Museo storico dei motori e dei meccanismi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo dei Motori
Museo storico dei motori e dei meccanismi
Logo Museo Motori Unipa.png
Fig. 1 Museo Motori Unipa.jpg
Una delle sale del Museo
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàPalermo-Stemma uff.png Palermo
IndirizzoViale delle Scienze, Ed. 8 - Macchine
Caratteristiche
TipoScienza e tecnica
CollezioniMotori e strumentazioni tecnico-scientifiche
Istituzione25 febbraio 2011
FondatoriIng. Giuseppe Genchi, con il contributo del tecnico Beniamino Drago e del prof. Riccardo Monastero
Apertura25 febbraio 2011
ProprietàUniversità degli Studi di Palermo
GestioneSistema Museale di Ateneo
Sito web

Coordinate: 38°06′16.34″N 13°20′50.11″E / 38.104539°N 13.347254°E38.104539; 13.347254

Il Museo storico dei motori e dei meccanismi - in breve anche "Museo dei motori" - è un museo accademico italiano che fa parte del Sistema Museale di Ateneo[1][2][3]dell'Università degli Studi di Palermo[4].

Inaugurato il 25 febbraio 2011[5], contiene una vasta collezione di motori - industriali, aeronautici, navali, automobilistici -, di meccanismi didattici e di apparecchiature scientifiche impiegate nelle attività di ricerca sperimentale nel campo delle Macchine e della Meccanica Applicata[6]. Tra questi, spiccano, per rarità e pregio, motori a vapore della fine del XIX secolo, numerosi motori automobilistici ed aeronautici in dotazione a diversi velivoli del secolo scorso, ed il velivolo storico Fiat G.59 4B, uno dei soli 5 esemplari[7] completi sopravvissuti.

In linea con quanto suggerito dall'ICOM, il Museo dei motori svolge attività di ricerca, restauro e divulgazione attraverso mostre, seminari, workshop ed attività didattiche, promuovendo altresì numerose iniziative culturali in collaborazione con altri musei, enti ed associazioni nell'ambito della politica di sviluppo promossa dall'Ateneo di Palermo. Dispone di un attrezzato laboratorio di restauro e manutenzione in cui tutti i reperti vengono pazientemente ed accuratamente restaurati seguendo ove possibile un approccio conservativo[8].

Per l’importanza storica, tecnica e collezionistica del suo patrimonio, il 31 maggio 2017[9][10] ha ricevuto - primo in Italia - il prestigioso riconoscimento internazionale "Mechanical Engineerig Heritage Collection"[11][12] assegnato dall’American Society of Mechanical Engineers (ASME).

Il museo è stato ideato e realizzato[13][5][14]dall'ing. Giuseppe Genchi, con il contributo del tecnico Beniamino Drago e del prof. Riccardo Monastero. Nel corso degli anni ed in particolari attività ed eventi, il Museo ha ricevuto e riceve il contributo di numerosi studenti tirocinanti (non soltanto di ingegneria) e la collaborazione degli studenti di alcuni istituti scolastici. Lo staff comprende inoltre quattro volontari del Servizio Civile Nazionale, nell'ambito dei progetti PON IOG "Energia e Storia" (nel 2017)[15] e “Patrimonio Industriale”[16] (2018) promossi dal Museo.

Il museo ha sede all’interno del campus universitario del Parco d’Orléans, presso il Dipartimento dell’innovazione industriale e digitale[17], ed è parte del Sistema Museale di Ateneo, che ha il compito di promuovere la conservazione, l'arricchimento e la fruizione del vasto patrimonio storico e scientifico dell'Università palermitana[2].

Il Museo è dotato di audioguida gratuita e del virtual tour 3D.

