Museo diocesano (Palermo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo Diocesano di Palermo
Guglielmo Borremans - Nativity scene.png
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàPalermo
Indirizzovia Matteo Bonello, 2
Caratteristiche
TipoArte sacra
Sito web

Coordinate: 38°06′49.4″N 13°21′19.29″E / 38.113722°N 13.355358°E38.113722; 13.355358

Il MUDIPA o Museo diocesano di Palermo, è un museo di Palermo. Ha sede presso alcuni ambienti del Palazzo Arcivescovile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Cartolina postale italiana ed. randazzo N. 978, Gevaert

Venne fondato nel 1927 dal cardinale Alessandro Lualdi, Arcivescovo di Palermo (1904-1927), seguendo l'orientamento di Papa Pio XI, che promosse l'istituzione di tali Musei d'arte legati al culto, in modo da raccogliere le opere d'arte provenienti dalle chiese in disuso, che rischiavano la dispersione o la distruzione. La direzione del Museo fu affidata a mons. Guido Anichini. Il nucleo iniziale della collezione era costituito soprattutto dalle numerose sculture che decoravano la Cattedrale di Palermo prima della radicale ristrutturazione del 1781 e che, fino ad allora, erano rimaste precariamente ammassate nei sotterranei della Cattedrale, del Palazzo Arcivescovile e all'interno di depositi vicini. Alla collezione si aggiunsero anche diverse opere d'arte e d'arredo sacro, proveniente dal Museo Nazionale di Palermo, oggi Galleria Regionale di Palazzo Abatellis, e asportate dalle chiese in demolizione a causa degli sventramenti subiti dal centro storico della città già dalla fine dell'Ottocento.

Dopo la seconda guerra mondiale, nel 1952, il Museo viene nuovamente inaugurato per volere del cardinale Ernesto Ruffini, Arcivescovo di Palermo (1945-1967), con un nuovo e fondamentale allestimento dovuto a mons. Filippo Pottino[1]. Pottino era già direttore dagli anni '30 del XX secolo[2], dunque ben prima della nuova apertura, diversamente da quanto riportato da alcuni testi[1]. Il Monsignore, oltre a recuperare le opere del precedente allestimento, portate in diversi rifugi durante il periodo bellico, aggiunse alla collezione molti dipinti provenienti da chiese distrutte durante i bombardamenti. L'allestimento voluto da mons. Pottino, a causa delle difficoltà poste dai locali del Palazzo Arcivescovile, seguiva solo approssimativamente un criterio cronologico e talora anche tematico. Inoltre varie ragioni di carattere economico impedirono in seguito al Museo di restare aperto al pubblico per un lungo periodo.

Tra il 1970 e il 1972, dopo lo scandalo suscitato dal furto della Natività del Caravaggio dall'Oratorio di San Lorenzo (1969), vennero trasportate ai depositi del Museo numerose opere provenienti da chiese chiuse al culto. Nel 1972 vi fu una nuova inaugurazione per volere del cardinale Salvatore Pappalardo, Arcivescovo di Palermo (1970-1996), che ne affidò la direzione a mons. Paolo Collura, ma non molti anni dopo il Museo fu di nuovo costretto alla chiusura per mancanza di personale e guasti alle strutture. Nonostante la chiusura al pubblico, si continuarono a raccogliere e restaurare opere e fu permessa la visita del Museo a studiosi e studenti.

A metà degli anni ottanta, su decisione del cardinale Pappalardo, cominciarono i lavori di restauro dei locali del Palazzo Arcivescovile, che interessarono tutti l'edificio. I lavori comportarono il disallestimento e la chiusura definitiva del museo, perché nel terzo livello dell'edificio (i sottotetti, dove fin dal 1927 si trovava una buona metà del museo) si decise di allocare gli uffici della Curia precedentemente al piano terra. I lavori furono necessari anche per consolidare i solai e i tetti del vetusto palazzo. Gli interventi, curati dall'ufficio tecnico della Curia con l'alta sorveglianza della Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Palermo, furono però molto traumatici per le fragili strutture del piano nobile, ragion per cui oggi i pavimenti delle sale del museo sono tutti con altezze diverse. Nel 1991 ebbero inizio anche degli scavi archeologici, i cui reperti possono essere osservati dai visitatori odierni del Museo. Nel 1998 e nel 1999 la prof. Maria Concetta Di Natale, con un ultimo importante contributo scientifico, organizzò due mostre nel Salone Filangieri con opere d'arte provenienti dai depositi, in attesa della riapertura del museo[3].

