ed è ospitato all'interno del complesso monumentale San Pietro, un antico monastero delle benedettine al centro della città ristrutturato nel 1998 e aperto al pubblico in tale anno come centro culturale polivalente. Con il trasferimento al complesso monumentale San Pietro è divenuto sezione del Museo civico di Marsala.[2] Dopo la morte di Giustolisi il museo fu intitolato al suo fondatore.

Il museo[modifica | modifica wikitesto]

Il Museo risorgimentale garibaldino Giacomo Giustolisi è ospitato assieme alle altre due sezioni del Museo civico di Marsala (archeologia e delle tradizioni popolari) nell’ex monastero delle benedettine di San Pietro, e che occupa due ampi locali al primo piano del suddetto edificio è un'esposizione permanente di cimeli, documenti originali e di un ricco archivio fotografico risalenti al periodo risorgimentale e illustra le tappe fondamentali dell’unificazione d’Italia, in modo particolare dello sbarco a Marsala dell’11 maggio 1860 mettendo pertanto in luce il contributo fornito dai cittadini marsalesi al processo che porto all'unità d'Italia.

Nel Museo sono esposte anche armi d’epoca da sparo (revolver a spillo, fucili e cannoni) e armi bianche (sciabole, baionette), utilizzate dai garibaldini e le loro divise. Nel museo sono esposti anche i cimeli del patriota, politico e volontario garibaldino marsalese Abele Damiani tra cui la sua uniforme. Vi sono esposti anche costumi siciliani dell’epoca e la famosa poltrona in damasco su cui Giuseppe Garibaldi riposò a Marsala il 19 luglio 1862 durante la sua seconda venuta. Inoltre vi sono collocati mezzibusti, insieme a medaglie, camicie rosse, ed una ricca iconografia relativa all’impresa dei Mille. Al suo interno è coloccata anche una specie di epigrafe con scritto la frase che disse Garibaldi «A Marsala deve gratitudine e riconoscenza tutta Italia».

Prima Sala[modifica | modifica wikitesto]

La prima sala è suddivisa in quattro sezioni principali e dedicate a periodi precisi per una più facile comprensione:

  • prima sezione: il 1848 l’anno della “Primavera dei Popoli”;
  • seconda sezione: il 1859 la seconda guerra d’indipendenza (l’alba dell’Italia);
  • terza sezione: il 1860, l’anno della rivoluzione siciliana e della spedizione dei Mille;
  • quarta sezione: il 1862, il ritorno a Marsala di Garibaldi e la sua famosa esclamazione "O Roma o morte".

Seconda Sala[modifica | modifica wikitesto]

La seconda sala è interamente dedicata al mito di Giuseppe Garibaldi e al ricordo dei Mille garibaldini, in questa sala sono esposti: ritratti, quadri, foto e stampe d'epoca che raffigurano i volti dei volontari garibaldini.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Civico museo risorgimentale garibaldino "Giacomo Giustolisi, Tip. Rubino, Marsala, 2010

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]