La storia della collezione[modifica | modifica wikitesto]

Dallo studio degli antichi registri d'inventario è stato possibile ricostruire la storia di molti elementi della collazione del Museo dei Motori, dalla loro provenienza al loro impiego, ma anche la storia dei luoghi, delle strutture accademiche e delle molteplici attività svolte. Molti reperti sono stati acquisiti ed impiegati nel tempo in vari settori della ricerca e dell'insegnamento, e oggi, superati dalle nuove tecnologie, costituiscono e descrivono nel loro insieme un patrimonio di grande valore storico e tecnologico del settore delle macchine e della meccanica in generale[6].

Uno degli spazi del Museo, con alcuni reperti, prima del restauro e della musealizzazione della collezione

Il primo nucleo della collezione ha inizio nella seconda metà del XIX secolo con la fondazione della Regia Scuola di Applicazione per Ingegneri ed Architetti di Palermo (1866)[18], ossia quando viene riformulato il sistema accademico italiano a seguito dell'Unità d'Italia[18][19]. Vari reperti, tra cui motori, strumenti di misura, elementi didattici, sono stati utilizzati da importanti professori[20] come Elia Ovazza (1852 - 1928)[21][22], Giuseppe Manzella (1898 - 1987)[23], Mario Rubino (1896 - ?)[18], Camillo De Gregorio (1911 - 1967)[18], che per decenni, con le loro attività di ricerca e di insegnamento, hanno formato intere generazioni di ingegneri ed hanno contribuito al prestigio scientifico dell’Ateneo di Palermo[18].

L'arrivo degli elementi più antichi di ambito aeronautico è invece legato a quello del professore torinese Antonio Capetti[24] (1895 - 1970), che nel 1925 viene nominato professore alla cattedra di Macchine Termiche e Idrauliche della Regia Università di Palermo[18][24], per poi divenire Rettore del Politecnico di Torino (dal 1955 al 1970)[25]

La consapevolezza del considerevole valore storico e collezionistico di questo patrimonio, e la conseguente necessità di preservarlo, hanno dato impulso ad un importante progetto di restauro[26] e, in parallelo, alla relativa organizzazione in forma museale. Per tale scopo, a partire dal 2008, è stato intrapreso un minuzioso lavoro di ricerca storica e di acquisizione di dati tecnici per poter ripristinare (o rimontare ove necessario) i vari elementi della collezione museale, molti macchinari o parti di essi.

Ad oggi, la collezione comprende più di 300 reperti, in costante crescita grazie ai numerosi contributi di vari Enti, Istituti Accademici e Scolastici, donazioni di privati e di case costruttrici automobilistiche, tra cui Ford.

Tutte le informazioni ed i numerosi documenti, cartacei e digitali, raccolti ed opportunamente elaborati, costituiscono l’archivio del Museo, parte integrante del suo patrimonio[27].

Le macchine idrauliche[modifica | modifica wikitesto]

L’esposizione museale è suddivisa in aree tematiche, la prima delle quali è dedicata alle macchine idrauliche, tra le prime macchine sviluppate per la trasformazione dell’energia e per ottenere energia meccanica[28].

Il Museo possiede turbine idrauliche delle tre tipologie più diffuse (Francis, Kaplan, Pelton), pompe centrifughe e volumetriche[29].

Le macchine a vapore ed i motori industriali[modifica | modifica wikitesto]

L'area espositiva dei motori a vapore.

I primi studi relativi alle macchine a vapore realizzati all'Università di Palermo risalgono alla metà dell‘800, come testimoniano le più antiche apparecchiature scientifiche custodite oggi nel Museo. A quel periodo risale la grande macchina a vapore costruita dalla Fonderia E.G. Neville & C. di Venezia[30], originariamente utilizzata, secondo uno schema di impianto industriale rimasto pressoché immutato fino alla prima metà del ‘900, per azionare i macchinari in un impianto produttivo: i telai di una fabbrica tessile, le macchine utensili di una industria meccanica o le pompe per l’estrazione dell’acqua nelle miniere[31].

