Martiri ottobrini di Lanciano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I Martiri ottobrini
Tiposparatoria, rappresaglia
Data6 ottobre 1943
LuogoLanciano
StatoItalia Italia
Obiettivopartigiani, popolazione civile
Responsabilisoldati della Wehrmacht
Conseguenze
Morti23

I martiri ottobrini di Lanciano, sono stati un gruppo di partigiani che affrontarono il 5 e 6 ottobre 1943, a Lanciano, i soldati della Wehrmacht. Le gesta vennero esaltate pochi giorni dopo non soltanto in Italia, ma anche dalle Radio di Londra e di New York; alla città di Lanciano fu assegnata la medaglia d'oro al valor militare.

A loro è stata intitolata la scuola primaria "Eroi ottobrini" di Lanciano, vicina ai luoghi oggetto degli avvenimenti del 1943.

La rivolta di Lanciano[modifica | modifica wikitesto]

Nei giorni 5 e 6 ottobre 1943 la città di Lanciano insorse contro i tedeschi: nello scontro trovarono la morte 47 tedeschi, tra ufficiali e militari di truppa, e 23 lancianesi, 11 in combattimento e 12 per rappresaglia.

La rivolta di Lanciano rappresentò l'evento finale dell'organizzazione resistenziale lancianese che riuniva varie componenti: gli ex prigionieri di guerra jugoslavi (che fuggirono con un'operazione gestita dall'OSS prima della rivolta), la componente comunista rappresentata da Mario Bellisario, gli ufficiali del regio esercito e gli esponenti degli altri movimenti politici. Lo scontro ebbe inizio la sera del 5, quando alcuni partigiani sbarrarono la strada di circonvallazione in contrada Pozzo Bagnaro, ferendo alcuni tedeschi ed incendiando i loro veicoli, non veicoli militari da combattimento, ma ambulanze della Croce Rossa tedesca, scortate da veicoli leggeri scarsamente armati. Durante la notte i tedeschi catturarono il principale autore di questa impresa, il partigiano Trentino La Barba, che fu sottoposto ad interrogatorio e torturato. Ma a nulla valsero le torture: il giovane, con straordinario coraggio, decise di non parlare e non rivelò il nome dei capi del movimento insurrezionale lancianese che aveva organizzato l'azione antitedesca e del quale egli stesso faceva parte. La mattina seguente i tedeschi portarono il giovane in viale Cappuccini e lo legarono ad un albero, per mostrare a tutti i suoi concittadini le torture a cui il partigiano veniva sottoposto: Trentino La Barba venne accecato e poi ucciso a colpi di pistola.

Intanto, la notte del 5, gli altri partigiani, consapevoli che l'azione antitedesca avrebbe indotto i nemici ad un'azione di rappresaglia, si radunarono, dopo essersi procurati armi presso le caserme della Milizia e dei Carabinieri e presso la Guardia di Finanza, e prepararono una nuova azione. Essa fu organizzata dal generale Mercadante e da Amerigo Di Menno Di Bucchianico, Avvento Montesano, dal dottor Carlo Shönheim e da altri giovani ufficiali lancianesi. La mattina i partigiani lancianesi, pronti a combattere, occuparono le zone intorno alle Torri Montanare, il viale Silvio Spaventa, la caserma Santa Chiara della Milizia, il Torrione delle Monache e sbarrarono viale Cappuccini. Alle 8 ebbero inizio i primi scontri ed i partigiani riuscirono a tenere le posizioni fino al pomeriggio, quando giunsero rinforzi ai tedeschi che, quindi, riuscirono ad avere la meglio. Seguì una spietata rappresaglia tedesca: i tedeschi incendiarono gran parte di corso Trento e Trieste, distruggendo i più forniti negozi ed anche molte case civili. Molti furono i lancianesi uccisi.

