Polizia partigiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il termine Polizia partigiana (o Polizia ausiliaria oppure Polizia ausiliaria partigiana) è un termine con cui s'indicano organizzazioni di polizia istituite in Italia da parte del CLN dopo la morte di Benito Mussolini, nel contesto del progressivo ritorno alla pace della penisola perseguito dalla Resistenza italiana.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

I gruppi di polizia partigiana nacquero con l'intento di mantenere l'ordine pubblico nel paese stremato dalla guerra, a seguito dello sbandamento delle forze di polizia del periodo fascista, ossia la Polizia Repubblicana.

Col progressivo ristabilimento dell'ordine pubblico su tutto il territorio nazionale da parte del governo, tramite le regolari forze dell'ordine, su iniziativa del ministro Mario Scelba queste organizzazioni furono infine disciolte, in parte il personale inquadrato nella Polizia fu congedato.[1]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

La polizia partigiana fu coinvolta in alcuni casi controversi, tra cui:

  • Nella notte tra il 4 e il 5 maggio 1945, 28 fascisti e presunti tali furono tratti dal carcere in cui erano stati rinchiusi alla fine della guerra da membri della resistenza, si presume appartenenti alla polizia partigiana, e quindi massacrati. Questa azione è nota come strage di Costa d'Oneglia[2][3][4];
  • Nella notte tra il 6 e il 7 luglio 1945 fu commesso a Schio (VI) un massacro, passato alla storia come Eccidio di Schio;

Sul piano giudiziario le vicende legate a queste periodo furono "chiuse" nel 1953 dal governo Pella, che approvò l'indulto e l'amnistia proposti dal guardasigilli Antonio Azara per tutti i reati politici commessi entro il 18 giugno 1948.

Furono compresi in questa amnistia, che seguiva a distanza di due anni l'Amnistia Togliatti i reati commessi nel dopoguerra, arrivando a oltre tre anni dalla fine della guerra.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elena Aga-Rossi Victor Zaslavskyy, Togliatti e Stalin. Il PCI e la politica estera staliniana, cap. 7, Il Pci dalla collaborazione al confronto, p. 227
  2. ^ Giorgio Pisanò, Storia della Guerra Civile in Italia 1943-1945, 3 vol., quinta ed. Eco Edizioni, Melegnano, 1999. (Prima ed. Edizioni FPE, Milano, 1965)
  3. ^ Alberto Politi, I caduti della RSI, Novantico Editrice, Imperia e Provincia
  4. ^ Giampaolo Pansa, Il sangue dei vinti, Sperling & Kupfer Editori
  5. ^ D.P.R. 19 dicembre 1953, n. 922.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elena Aga-Rossi Victor Zaslavskyy, Togliatti e Stalin. Il PCI e la politica estera staliniana, cap. 7, Il Pci dalla collaborazione al confronto.
  • Giampaolo Pansa, Il sangue dei vinti, Sperling & Kupfer Editori.
  • Giorgio Pisanò, Storia della Guerra Civile in Italia 1943-1945, 3 vol., quinta ed. Eco Edizioni, Melegnano, 1999. (Prima ed. Edizioni FPE, Milano, 1965).
  • Alberto Politi, I caduti della RSI, Novantico Editrice, Imperia e Provincia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]