Del Museo fa parte anche un motore a vapore navale, del tipo a “doppia espansione” con due cilindri a “doppio effetto”, impiegato verso la fine dell’800 in piccole motonavi come yacht o pescherecci[31]. Oggi, interamente restaurati, entrambi i due grandi motori sono dotati di motori elettrici che consentono di farli ruotare lentamente per mostrare il movimento dei vari organi, suscitando la curiosità dei visitatori[27].

Degli anni ’20 del ‘900 è invece la grande turbina a vapore proveniente dall'antica centrale elettrica "Alessandro Volta"[32] di Palermo. Questa turbina a vapore è caratterizzata dalla particolare tipologia costruttiva tipo Ljungström, in cui l’espansione del vapore avviene in modo radiale centrifugo attraverso due organi controrotanti dotati di palettature multistadio. La sua rilevanza collezionistica è dovuta alla particolarità costruttiva (che ha avuto una certa diffusione nella prima metà del ‘900), alla sua odierna rarità e soprattutto al fatto che rappresenta un pezzo di storia della città di Palermo: rimasta illesa durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, ha fornito energia elettrica a buona parte della città fino al 1952[27][31].

Dopo le macchine a vapore il percorso espositivo del Museo illustra alcuni esemplari di motori a combustione interna sia a gas sia a gasolio, che nel corso della prima metà del ‘900 hanno gradualmente sostituito i motori a vapore (a stantuffi) nel settore navale ed industriale[31].

I motori automobilistici[modifica | modifica wikitesto]

Area espositiva dei motori automobilistici

Il Museo possiede una collezione di motori per autoveicoli di varia tipologia e per differenti applicazioni. La maggior parte di questi sono stati acquistati ed utilizzati per scopi di ricerca e per motivi didattici, come d’altra parte avviene ancora oggi[33]. Nel corso degli anni, con il continuo sviluppo tecnico e scientifico, sono stati via via rimpiazzati da unità più moderne impiegate presso il vicino Laboratorio di Motori dell’Ateneo di Palermo[34].

Il più antico di questi è il motore FIAT tipo 101, prodotto dal 1919 al 1926 per la vettura FIAT 501. Proseguendo in ordine cronologico, sono esposti motori degli anni ’30 e degli anni ’50 e ’60: un motore di Fiat 1100, ed un Alfa Romeobialbero” per Giulietta 1300, prodotto a lungo in varie versioni. Dello stesso periodo è il motore 6 cilindri a V< della prestigiosa Lancia Flaminia 2500 esposto insieme al relativo gruppo frizione-cambio-differenziale secondo lo schema “transaxle[33].

Uno dei pezzi più importanti è il motore FIAT con otto cilindri a V, realizzato per la vettura sportiva Fiat 8V che, prodotta in soli 112 esemplari, vinse numerose competizioni sportive tra cui la Targa Florio del 1955. Di elevate prestazioni sono i due motori FIAT Dino[35], 2000 e 2400, frutto di una collaborazione tra FIAT e Ferrari, impiegati su vetture sportive prodotte da entrambi i costruttori negli anni ’60 e ’70 e sulle Lancia Stratos[33].

Tra i motori a gasolio per veicoli pesanti, c’è un raro e tecnicamente raffinato Lancia-Junkers Tipo 89[36], a due tempi con stantuffi contrapposti, utilizzato negli anni ’30 nell'autocarro Lancia Ro. Infine, sono presenti alcuni motori motociclistici ed altri meno convenzionali, come un motore Wankel ed un prototipo sperimentale di motore rotativo con camere di combustione toroidali, realizzato presso l’Istituto di Macchine dell’Ateneo di Palermo negli anni ’60[37][33].

Il motore più moderno è il contemporaneo Ford Ecoboost, dono recente di Ford Italia, premiato a livello internazionale per sei anni consecutivi[38] per le sue caratteristiche tecniche e per le sue prestazioni come “Engine of the year” nella categoria con cilindrata inferiore a un litro dal 2012 al 2017.