Nei giorni seguenti il popolo lancianese scelse la strada dell'ostruzionismo e del sabotaggio: i giovani si sottrassero al lavoro obbligatorio e presero la via della montagna. Molti aderirono alla Brigata Maiella che in quei giorni si stava formando.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 ottobre 1944, un anno dopo questi avvenimenti, l'avvocato Giuseppe Spataro, delegato del Governo, conferì la Medaglia d'oro al valor militare alla città di Lanciano, ponendo, sul luogo dell'azione, la seguente lapide:

«DA QUESTO PIAZZALE

IL 6 OTTOBRE 1943

LA GIOVENTU' LANCIANESE

IMPUGNATE LE ARMI

COLPIVA IL TEDESCO INVASORE

E

RIAFFERMAVA COL MARTIRIO

IL SUO ANELITO ALLA LIBERTA'

LA SUA FEDE

NELLA PATRIA IMMORTALE

6 OTTOBRE 1944»

I caduti[modifica | modifica wikitesto]

Partigiani caduti in combattimento[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincenzo Bianco
  • Giovanni Calabrò
  • Giuseppe Castiglione
  • Achille Cuonzo
  • Adamo Giangiulio
  • Giuseppe Marsilio
  • Guido Rosato
  • Raffaele Stella

Decorati[modifica | modifica wikitesto]

Valor militare gold medal BAR.svg

Trentino La Barba

con la seguente motivazione:

«Nobilissima tempra di patriota, si votava fra i primi con purissima fede e straordinario coraggio alla lotta armata contro l'aggressore nazi-fascista. Sfuggito dalla prigionia in Germania e rientrato in Lanciano, aderiva con entusiasmo al Movimento Insurrezionale Lancianese. Durante un'azione di sabotaggio che aveva procurato gravi danni al nemico, dopo aver brillantemente dimostrato coraggio e personale valore, veniva catturato. Sottoposto ad estenuanti interrogatori e torture, non rivelava i nomi dei capi del movimento, chiudendosi in generoso mutismo. Il suo fiero contegno esasperava gli aguzzini che barbaramente gli strappavano gli occhi prima di trucidarlo. Eroico e luminoso esempio di virtù militare e di assoluta dedizione alla Patria.»

Valor militare silver medal BAR.svg

  • Remo Falcone
  • Nicolino Trozzi
  • Domenico Solaro

Civili uccisi[modifica | modifica wikitesto]

  • Maria Auricchio
  • Gilbe Cicchitti
  • Giovanni De Chellis
  • Gaetano Di Campli
  • Giuseppe Iacobitti
  • Dora Manzitti
  • Giuseppe Orfeo
  • F. Paolo Piccirilli
  • Leopoldi Salerno
  • Pierino Sammaciccia
  • Camillo Trozzi

Opere commemorative[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alle varie piazze e strade dedicate ai Martiri nei vari comuni abruzzesi (tra le altre Paglieta e L'Aquila), a Lanciano si trovano specifici monumenti alla strage:

  • Piazzale VI Ottobre: luogo dell'impiccagione di Trentino La Barba, precede il corso Roma dalla chiesa di Santa Chiara, e dall'ex caserma di fanteria, oggi istituto magistrale "Cesare De Titta". Vi si trova la lapide del 1944.
  • Monumento ai Martiri Ottobrini: si trova in larghetto Martiri Lancianesi, lungo via Ferro di Cavallo, a poca distanza dal luogo della sparatoria di Santa Chiara. L'opera è stata inaugurata nel 1965, ed è una sorta di sacrario con una lastra di bronzo dal tema allegorico, e una lastra di marmo che riporta i nomi dei caduti. L'area, oggetto di annuale degrado amministrativo, è stata ripristinata nei primi anni 2000.
  • Monumento a Trentino La Barba: opera di Nicola Antonelli, è stato realizzato nel 2016 in largo dell'Appello, nel centro storico. Scolpito in un blocco di calcare della Majella, rappresenta il partigiano nelle vesti di martire cristiano, mentre guarda verso la montagna.
  • Scuola elementare "Eroi Ottobrini": si trova in viale Marconi.

Una puntata della serie "La guerra in casa" trasmessa dalla Rai e pubblicata in DVD, è dedicata alla vicenda dei Martiri e della ribellione dei patrioti della Brigata Maiella, capitanata da Ettore Troilo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Battaglia R.Storia della Resistenza italiana. Torino, Ed. Einaudi, 1964.
  • Bellini R. La verità sulla Rivolta Armata Lancianese del 5 e 6 ottobre 1943. Lanciano, Tip. Mancini, 1969.
  • Bellisario M. Ricordi di una civiltà scomparsa. Lanciano. Carabba Editore, 2002.
  • Bocca G. Storia dell'Italia partigiana, settembre 1943-maggio 1945. Bari, Laterza, 1966.
  • Anna Cavasinni e Fabrizio Franceschelli nel DVD La Battaglia del Sangro ricostruiscono l'insurrezione lancianese del 5 e 6 ottobre 1943 - territori-link 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Storia d'Italia Portale Storia d'Italia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia d'Italia