Il Museo ha riaperto al pubblico il 22 dicembre 2003, come mostra temporanea per volontà del Cardinale Salvatore De Giorgi, Arcivescovo di Palermo, riaprendo con l'allestimento permanente il 1º giugno del 2004, presentando le opere esposte negli ambienti restaurati del pianterreno e del piano seminterrato. L'esposizione propone, in ordine cronologico, un panorama della produzione artistica della città che comprende anche le opere d'arte decorativa e gli arredi sacri, presenti in maniera considerevole nel Museo. L'allestimento architettonico e i restauri degli ambienti sono stati curati dalla Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Palermo, sulla base del progetto precedente dell'Ufficio Tecnico dell'Arcidiocesi, mentre ordinamento museologico e la selezione delle opere sono stati curati dalla prof. Maria Concetta Di Natale, con il contributo operativo di un gruppo di lavoro universitario, coordinato dal dott. Pierfrancesco Palazzotto, in servizio presso l'Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici dell'Arcidiocesi dal 1998, che da quel momento in poi si occuperà in maniera autonoma continuativamente e fattivamente di tutte le attività organizzative, scientifiche e culturali del museo.

Dopo l'apertura il museo ha sviluppato un certo numero di iniziative, comprendenti l'implementazione delle opere esposte e, soprattutto, la revisione della comunicazione interna ed esterna, culturale ed informativa, nel corso del piano di investimenti finanziato dalla Regione Siciliana con i fondi del Por Sicilia 2000-2006 - misura 2.03, cofinanziati dal Museo stesso, che hanno avuto esito agli inizi del 2009 [4]. Il progetto, che comprendeva la nuova immagine istituzionale del museo, curato scientificamente da Pierfrancesco Palazzotto, previde la sostituzione degli inadeguati apparati di comunicazione culturale interna, e la realizzazione delle nuove didascalie e dei più adeguati pannelli a doppia lingua (secondo le moderne norme museologiche), delle audioguide in quattro lingue, ed anche della segnaletica interna ed esterna, tutto sulla base di una grafica univoca[5].

Dal 2010 il piano nobile è visibile, in seguito alla visita di Papa Benedetto XVI il 3 ottobre di quell'anno in quelle sale, con un'esposizione di opere puramente finalizzata ad arredare gli ambienti (dunque senza didascalie, non trattandosi di allestimento museografico), tranne che nella Sala Verde, dedicata alla Patrona di Palermo, S. Rosalia, sulla base del temporaneo progetto espositivo di Pierfrancesco Palazzotto.

Il restauro degli ambienti sono proseguiti, a cura della Soprintendenza ai BB.CC.AA. di Palermo con la direzione dell'arch. Lina Bellanca, con le volte della Sala Gialle e Azzurra (2013-2014), e nel 2014 con gli interventi nel seminterrato al fine di adeguare gli spazi al nuovo allestimento. Il nuovo ordinamento museale con la selezione della opere da esporre è stato progettato dal curatore scientifico del museo Prof. Pierfrancesco Palazzotto, vicedirettore del Museo.

Sale[modifica | modifica wikitesto]

Natività di Guglielmo Borremans.

Sala I[modifica | modifica wikitesto]

Accoglienza. Opere di età Normanna e Sveva.

Sala II[modifica | modifica wikitesto]

Sala dei fondi oro. Opere dal XIV al XV secolo, alcune delle quali d'importazione pisana del Trecento.

Sala III[modifica | modifica wikitesto]

Sala della trifora.

Sala IV[modifica | modifica wikitesto]

Gli Scavi di Palazzo Arcivescovile.

Sala V[modifica | modifica wikitesto]

Gli Scavi di Palazzo Arcivescovile: dall'età arcaica al periodo bizantino.

Sala VI[modifica | modifica wikitesto]

Gli Scavi di Palazzo Arcivescovile: età medioevale.

Sala VII[modifica | modifica wikitesto]

Sala della scultura del Quattrocento. Opere di Domenico Gagini, Pietro de Bonitate e Francesco Laurana[7].

Sala VIII[modifica | modifica wikitesto]

Sala della scultura del Cinquecento e della Tribuna di Antonello Gagini. Esposizione di numerosi frammenti scultorei della tribuna marmorea della Cattedrale di Antonello Gagini e aiuti, smembrata nella ristrutturazione della chiesa ad opera di Ferdinando Fuga. Presente anche una ricostruzione in gesso realizzata dal Prof. Salvatore Rizzuti e dai suoi allievi dell'Accademia di Belle Arti di Palermo.

Sala IX[modifica | modifica wikitesto]

Sala della scultura e arti decorative del Seicento e Settecento. Espone numerosi frammenti di marmi mischi seicenteschi, provenienti dalla Cattedrale e da altre chiese barocche della città, opera delle abili maestranze locali, e maioliche di produzione locale.

Sala X[modifica | modifica wikitesto]

Sala Mario Di Laurito delle vedute della città. Sono presenti alcune pitture del pittore napoletano, in particolare la veduta di Palermo durante la peste del 1530 compresa la vista della cattedrale.

Sala XI[modifica | modifica wikitesto]

Dal Manierismo al Caravaggismo.

Sala XII[modifica | modifica wikitesto]

Sala Novelli.
Contiene opere di Pietro Novelli.

Sala XIII[modifica | modifica wikitesto]

Sala del Settecento.

