Museo arte contemporanea Sicilia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il museo di Palermo, vedi Museo d'arte contemporanea della Sicilia.
Museo Arte Contemporanea Sicilia - MacS
Museo Arte Contemporanea Sicilia - MacS
LOGO MACS.jpg
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàCatania-Stemma.svg Catania
IndirizzoVia San Francesco d'Assisi, 30
Coordinate37°30′12.32″N 15°05′08.93″E / 37.503421°N 15.085814°E37.503421; 15.085814
Caratteristiche
TipoMuseo d'arte contemporanea
CollezioniPittura, scultura, fotografia
Periodo storico collezionifine XX secolo - XXI secolo
IstituzioneGiugno 2013
DirettoreGiuseppina Napoli
Sito web

Il Museo arte contemporanea Sicilia (MacS), è un museo privato che sorge all’interno della Badia Piccola del Monastero di San Benedetto di via Crociferi di Catania. L'edificio è attribuito a Giovanni Battista Vaccarini, è collegato alla Badia Grande tramite l'arco di via Crociferi ed è possibile accedervi da via San Francesco d'Assisi, 30. Espone collezioni permanenti di artisti contemporanei e mostre.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Inaugurato a giugno 2013 [1], dopo un restauro volto a musealizzare gli spazi, il MacS ha organizzato diverse mostre ed eventi culturali. Il museo ha allargato le sale museali con un progetto di espansione che ha coinvolto il piano superiore della sede di Catania (2016).

Collezione permanente[modifica | modifica wikitesto]

La collezione permanente del MacS costituita da pittura, scultura e fotografia comprende opere di artisti catanesi, siciliani, nazionali e internazionali:

  • Alessandro Reggioli
  • Alessio Deli
  • Alexander Timofeev
  • Alfio Giurato
  • Alice Zanin
  • Anja Millen
  • Anna Gillespie
  • Anna Kozwloska Luc
  • Annalù Boeretto
  • Barbara Bezina
  • Bob Clyatt
  • Betty Gold
  • Carlos Asensio Sanagustìn
  • Carmelo Nicosia
  • Cesar Santos
  • Cristina Coral
  • Daniela Astone
  • Daria Endresen
  • David Simon
  • Davide Puma
  • Elisa Anfuso
  • Emanuele Dascanio
  • Emanuele Giuffrida
  • Enrique Donoso
  • Fabio Modica
  • Fatima Messana
  • Fernando Fraga Imaz
  • Gary Weisman
  • Gesualdo Prestipino
  • Giovanni Iudice
  • Giuseppe Bombaci
  • Giuseppe Veneziano
  • Han Khac Nguyen
  • Ignazio Schifano
  • Ilaria Margutta
  • James Xavier Barbour
  • Jara Marzulli
  • Jethro Eduardo Mather Joo
  • Jorge Egea
  • José Manuel Martínez Pérez
  • Joseba Eskubi
  • Judith Peck
  • Lita Cabellut
  • Lorenzo Gatto
  • Lorenzo manuel Duràn
  • Luciano Vadalà
  • Luigi Lanotte
  • Marcia Galvez Camus
  • Marco Condrò
  • Marcos Rey Vicente
  • Maria Cristina Costanzo
  • Mariarosaria Stigliano
  • Mario Andres Robinson
  • Marta Czok
  • Marc Vinciguerra
  • Massimo Lagrotteria
  • Matteo Mauro
  • Miguel Escobar Uribe
  • Mira Nedyalkova
  • Miriam Pace
  • Monia Merlo
  • Natalia Deprina
  • Nicola Pucci
  • Nihil (Jean-Baptiste) Mouton
  • Nikola Kolev
  • Nikolai Makarov
  • Nino Pracanica
  • Oceana Rain Stuart
  • Ottavio Marino
  • Paolo Guarrera
  • Patricia Smith
  • Piero Roccasalvo Rub
  • Ramona Zordini
  • Richard Thomas Scott
  • Roberta Busato
  • Roberta Coni
  • Roberta Ubaldi
  • Roberto Ferri
  • Ryan Mendoza
  • Salvatore Grasso
  • Santiagio Ydanez
  • Sara Lovari
  • Sebastiano Messina
  • Sergio Fiorentino
  • Sergio Padovani
  • Silvio Porzionato
  • Stefania Orrù
  • Steven Kenny
  • Teodor Teofil Baciu
  • Tomas Dodd
  • Ugo Riva
  • Valentina Ceci
  • Valerio D'ospina
  • Vincenzo Todaro
  • Wenceslao Jiménez Molina
  • Zheng La Ming

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L’arte sbarca in città, inaugurato il MacS: Furia Corporis la prima mostra, in CataniaToday. URL consultato il 28 aprile 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • "Gesualdo Prestipino. Sculture", Edizioni MacS, Catania 2013
  • "Alfio Giurato. Furia Corporis", Edizioni MacS, Catania 2013
  • "Silvio Porzionato. Codice Temporale", NFC Edizioni, Rimini 2013
  • "Ad Imaginem Suam", NFC Edizioni, Rimini 2013
  • "Mendoza. Welcome to America", Vanspijk Rekafa Publishers, Venlo 2015

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]