Museo civico del Risorgimento (Modena)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo civico del Risorgimento
Museo civico del Risorgimento di Modena (1926).jpg
Il museo nel 1926
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàModena
IndirizzoViale Vittorio Veneto 5
Caratteristiche
Tipostorico-militare
Periodo storico collezionidall'epoca napoleonica e alla prima guerra mondiale
Apertura14 marzo 1894
Chiusura1990
Sito web e Sito web

Coordinate: 44°38′51.04″N 10°55′13.37″E / 44.64751°N 10.92038°E44.64751; 10.92038

Il Museo civico del Risorgimento è stato uno spazio espositivo situato a Modena dedicato al Risorgimento.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il salone del museo nel 1937

Le premesse per la costituzione del museo si ebbero nel 1884, quando a Modena si formò un comitato per costituire nella città emiliana uno spazio espositivo dedicato al Risorgimento. L'idea venne sulla scorta di una mostra predisposta durante l'Esposizione generale italiana di Torino del 1884 e incentrata su questo periodo storico. Il primo nucleo dello spazio espositivo venne creato nel 1894 in un locale dei musei civici di Modena. I cimeli vennero donati da molte famiglie modenesi.

Le collezioni crebbero costantemente e - complice la crescente attenzione nei confronti del museo - lo spazio espositivo fu ingrandito più volte con lo spostamento dei cimeli in luoghi differenti, tra cui una grande sala delle Biblioteca Estense.

Il trasferimento nella sede definitiva fu effettuato nel 1924 in alcuni locali del Palazzo dei Musei, con la collezione di reperti che venne completata nel 1926. Nel 1937 fu inaugurata una sezione dedicata al Fascismo, che fu poi tolta a seconda guerra mondiale terminata.

Il museo del Risorgimento di Modena non subì modifiche di sorta fino al 1990, quando venne chiuso al pubblico. Tutti i reperti e i cimeli furono chiusi in casse di legno e spostati in un deposito.

Le esposizioni[modifica | modifica wikitesto]

La collezione del museo era formata da circa 2.000 cimeli. A questi si aggiungevano i 1.500 volumi della biblioteca storica e 2.500 fotografie. La datazione dei cimeli partiva dall'epoca napoleonica e arrivava alla prima guerra mondiale, con particolare riferimento al legame di Modena con il Risorgimento.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENn2011084474 · WorldCat Identities (ENn2011-084474