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b M.C. Di Natale, Il Museo Diocesano di Palermo, Flaccovio editore, Palermo 2006
  2. ^ P. Palazzotto, Il Fondo Pottino-Collura. Per una storia delle collezioni del Museo Diocesano di Palermo, in Storia & Arte nella scrittura. L'Archivio Storico Diocesano di Palermo a 10 anni dalla riapertura al pubblico (1997-2007), Atti del Convegno Internazionale di Studi (Palermo 9-10 novembre 2007) a cura di G. Travagliato, Edizioni Associazione Centro Studi Aurora Onlus, Santa Flavia (Palermo) 2008, ISBN 978-88-95823-04-1, pp. 247–284
  3. ^ Capolavori d'arte del Museo Diocesano. Ex sacris imaginibus magnum fructum, a cura di M.C. Di Natale, Edizioni O.DI.PA., Palermo 1998; Arti decorative nel Museo Diocesano. Dalla città al museo dal museo alla città, a cura di M.C. Di Natale, Edizioni O.DI.PA., Palermo 1999
  4. ^ http://www.museodiocesanopa.it/content/piano-dinvestimento-delle-regione-siciliana
  5. ^ P. Palazzotto, Le attività, in Il Museo Diocesano di Palermo, in Sentire l'Arte. Un'esperienza interculturale nella didattica museale, catalogo della mostra (Palermo, Palazzo Arcivescovile 23 maggio - 2 giugno 2008, Novi Sad, Galleria di Matica Srpska, 13 giugno - 21 giugno 2008), Novi Sad, Offset Print 2008, ISBN 978-86-83603-25-1, pp. 38-41
  6. ^ Gaspare Palermo Volume secondo, pp. 281 e 282
  7. ^ Breve guida del Museo diocesano di Palermo Archiviato il 5 settembre 2010 in Internet Archive.. URL consultato il 26 febbraio 2011.
  8. ^ a b c d e f g h Touring Club Italiano, pp. 149
  9. ^ a b Gioacchino di Marzo, pp. 83
  10. ^ Gioacchino di Marzo, pp. 553 - 557
  11. ^ Touring Club Italiano, pp. 147 - 149
  12. ^ Gioacchino di Marzo, pp. 422, 514
  13. ^ Pagina 230, Gaspare Palermo, Guida istruttiva per potersi conoscere ... tutte le magnificenze ... della Città di Palermo [1], vol. 3, Palermo, Reale Stamperia, 1816.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • F. Pottino, Il Museo Diocesano di Palermo, (guida sintetica del museo), Stabilimento tipo-litografico I.R.E.S., Palermo 1969.
  • M.C. Di Natale, Arti Minori nel Museo Diocesano di Palermo, Quaderni dell'Archivio Fotografico delle Arti Minori in Sicilia, 3, Palermo 1986.
  • Capolavori d'arte del Museo Diocesano. Ex sacris imaginibus magnum fructum, a cura di M.C. Di Natale, Edizioni O.DI.PA., Palermo 1998.
  • Arti decorative nel Museo Diocesano. Dalla città al museo dal museo alla città, a cura di M.C. Di Natale, Edizioni O.DI.PA., Palermo 1999.
  • P. Palazzotto, Il Fondo Pottino-Collura. Per una storia delle collezioni del Museo Diocesano di Palermo, in Storia & Arte nella scrittura. L'Archivio Storico Diocesano di Palermo a 10 anni dalla riapertura al pubblico (1997-2007), Atti del Convegno Internazionale di Studi (Palermo 9-10 novembre 2007) a cura di G. Travagliato, Edizioni Associazione Centro Studi Aurora Onlus, Santa Flavia (Palermo) 2008, ISBN 978-88-95823-04-1, pp. 247–284.
  • P. Palazzotto, Le attività, in Il Museo Diocesano di Palermo, in Sentire l'Arte. Un'esperienza interculturale nella didattica museale, catalogo della mostra (Palermo, Palazzo Arcivescovile 23 maggio - 2 giugno 2008, Novi Sad, Galleria di Matica Srpska, 13 giugno - 21 giugno 2008), Novi Sad, Offset Print 2008, ISBN 978-86-83603-25-1, pp. 38–41.
  • M.C. Di Natale, Il Museo Diocesano di Palermo, Flaccovio editore, Palermo 2006.
  • P. Palazzotto, Verso il nuovo Museo Diocesano di Palermo: il progetto museologico della “Galleria Arcivescovile”, in Museo Diocesano di Palermo. Ambienti e mostre a cantiere aperto, catalogo della mostra (Palermo 13 luglio – 30 settembre 2011), Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana, Palermo 2011, pp. 21–25.
  • (IT) "Guida d'Italia" - "Sicilia", Touring Club Italiano.
  • (IT) Gioacchino di Marzo, "I Gagini e la scultura in Sicilia nei secoli XV e XVI; memorie storiche e documenti", Conte Antonio Cavagna Sangiuliani di Gualdana Lazelada di Bereguardo, Volume I e II, Palermo, Stamperia del Giornale di Sicilia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN122885738 · GND (DE5331711-7