Casa Cervi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo "Casa Cervi"
MUSEU CERVI.jpg
Casa Cervi, oggi moderno museo di storia contemporanea
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàGattatico (RE)
Indirizzovia Fratelli Cervi 9, 42043, Gattatico (RE) - località Campi Rossi
Caratteristiche
Tiporesistenza italiana, antifascismo.
FondatoriConfederazione italiana agricoltori, ANPI reggiana, comune di Gattatico, discendenti dei 7 fratelli Cervi.
Apertura24 aprile 1974
Sito web

Coordinate: 44°47′26.32″N 10°29′49.57″E / 44.790644°N 10.497103°E44.790644; 10.497103

Casa Cervi, oggi moderno museo di storia contemporanea.

La casa Cervi è un museo ricavato nella casa colonica abitata dai fratelli Cervi. Si trova in provincia di Reggio Emilia, per la precisione nel comune di Gattatico, in località Campi Rossi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La casa, a 1 km dal centro abitato di Gattatico, fu abitata a partire dal 1934 dalla famiglia Cervi, che qui conduceva in affitto un podere agricolo. Col passare del tempo i Cervi modernizzarono e inventarono oggetti per l'agricoltura e per i 20 ettari di terra che coltivavano. Vi sono tuttora conservati il primo trattore Balilla comprato da Aldo Cervi, su cui è appoggiato un mappamondo, le licenze di tutti i sette fratelli, oggetti rurali appartenenti alla famiglia, libri, divise e altre testimonianze scritte appositamente conservate. Una sezione virtuale con filmati e ricostruzioni permette di scoprire la storia della famiglia e dell'eccidio.

La fondazione[modifica | modifica wikitesto]

La Casa - Museo Cervi è parte, insieme alla Biblioteca Archivio Emilio Sereni e al Parco agroambientale, dell'Istituto Alcide Cervi di Campegine, fondato il 24 aprile del 1972, il giorno antecedente la ricorrenza della liberazione italiana dalla dittatura nazi-fascista. La fondazione dell'Istituto si deve alle attività svolte dalla figura di Alcide Cervi (1875-1970), padre dei 7 fratelli, denominato poi nel corso degli anni dalla TV e dai giornali, Papà Cervi. Due anni dopo la dipartita di Alcide Cervi, l'ente Alleanza nazionale dei contadini (divenuta in seguito Confederazione italiana degli agricoltori) assieme all'Anpi di Reggio Emilia e il comune di Gattatico, porterà avanti il progetto di aprire l'istituzione museale, presso la residenza della famiglia Cervi.

Lo scopo[modifica | modifica wikitesto]

Scopo principale dell'istituzione è tramandare la memoria storica sui valori della resistenza in Italia, dell'antifascismo e tutelare la Costituzione italiana.

La Pastasciutta antifascista[modifica | modifica wikitesto]

È una rievocazione storica che si tiene il giorno dell'arresto di Mussolini, avvenuto il 25 luglio del 1943 in ricordo della pastasciutta che i Cervi offrirono a tutto il paese, distribuendola in piazza a Campegine per l’occasione.

Festival Teatrale di Resistenza[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno l'Istituto Cervi organizza il Festival Teatrale di Resistenza riservato a spettacoli a tematica civile che riescano a declinare anche al giorno d'oggi il significato della parola "Resistenza". Al termine del festival viene assegnato il Premio Teatro e Memoria. Per tradizione la premiazione avviene il 25 luglio durante la Pastasciutta antifascista.[1] Tra i vincitori delle ultime edizioni la Piccola Compagnia Dammacco con lo spettacolo Esilio[2], La Confraternita del Chianti / Dramma Italiano di Fiume con lo spettacolo Esodo[3] e Kuziba Teatro con L'estranea di Casa.[4]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gattatico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pastasciutta antifascista, anno ventidue, su Repubblica.it, 20 luglio 2016. URL consultato il 12 luglio 2019.
  2. ^ Spettacoli vincitori del 16° FESTIVAL TEATRALE DI RESISTENZA > 7 – 25 luglio 2017, su Istituto Alcide Cervi. URL consultato il 12 luglio 2019.
  3. ^ Casa Cervi, Vincitori del 15º Festival Teatrale di Resistenza, in Comunicato Stampa.
  4. ^ FESTIVAL TEATRALE DI RESISTENZA – Spettacoli vincitori > dal 7 al 25 luglio 2018, su Istituto Alcide Cervi. URL consultato il 12 luglio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia al valore militare
Nazismo Portale Nazismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di nazismo