I motori aeronautici[modifica | modifica wikitesto]

I motori aeronautici della Grande Guerra.

Il Museo possiede una collezione di motori aeronautici[39][40][41] molto importante per la rarità ed il pregio storico e collezionistico dei suoi elementi.

Alcuni motori risalgono al primo periodo dell’aeronautica, con soluzioni costruttive particolarmente ingegnose, tra cui i motori radiali rotativi, nei quali l’elica girava unitamente al blocco dei cilindri al fine di migliorare il raffreddamento del motore[42][43]. Tale collezione è abbastanza eterogenea e comprende motori di vario tipo ed impiego: raffreddati ad aria, con la classica disposizione radiale dei cilindri, e raffreddati a liquido con cilindri in linea e a V.

Gli elementi più importanti di ambito aeronautico provengono dalla Germania: sono motori e strumenti di volo per aerei militari del periodo della Prima Guerra Mondiale, e fanno parte di un lotto di materiale tecnico ceduto all'Italia nell'ambito delle riparazioni di guerra. Il loro arrivo a Palermo è legato a quello del professore Antonio Capetti[24].

A questa categoria appartiene il motore francese Le Rhône 9Jby[44][45] del 1917 (di recente acquisizione) ed un altro dei sui pezzi più rari e prestigiosi, il motore bi-rotativo Siemens Halske Sh.IIIa[44][45]del 1918, che può essere considerato come l’ultima evoluzione dei motori radiali rotativi.

A questi si aggiungono motori degli anni ‘20 e ’30 di produzione italiana per aerei da turismo ed addestramento fino ai grandi motori della Seconda Guerra Mondiale: un FIAT A.74, un FIAT A.80 ed un Daimler-Benz DB 605, uno dei pezzi più importanti del Museo, tecnicamente all'avanguardia nella sua epoca[39][40] e impiegato in aerei da caccia tedeschi ed italiani come il Messerschmitt Bf 109, il FIAT G.55, il Reggiane Re.2005 ed il Macchi C.205V. Infine, al periodo della Guerra Fredda appartiene il grande motore a reazione americano General Electric J47.

Il velivolo storico Fiat G.59 4B[modifica | modifica wikitesto]

Il velivolo storico Fiat G.59 4B esposto in un'apposita teca

Nel 1947 l’ingegnere Giuseppe Gabrielli[46], uno dei più importanti progettisti aeronautici italiani[47], sviluppò il velivolo FIAT G.59 a partire dal FIAT G.55 Centauro, considerato tra i migliori velivoli da caccia sviluppati in Italia[48][49] nella Seconda Guerra Mondiale.

Il G.59, da sempre molto apprezzato sia in Italia sia all'estero, è stato prodotto negli stabilimenti torinesi di FIAT Aviazione a partire dal 1950, per essere prevalentemente impiegato fino al 1965 dall'Aeronautica Militare come velivolo per l’addestramento avanzato e per il volo acrobatico. È stato uno degli ultimi aerei di grandi prestazioni dotati di motore alternativo nel periodo di affermazione globale dei moderni motori a reazione, nonché uno dei simboli della rinascita post-bellica dell’industria aeronautica italiana[49].

Il velivolo può raggiungere la velocità massima di 609 km/h grazie al suo motore Rolls Royce Merlin (versione 500-20), a 12 cilindri a V con turbocompressore a comando meccanico, che è in grado di fornire una potenza massima di 1660 CV all'elica quadripala a passo variabile[50].

L'aereo, acquistato per scopi didattici dall'Università di Palermo nella metà degli anni ‘60, nel 2012 è entrato a far parte della collezione del Museo, il quale ne ha realizzato il restauro presso il proprio laboratorio e provvede alla sua conservazione all'interno di una apposita area espositiva[51].

