Museo archeologico Gabriele Judica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo archeologico Gabriele Judica
Ingresso museo Palazzo Cappellani.JPG
Ingresso del museo
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàPalazzolo Acreide-Stemma.png Palazzolo Acreide
IndirizzoVia Gaetano Italia, 36
Caratteristiche
TipoArcheologico
FondatoriGabriele Judica
Apertura27 dicembre 2014
Sito web

Coordinate: 37°03′41.84″N 14°54′21.37″E / 37.061623°N 14.905935°E37.061623; 14.905935

Il Museo archeologico Gabriele Judica è sito a Palazzolo Acreide presso il Palazzo Cappellani e raccoglie i reperti dell'antica città greca di Akrai.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La collezione del museo proviene dai rinvenimenti del barone Gabriele Judica che agli inizi dell'Ottocento eseguì degli scavi sul sito di Akrai. L'importante raccolta di materiali fu custodita nel suo palazzo e mantenuta integra sino all'apertura di un museo a lui dedicato il 27 dicembre 2014.[1]

La collezione[modifica | modifica wikitesto]

La collezione riguarda principalmente i reperti di Akrai provenienti per gran parte dagli scavi di Gabriele Judica, una parte provengono dalla collezione Ferla e dal territorio di Leontinoi.

Sono presenti ceramiche quali, vasi, lucerne, oggetti di uso quotidiano, una stele greca, unguentari e reperti preistorici.

Il percorso espositivo[modifica | modifica wikitesto]

Il museo si sviluppa su due piani, in quello inferiore sono presenti reperti preistorici e protostorici. Nel piano superiore reperti di colonizzazione corinzia (sala1), età arcaica (sale 2-3), classica e post classica (sale 4-5), ellenistica (sala 6), romana (sala 7) e tardo romana (sala 8).

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Palazzolo Acreide, Inaugurato il museo di palazzo Cappellani, su www.siracusanews.it. URL consultato il 6 dicembre 2015 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]