Museo bellico Belli Instrumentum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo Bellico - Belli Instrumentum
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàBarrafranca-Stemma.png Barrafranca
IndirizzoP.zza F.lli Messina
Caratteristiche
TipoMuseo di Guerra
FondatoriC.re "s" Giovanni Cav. Collura; M.llo Giuseppe D'Auria
Apertura27 novembre 2004
DirettoreC.re Francesco D'Auria
Sito web

Il Museo Bellico Belli Instrumentum (il materiale di guerra) fondato nel novembre del 2004 è un museo militare di Barrafranca realizzato da appartenenti alla locale sezione dell'Associazione nazionale carabinieri.

Il progetto di realizzare un museo storico di armi e cimeli d'epoca, in particolare dei Carabinieri, venne da un'idea del maresciallo Giuseppe D'Auria e del carabiniere Giovanni Collura. Entrambi soci fondatori della locale sezione ANC. Direttore del museo: carabiniere Francesco D'Auria. Il museo conserva numerosi pezzi di interesse storico-culturale che documentano due secoli di storia militare italiana e non solo.

Il Museo è ubicato nel quartiere più antico di Barrafranca, Batia, in piazza Fratelli Messina, nello storico palazzo Putieddi (portali di epoca tardo-medievale), risalente al XVIII secolo, con una superficie storica espositiva di ben 268 m². Sulla piazza prospetta, inoltre, il complesso settecentesco del monastero delle benedettine con l'annessa chiesa.

Sono riconoscibili all'interno del Museo cinque grandi sezioni:

  • equipaggiamento (operativo e leggero);
  • uniformi e onorificenze;
  • sala delle armi;
  • copricapo e accessori da campo;
  • documentazione storica.

Il Museo comprende:

  • archivio fotografico;
  • archivio storico;
  • videoteca;
  • aula didattica.

Il Museo contribuisce alla valorizzazione e alla conoscenza anche attraverso:

  • mostre itineranti nelle scuole;
  • gallerie;
  • pacchetti turistici "Storia, cultura e natura".

Vi sono custodite uniformi di varie epoche, accessori e militaria dell'Arma e di altri corpi, quadri, stampe, fotografie, nonché generica oggettistica tematica. Vi è inoltre una nutrita raccolta di armi bianche e da sparo. E ospita una completa documentazione sugli eventi bellici del giugno-agosto 1943.

Nel febbraio del 2005 (con protocollo n. 205 del 15.02.2005) l'Assessorato dei Beni Culturali ed Ambientali e della P.I. - Dipartimento regionale BB.CC.AA. ed E.P. di Enna, Servizio per i beni storico-artistici ed etnoantropologici, a seguito della nota 375/19.1.05, dopo vari sopralluoghi effettuati in diverse occasioni, ultimo in data 25/11/2004, accertano che gli oggetti ivi contenuti risultano avere più di cinquant'anni e comprovano la loro utilizzazione nel recente passato. Ad oggi la collezione di oggetti militari pervenuti da diverse roccaforti e distretti d'Italia ed esteri possiede valenze culturali e didattiche sotto l'aspetto storico-documentario ed etnoantropologico.

Fra i cimeli di maggiore rilievo e curiosità, si trovano:

Il museo ospita inoltre il gonfalone dell'ANC di Barrafranca.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musei Portale Musei: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musei