Museo del Risorgimento e della Resistenza (Vicenza)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo del Risorgimento e della Resistenza
Villa Guiccioli-11.jpg
Vicenza - Museo del Risorgimento e della Resistenza
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàVicenza
Indirizzoviale X Giugno 87
Caratteristiche
Tipostorico-militare
Periodo storico collezionidall'epoca napoleonica alla seconda guerra mondiale
Sito web e Sito web

Coordinate: 45°31′48.84″N 11°32′47.5″E / 45.530232°N 11.546528°E45.530232; 11.546528

Il Museo del Risorgimento e della Resistenza di Vicenza è uno spazio espositivo che sorge sul colle Ambellicopoli, presso la villa Guiccioli, poco dopo il Santuario di Monte Berico, dedicato principalmente al Risorgimento e alla Resistenza italiana. Il museo è circondato da un vasto giardino all'inglese, anch'esso aperto al pubblico.

Le esposizioni[modifica | modifica wikitesto]

Il museo raccoglie le memorie di eventi e di personaggi che appartengono alla storia d'Italia, con particolare attenzione alle vicende storiche belliche legate alla città. I documenti e i cimeli delle raccolte portano infatti la testimonianza degli avvenimenti vicentini e nazionali e, in qualche caso, europei, in particolare le vicende belliche che vanno dalla prima campagna d'Italia di Napoleone Bonaparte nel 1796, ai moti vicentini del 1848, le imprese di Giuseppe Garibaldi, il Risorgimento, la prima guerra mondiale, le guerre coloniali italiane, la seconda guerra mondiale e la lotta di liberazione (1943 - 1945). Nel cortile esterno sono esposti alcuni cannoni e obici austriaci, risalenti alla prima guerra mondiale.

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Augusta Busico, Il tricolore: il simbolo la storia, Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento per l'informazione e l'editoria, 2005, p. 227.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]