Il restauro è stato di tipo conservativo, volto alla rigorosa preservazione filologica del velivolo[7][52][46]. Particolarmente impegnative sono risultate le operazioni di smontaggio dei componenti principali, il loro ricondizionamento e l’accurato rimontaggio del velivolo. Gli interventi di restauro hanno riguardato anche parti gravemente danneggiate ed il recupero di vari elementi mancanti. In alcuni casi, per parti mancanti e non più disponibili in originale, è stato necessario procedere con operazioni di reverse engineering. Tra le innovative tecniche impiegate vi sono in particolare l’uso di uno scanner ottico tridimensionale, dei moderni sistemi CAD, CAM, dei processi di stampa 3D e del waterjet per il taglio di precisione delle lamiere. Per alcune attività il Museo si è avvalso della preziosa collaborazione del tecnico Andrea Oliveri e di alcuni studenti di Ingegneria Meccanica e di Ingegneria Aerospaziale dell'Università degli Studi di Palermo[7][52].

Al termine del restauro dell'abitacolo, è stato realizzato il cockpit virtual tour 3D.

I meccanismi didattici e le apparecchiature scientifiche[modifica | modifica wikitesto]

Meccanismi didattici e strumenti scientifici

Il Museo possiede una antica e pregiata collezione di modelli meccanici didattici risalente alla seconda metà dell'800[53]. Comprende oltre cento modelli in metallo o in legno di macchine elementari, cinematismi, organi di trasmissione meccanismi per la descrizione di profili di accoppiamento tra elementi meccanici. Altri ancora rappresentano le principali tipologie di macchine a vapore, che nel XIX secolo erano utilizzate in vari settori dell’ingegneria civile ed industriale. Questi modelli, costruiti a scopo didattico da ditte specializzate tedesche ed italiane nella seconda metà dell’Ottocento, appartenevano in gran parte al Gabinetto di Meccanica Applicata alle Macchine della Regia Scuola di Applicazione per Ingegneri di Palermo[18][21]. Ancora oggi alcuni modelli vengono utilizzati, con le dovute attenzioni, come utili strumenti didattici per la loro capacità di rappresentare in modo chiaro alcuni dei più importanti principi della Meccanica rimasti immutati nel tempo. Il Museo possiede anche una collezione apparecchiature scientifiche utilizzate per lo studio delle macchine, trai cui strumenti per l’analisi delle vibrazioni meccaniche, per misure di pressione, temperatura e velocità, per il controllo dei gas combusti ed alcuni freni dinamometrici di vario tipo utilizzati per misurare la potenza dei motori[21][54].

L'ASME Landmark[modifica | modifica wikitesto]

La targa in bronzo dell'ASME Landmark del Museo dei Motori.

Per l’importanza storica della sua collezione, il 31 maggio 2017, il Museo ha ricevuto il prestigioso riconoscimento internazionale Mechanical Engineerig Heritage Collection[10] assegnato, per la prima volta in Italia, dall’American Society of Mechanical Engineers (ASME), nell'ambito del programma History and Heritage Landmarks[55]volto a valorizzare e promuovere le più importanti collezioni storico-tecnologiche in tutto il mondo. Il Museo è il 264esimo landmark[12] assegnato dall'ASME[11][56], con la seguente motivazione:

With over 100 artifacts, the collection of engines illustrates the evolution of steam and internal combustion engines in a European context from the late nineteenth through twentieth centuries. It includes both stationary and transportation power units with an emphasis on automotive and aircraft engines. Both reciprocating and turbine designs are represented, and many are now rare. Among the more significant examples are FIAT 8V and FIAT-Ferrari Dino automobile engines, Siemens-Halske Sh.IIIa counter-rotary aircraft engine, Neville steam engine and Ljungström counter-rotating steam turbine.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Sistema Museale dell'Ateneo palermitano comprende sei musei scientifici, numerose collezioni artistiche e scientifiche, edifici storici e siti archeologici che sono stabilmente aperti al pubblico o visitabili su prenotazione.
  2. ^ a b Aldo Gerbino (a cura di), Plumelia. Almanacco di cultura/e: Organismi – Il sistema Museale dell’Università di Palermo, Plumelia Edizioni, Bagheria, 2012, ISBN 978-88-89876-20-6.
  3. ^ Musei tematici, su musei.unipa.it.
  4. ^ musei, su musei.unipa.it. URL consultato il 5 giugno 2018.
  5. ^ a b Nino Giaramidano, I vecchi motori? Hanno un'anima (PDF), in Giornale di Sicilia, sabato 26 febbraio 2011.
  6. ^ a b Pasquale Pillitteri, Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi, su www.museomotori.unipa.it. URL consultato il 5 giugno 2018.
  7. ^ a b c Paolo Miana, Marco De Montis, Il FIAT G.59 rinasce al Museo Motori di Palermo (PDF), in VS Aviation, nº 4, ottobre 2015.
  8. ^ Laboratorio di restauro, su museomotori.unipa.it.
  9. ^ Al Museo dei motori un Premio dagli States, in Giornale di Sicilia, 4 giugno 2017.
  10. ^ a b ASME Recognizes Engine Collection in Italy for Its Historical Importance, su asme.org.
  11. ^ a b ASME, The Collection of Engines at the Museum of Engines and Mechanisms University of Palermo (PDF), 2017.
  12. ^ a b Opened in 2011, the museum houses important collections of engines and mechanisms., su asme.org.
  13. ^ Roberto Chifari, Palermo, il Museo ingrana la quarta (PDF), in Corriere della Sera - Corriere del Mezzogiorno, 11 marzo 2017.
  14. ^ Tessera Preziosa Mosaico Palermo a Giuseppe Genchi, fondatore del Museo Storico dei Motori, su comune.palermo.it.
  15. ^ Energia e storia: l’importanza delle macchine (PDF), su unipa.it. URL consultato l'8 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2018).
  16. ^ Conservazione e sviluppo del patrimonio scientifico e tecnico (PDF), su unipa.it. URL consultato l'8 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2018).
  17. ^ Università degli Studi di Palermo, su www.unipa.it. URL consultato il 21 giugno 2018.
  18. ^ a b c d e f g Francesco Paolo La Mantia, Contributi per una storia della Facoltà di Ingegneria di Palermo, vol. 2, Palermo, Fotograf, 2006.
  19. ^ Orazio Cancila, Storia dell’Università di Palermo dalle origini al 1860, Roma-Bari, Laterza, 2006, ISBN 978-8842080886.
  20. ^ Vito Cardone, Francesco Paolo La Mantia (a cura di), La storia dell'ingegneria e degli studi di ingegneria a Palermo e in Italia, in Quaderni della conferenza dei Presidi delle Facoltà di Ingegneria, CUES, 2006.
  21. ^ a b c Marco Ceccarelli, Francesco Sorge e Giuseppe Genchi, Elia Ovazza, Professor of TMM in Palermo around the end of the 19th century, a cura di Francesco Sorge e Giuseppe Genchi, Essays on the History of Mechanical Engineering, Springer, 2016, pp. 47-63, DOI:https://doi.org/10.1007/978-3-319-22680-4_19.
