Museo Guttuso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo Guttuso
Museo Guttuso.jpg
Facciata sud-est di villa Cattolica
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàBagheria
IndirizzoVia Rammacca, 9, 90011 Bagheria PA
Caratteristiche
Tipoarte, etnografia
Apertura1973
DirettoreDora Favatella Lo Cascio
Sito web

Coordinate: 38°05′23.66″N 13°30′05.3″E / 38.089905°N 13.501473°E38.089905; 13.501473

Il museo Guttuso si trova a Bagheria, nella città metropolitana di Palermo, ed è ubicato nella villa Cattolica sita alla periferia della città.

Il museo[modifica | modifica wikitesto]

Il museo, strutturato su tre piani, venne inaugurato nel 1973 e ospita opere di Renato Guttuso donate dal maestro alla sua città natale.

Oltre alla produzione di Guttuso, rappresentativa di oltre quarant'anni di attività, ospita anche opere di artisti del XX secolo quali, fra gli altri, Cagli, Mario Schifano, Mario Bardi, Onofrio Tomaselli, Silvestre Cuffaro, Domenico Quattrociocchi, Pina Calí, Vincenzo Gennaro e Giuseppe Pellitteri, Mimmo Pintacuda, Giuseppe Tornatore. Nel corso degli anni altre opere sono state accolte e esposte all'interno del museo. Dagli anni 2000 il piano terra è occupato da un laboratorio teatrale e da due laboratori pittorici.

Le opere di Guttuso spaziano dai dipinti alle sculture, dai disegni alle incisioni e vanno dalle opere degli anni trenta alle ultime dell'artista bagherese.

Il museo dispone anche di una sezione etnografica nella quale sono esposti diversi carretti siciliani finemente scolpiti e istoriati.

Il museo è rimasto chiuso per lavori di ristrutturazione tra il 2014 e il 2016. La riapertura è avvenuta il 26 dicembre 2016 (giorno di nascita di Renato Guttuso) con un evento inaugurale a cui hanno preso parte diverse celebri figure legate al territorio bagherese, come Pif (conduttore televisivo), Francesco Scianna (attore protagonista del film Baarìa, ambientato nella città) e lo stesso Giuseppe Tornatore.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0000 9788 2628 · LCCN (ENn88082180 · WorldCat Identities (ENn88-082180