Acquario tropicale di Siracusa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Acquario tropicale di Siracusa
Acquario di Siracusa1.jpg
Pesci all'interno dell'acquario siracusano
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàSiracusa-Stemma.png Siracusa
IndirizzoOrtigia, Largo Aretusa
Caratteristiche
TipoBiologia
Apertura1960 (circa)
Traforo di collegamento tra i forti Campana, Aretusa e il porto
Sommer, Giorgio (1834-1914) - n. 2648 - Siracusa - Fontana Aretusa.jpg
La Fonte Aretusa prima del 1914: si vede il traforo di epoca spagnola, oggi sito dell'Acquario
Ubicazione
StatoItalia Italia
CittàSiracusa
Coordinate37°03′28.43″N 15°17′33.72″E / 37.057898°N 15.2927°E37.057898; 15.2927Coordinate: 37°03′28.43″N 15°17′33.72″E / 37.057898°N 15.2927°E37.057898; 15.2927
Informazioni generali
Termine costruzione1676
Informazioni militari
Azioni di guerraCarlo V d'Asburgo fortifica Ortigia contro le incursioni piratesche e le guerre europee
Sito ufficiale dell'Acquarium Siracusa
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

L'acquario tropicale di Siracusa è un luogo aperto al pubblico dove vi si trovano diversi pesci provenienti per lo più dalle acque del mar Mediterraneo, comprese le coste aretusee, infine laghi e fiumi di ambienti tropicali come il Sud America e l'Africa.

Le sue dimensioni per ampiezza sono modeste ma il suo sito originario merita attenzione storica poiché si tratta di un'antica galleria, o meglio traforo, scavato nel 1676 in epoca spagnola per permettere ai due forti militari ortigiani di oltrepassare la fonte e giungere al porto di Siracusa. L'acquario ha la sua uscita all'interno della Fonte Aretusa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La galleria dell'acquario e la Fonte Aretusa[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Fonte Aretusa e Isola di Ortigia.
L'uscita dell'Aquarium all'interno della Fonte Aretusa

L'acquario siracusano, inaugurato nei primi anni del 1960, sorge su di un sito molto particolare, si tratta infatti di un'antica galleria scavata in epoca spagnola in un contesto di fortificazioni belliche contro le minacce delle incursioni piratesche e i conflitti politici che vi erano tra la Spagna e le grandi nazioni d'Europa come Austria, Inghilterra, Francia e diverse altre.[1]

L'allora viceré di Sicilia, il conte di Ligni, ordinò ai suoi soldati di fortificare anche il lato della costa occidentale di Ortigia, ovvero quella che va dalla Porta Marina alla Fonte Aretusa. Quindi qui vi si inserirono due nuove batterie; quella del forte Campana e quella del forte Fontana (Aretusa). Ma i soldati si resero presto conto che così avevano bloccato ogni passaggio dalla Fonte Aretusa al porto e per rimediare crearono un passaggio sotterraneo all'interno della roccia della Fonte aretusea; la galleria dove oggi sorge il piccolo acquario della città.[1]

Sorto dunque in un luogo colmo di storia, l'acquario ha la sua entrata nei pressi del Foro Italico e la sua uscita proprio dentro la leggendaria fonte d'acqua dolce, tra papiri e papere. Il sito è stato trasformato in luogo pubblico con fauna marina negli anni '60 ma non ha incominciato ad essere operativo prima del 1996 - 1997.

In anni più recenti è ormai diventato luogo noto ai siracusani e anche ai tanti visitatori che vi giungono.

L'Acquario[modifica | modifica wikitesto]

Un pesce tropicale dell'acquario aretuseo

I settori[modifica | modifica wikitesto]

L'acquario al suo interno è diviso per settori;[2] una parte è riservata alla vita marina del Mediterraneo; ove si trova fauna delle coste locali e alcune grandi conchiglie mediterranee. Un'altra parte è dedicata alla vita tropicale, quindi vi si trovano piante e pesci tipici di luoghi d'acqua dolce come laghi africani e fiumi amazzonici.[2] Altra parte riguarda gli invertebrati marini tropicai.[2]

Le vasche[modifica | modifica wikitesto]

Le vasche dell'acquario ospitano i seguenti pesci e creature marine:[3]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

I pesci nell'acquario aretuseo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Storia dell'acquario, in L'Acquario di Siracusa.
  2. ^ a b c I settori dell'acquario, in L'Acquario di Siracusa.
  3. ^ Le vasche e i pesci, in L'acquario di Siracusa.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]