Museo della Resistenza di Sansepolcro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Museo della Resistenza di Sansepolcro
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàSansepolcro
Indirizzovia Matteotti 10, C.P. 95
Caratteristiche
TipoStorico
Apertura1975

Il Museo della Resistenza di Sansepolcro è stato fondato nel 1976 come centro studi e documentazione sulla Resistenza.

Possiede al suo interno una biblioteca composta da circa 2500 volumi di storia locale, contemporanea e resistenziale, una vasta raccolta di documenti del periodo 1920-1945, un'emeroteca che raccoglie serie complete di riviste del periodo fascista e postbellico.

Sono conservati al museo, inoltre, una collezione di armi leggere della Seconda guerra mondiale, per lo più provenienti dallo Stabilimento Militare di Terni, e varia oggettistica dell'epoca donata da privati cittadini. Nel museo è presente anche materiale proveniente dal Campo di internamento fascista di Renicci e un plastico che riproduce la planimetria dello stesso campo, realizzato dagli studenti del locale Istituto d'Arte.

Negli ultimi anni è stato acquisito un corpus documentario sul fenomeno concentrazionistico e sono stati avviati progetti di collaborazione con altri istituti impegnati nello studio dell'internamento.

Sono infine presenti una nastroteca che raccoglie canti resistenziali e testimonianze, fotografie d'epoca e una raccolta di quadri sul tema della Resistenza.

Tra le iniziative promosse dal Museo della Resistenza di Sansepolcro nell'ambito della conservazione e dell'approfondimento della storia locale vi è la ristampa anastatica di alcuni testi oggi disponibili per la consultazione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Museo della Resistenza, in Roderico Grisak, Sansepolcro - I muri raccontano, vol. 2. Sansepolcro, Via Maior, 2010, pp. 122-123.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]