Piero Balbo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Piero Balbo
Piero Balbo cropped.jpg
SoprannomeNord, Poli
NascitaManjimup, 12 giugno 1916
MorteAsti, 19 marzo 2003
Luogo di sepolturacimitero di Cossano Belbo
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataRegia Marina
Regio Esercito
Corpo Volontari della Libertà-Resistenza italiana
CorpoXII Squadriglia MAS (1940-1943)
1º Gruppo Divisioni Alpine (1943-1945)
Alpini (membro onorario per meriti di guerra)
UnitàII divisione autonoma "Langhe"
Anni di servizio1940 - 1945
Gradosottotenente di vascello
GuerreSeconda guerra mondiale
Guerra di liberazione italiana
Guerra civile in Italia (1943-1945)
CampagneCampagna d'Italia (1943-1945)
BattaglieBattaglia di Alba
Comandante diII divisione autonoma "Langhe"
DecorazioniMedaglia d'argento al valor militare
Altre caricheavvocato
fonti nel testo
voci di militari presenti su Wikipedia

Piero Balbo, conosciuto col nome di battaglia "comandante Nord" o "Poli" (Manjimup, 12 giugno 1916Asti, 19 marzo 2003), è stato un militare, partigiano e avvocato italiano, decorato con la medaglia d'argento al valor militare e comandante di uno dei gruppi di partigiani badogliani.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza, avvocato, nel 1940 venne arruolato come ufficiale di complemento nella XII Squadriglia MAS di Lero e vi restò fino all'8 settembre 1943, quando, trasferito a Pola, venne catturato dai tedeschi, ma riuscì a fuggire e, rientrato nell'astigiano percorrendo l'intero tragitto in bicicletta[1], si aggregò alle prime bande armate partigiane.

I tedeschi lo conoscevano e per questo nel 1944 gli distrussero la casa a Cossano Belbo. Fece parte del 1º Gruppo Divisioni Alpine, comandato da Enrico Martini "Mauri", nel quale a lui venne dato il comando della 2ª Divisione Langhe.

La divisione durante la resistenza aveva anche il compito di approntare e difendere il campo di atterraggio a Vesime, utilizzato dagli Alleati. Alla fine della guerra di liberazione la brigata lasciò sul campo 178 caduti tra i quali il padre di Piero Balbo, "Pinin", medaglia d'oro al valor militare[2].

È deceduto ad Asti il 19 marzo 2003 e la sua salma riposa nella tomba di famiglia nel cimitero di Cossano Belbo.[3]

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

«Nord aveva allora trent’anni scarsi, aveva cioè l’età in cui a un ragazzo appena sviluppato come Johnny la maturità trentenne appare fulgida e lontana ma splendidamente concreta come un picco alpestre. L’uomo era così bello quale mai misura di bellezza aveva gratificato la virilità, ed era così maschio come mai la bellezza aveva tollerato d’esser così maschia. Il suo aquilino profilo aveva quella giusta dose di sofficità da non renderlo aquilino, ed era quel profilo che quando scattò, later on, su un fondo oscuro, davanti a una triade di prigionieri fascisti, tutt’e tre crollarono ai piedi di Nord, in un parossismo di sgomento e di ammirazione. L’aurea proporzione del suo fisico si manifestava fin sotto la splendida uniforme, nella perfezione strutturale rivestita di giusta carne e muscolo. I suoi occhi erano azzurri (incredibile compimento di tutti i requisiti!), penetranti ma anche leggeri, svelanti come mai Nord prevaricasse col suo intenzionale fisico, la sua bocca pronta al più disarmato e meno ermetico dei sorrisi e risi; parlava con una piacevole voce decisamente maschile, mai sforzata. E si muoveva con sobria elasticità su piedi in scarpe da pallacanestro.»

(Beppe Fenoglio, Il Partigiano Johnny)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Dal libro nel 2000 è stato tratto il film omonimo, per il quale Piero Balbo ha prestato alcuni dei suoi indumenti utilizzati durante la resistenza, all'interprete di Nord, Claudio Amendola, e ha assistito alla prima visione del film tenutasi ad Alba, alla presenza dei famigliari e amici di Beppe Fenoglio.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Adriano Balbo, Quando inglesi arrivare noi tutti morti. Cronache di lotta partigiana: Langhe 1943-1945, Torino, Edizioni Blu, 2005, ISBN 88-7904-001-4.
  • Enrico Martini, Noi del 1º Gruppo Divisioni Alpine Settembre 1943-Maggio 1945. Una resistenza da riscoprire, Cairo Montenotte, L.Editrice., 2011, ISBN 978-88-95955-48-3.
  • Enrico Martini, Con la libertà e per la libertà, Torino, Società editrice torinese, 1947.
  • Enrico Martini, Partigiani penne nere: Boves ,Val Maudagna, Val Casotto, Le Langhe, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1968.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]