  22. ^ Marcello Romano (a cura di), I docenti della Regia Università di Palermo (1820 - (1880), Università degli Studi di Palermo, 2006.
  23. ^ Augusto Ajovalasit, Vincenzo Nigrelli, Giuseppe Pitarresi e Gabriele Virzì Mariotti, Determination of torsional stresses in shafts: from Physical analogies to mathematical models, a cura di Francesco Sorge e Giuseppe Genchi, Essays on the History of Mechanical Engineering, Springer, 2016, pp. 327-347, DOI:https://doi.org/10.1007/978-3-319-22680-4_19.
  24. ^ a b c Capetti, Antonio, su treccani.it.
  25. ^ Politecnico di Torino, IL POLITECNICO DI TORINO E L'AERONAUTICA. Nel centenario della nascita di Antonio Capetti - Convegno e mostra organizzati dal Museo delle Attrezzature per la Didattica e la Ricerca CIDEM., CELID/Politecnico, 1996.
  26. ^ Andrew Lawler, Genchi’s Obsession - A grad student in Italy salvages Germany’s rarest World War I airplane engines., in AIR&SPACE Smithsonian, 2011.
  27. ^ a b c Giuseppe Genchi, Il Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi dell’Università degli Studi di Palermo (PDF), in Scuola Officina, nº 1, gennaio - giugno 2016, pp. 16 - 21.
  28. ^ Alberto Beccari, Macchine - Turbine a vapore, compressori a gas, macchine idrauliche, CLUT, 1993, ISBN 9788879920339.
  29. ^ Macchine idrauliche, su museomotori.unipa.it.
  30. ^ Barizza, Sergio, La fonderia Neville a San Rocco. Un'industria del ferro a Venezia nella seconda metà dell'Ottocento, in Storia di Venezia. N. 1, 2003, N. 1, nº 1, 2003, DOI:10.1400/16839. URL consultato l'8 giugno 2018.
  31. ^ a b c d Motori a vapore e da impianto fisso, su museomotori.unipa.it.
  32. ^ Filippo Grammauta e Luigi Caleca, La centrale elettrica A. Volta di Palermo: vicende storiche, analisi tecnico-funzionale ed ipotesi di una riutilizzazione nell'ambito del contesto urbanistico del molo trapezoidale, Tesi di Laurea (A.A. 1985-86), Facoltà di Ingegneria (Università di Palermo), 1986.
  33. ^ a b c d Motori automobilistici, su museomotori.unipa.it.
  34. ^ Laboratorio di Motori, su emilianopipitone.altervista.org.
  35. ^ Dante Giocosa, I miei 40 anni di progettazione alla Fiat (PDF), CENTRO STORICO FIAT, 2014 [1979]. URL consultato l'8 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  36. ^ Pasquale Pillitteri, Motore Lancia-Junkers tipo 89 - Museo Motori UNIPA, su www.museomotori.unipa.it. URL consultato il 21 giugno 2018.
  37. ^ Giovanni Lanzara, Mario Rubino e Camillo De Gregorio, Motore a pistone rotanti [brevetto dell'autore]: progetto e realizzazione sperimentale, Tesi di Laurea (A.A. 1961-62), Palermo, 1962.
  38. ^ Ford EcoBoost, come funziona il pluripremiato motore Ford, su fordinterauto.com.
  39. ^ a b Federico Filippi, Dall'elica al getto, Torino, EDA, 1983.
  40. ^ a b Kyrill von Gersdorff, Helmut Schubert e Kurt Grasmann, Flugmotoren und Strahltriebwerke, Bonn, Bernard und Graefe, 2007.
  41. ^ Motori aeronautici, su museomotori.unipa.it.
  42. ^ Giuseppe Genchi e Francesco Sorge, The Rotary Aero Engine from 1908 to 1918 in Teun Koetsier, a cura di Marco Ceccarelli, Explorations in the history of machines and mechanisms. Proceedings of HMM2012, Springer, 2012, pp. 349-362, ISBN 978-94-007-4132-4.
  43. ^ Marco De Montis, Giuseppe Genchi, Cilindri nel vento - La strana e breve storia dei motori rotativi (PDF), in Autotecnica, nº 377, dicembre 2012, pp. 80 - 90.
  44. ^ a b Nahum, Andrew., The rotary aero engine, H.M.S.O., 1987, ISBN 0112904521, OCLC 15607591.
  45. ^ a b Giger, Hans, 1914-, Kolben-Flugmotoren : Geschichte und Entwicklung in Wort und Bild, 1. Aufl, Motorbuch Verlag, 1986, ISBN 3613010895, OCLC 16468942.
  46. ^ a b FIAT G.59 4B, su museomotori.unipa.it.
  47. ^ Gabrielli, Giuseppe, su treccani.it.
  48. ^ Oscar Marchi e Vittorio Zardo, Aeronautica militare. Museo storico. Catalogo velivoli, Pàtron, 1990, ISBN 978-8855516693.
  49. ^ a b Nicola Malizia, Fiat g.59, IBN, 2005, ISBN 8875650187, OCLC 946970784.
  50. ^ Ministero della Difesa Aeronautica - Direzione generale delle costruzioni ed approvvigionamenti, Istruzioni per l'uso del motore Rolls-Royce Merlin 500-20, FIAT, 1950.
  51. ^ A New Home For The Fiat G 59, su warbirdsnews.com.
  52. ^ a b Salvatore Di Marco, Un G.59 a Palermo (PDF), in Rivista Aeronautica, nº 1, gennaio - febbraio 2014.
  53. ^ Meccanismi didattici, su museomotori.unipa.it.
  54. ^ Apparecchiature scientifiche, su museomotori.unipa.it.
  55. ^ About the Landmarks Program, su asme.org.
  56. ^ Collection of Engines at the Museum of Engines and Mechanisms, su asme.org.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Genchi, Il Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi dell’Università di Palermo, in “Scuola Officina”, N.1, gennaio- giugno, 2016, pp. 16-21 (PDF)
  • Francesco Sorge, Giuseppe Genchi (Editors), Essays on the History of Mechanical Engineering, Springer, Dordrecht, 2016, https://doi.org/10.1007/978-3-319-22680-4_19
  • ASME, The Collection of Engines at the Museum of Engines and Mechanisms University of Palermo, 2017 (PDF).
  • Andrew Lawler, Genchi's Obsession - A grad student in Italy salvage Germany's rarest World War I airplane engines, AIR&SPACE Smithsonian, 2011
  • Roberto Chifari, Palermo, Il museo ingrana la quarta, in "Corriere del Mezzogiorno", sabato 11 marzo 2017 (PDF)
  • Nino Giaramidaro, I vecchi motori? Hanno un'anima, in "Giornale di Sicilia", sabato 26 febbraio 2011 (PDF)
  • Riccardo Monastero, Giuseppe Genchi, Macchine. Energia e Storia in Aldo Gerbino (a cura di), "Plumelia. Almanacco di cultura/e: Organismi – Il sistema Museale dell’Università di Palermo", Plumelia Edizioni, Bagheria, 2010, pp. 146-152
  • Aldo Gerbino (a cura di), "Plumelia. Almanacco di cultura/e: Organismi – Il sistema Museale dell’Università di Palermo", Plumelia Edizioni, Bagheria, 2012
  • Marco De Montis, Giuseppe Genchi, Cilindri nel vento - La strana e breve storia dei motori rotativi, in "Autotecnica", N.377, dicembre 2012, pp. 80-90 (PDF)
  • Giuseppe Genchi, Francesco Sorge, The Rotary Aero Engine from 1908 to 1918 in Teun Koetsier, in Marco Ceccarelli (Editors), "Explorations in the history of machines and mechanisms. Proceedings of HMM2012", Springer, Dordrecht, 2012, pp. 349-362
  • Kyrill von Gersdorff, Helmut Schubert, Kurt Grasmann, Flugmotoren und Strahltriebwerke, Bernard und Graefe, Bonn, 2007
  • Francesco Paolo La Mantia (a cura di), Contributi per una storia della Facoltà di Ingegneria di Palermo, Vol. 1 e 2, Edizioni Fotograf, Palermo, 2006
  • Federico Filippi, Dall’elica al getto, EDA, Torino, 1983

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]