Strage

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La strage è l'uccisione perlopiù contemporanea di un gran numero di persone o di animali.[1]

Analisi del concetto[modifica | modifica wikitesto]

Il termine non è da confondere con distruzione di massa in uso nel contesto militare né con l'omicidio plurimo perché questo è rivolto contro persone determinate. In senso lato si parla di strage riguardo alla generica uccisione di una pluralità di persone. Secondo l'FBI è necessaria la presenza di quattro o più omicidi nel corso di un particolare evento senza la "fase di stasi" tra un omicidio e l'altro[2].

Stragi possono essere compiute da individui o organizzazioni sia criminali sia assoldate dallo Stato come ad es. le repressioni della polizia nelle manifestazioni civili, il bombardamento a tappeto e l'esecuzione indiscriminata e pianificata di gruppi di persone[3]. La strage si distingue dallo spree killer che agisce in due o più località senza interruzioni tra l'uno e l'altro delitto.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Strage di Stato[modifica | modifica wikitesto]

Generalmente rientrano in questa categoria gli atti compiuti durante una guerra, specialmente mediante l'utilizzo di armi di ampia portata distruttiva[4]. L'obiettivo urbano, in particolare, si richiamava alla "concezione rinascimentale"[5] della città intesa come unità spirituale di un popolo, riprendendo gli studi sulla psicologia del panico già sperimentata da Orson Welles[6] e analizzata tempo prima da Gustave Le Bon[7] secondo il quale un individuo che fa parte della folla adegua subito il proprio comportamento alla massa, subendo una regressione di controlli logici e razionali in favore di istinti ed emozioni tali da annullare la propria responsabilità.

L'idea che lo Stato pianifichi una strage, tuttavia, si estende lungo un ampio ventaglio di altre possibilità:

Strage di follia[modifica | modifica wikitesto]

In questa categoria di massacri possono rientrare una serie di gruppi sociali come famiglie, colleghi di lavoro, studenti o persone scelte a caso[11]. Le motivazioni spaziano dalla psicopatia alla ricerca di notorietà[12][13][14]. In USA si contano, tra l'altro, i casi di Eric Harris e Dylan Klebold, Ronald DeFeo Jr., George Hassell, Andrew Kehoe, Howard Unruh, Richard Hickock e Perry Smith, Richard Speck e Charles Whitman.

Gli impiegati che uccidono i propri sottoposti sono soprannominati "lavoratori frustrati" molti dei quali ex-impiegati o licenziati. Dopo le dimissioni, questi individui motivati solo dal desiderio di vendetta, tornano sul posto di lavoro e sono cause di tragedie. Nel 1980 a seguito di due incidenti provocati da due postini licenziati, il termine going postal divenne sinonimo di raptus ergonomici e di furie omicide. Uno di questi, Richard Farley, dopo essere stato denunciato per stalking da una collega, ritornò in ufficio e sparò a sette persone.

In alcuni casi il massacro può essere commesso durante una rivolta in un penitenziario, come ad es. accadde nel 1980 nel carcere di New Mexico dove morirono trentatré persone, molti dei quali si trovavano nella sezione "protetti", colpiti da armi da taglio e altri oggetti contundenti nell'arco delle 48 ore della rivolta. Diversamente dai serial killer, raramente si riscontra un movente a sfondo sessuale nei massacri, eccetto il caso di Sylvestre Matuschka, uno psicopatico austriaco che provava l'orgasmo facendo saltare in aria i treni con la dinamite. La sua mania costò la vita a ventidue persone prima dell'arresto avvenuto nel 1931.

Il 22 luglio 2011 Anders Breivik, cittadino norvegese, uccise settantasette persone, per lo più di giovane età, in due separate azioni. Il primo attacco consisteva nell'esplosione di una bomba nei pressi del palazzo del governo a Oslo causando 8 vittime. Il secondo attacco si svolse a 40 km di distanza nell'isola di Utoya dove si stava svolgendo un raduno del movimento progressista. Travestito da poliziotto, attese che i membri del congresso si riunissero in gruppo e quindi aprì il fuoco uccidendo 69 di questi nell'arco di 90 minuti.

Altri massacri compiuti da più di una persona, non sono rari: Eric Harris e Dylan Klebold, Mitchell Johnson e Andrew Golden, Hu Wenhai, Liu Haiwang, Lavrynovitch, Obrapalski, e Kumatarō Kido e Yagorō Tani.

Legislazione mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Italia[modifica | modifica wikitesto]

« Chiunque, fuori dei casi preveduti dall'articolo 285, al fine di uccidere, compie atti tali da porre in pericolo la pubblica incolumità è punito, se dal fatto deriva la morte di più persone, con la morte (pena sostituita con l'ergastolo). Se è cagionata la morte di una sola persona si applica l'ergastolo. In ogni altro caso si applica la reclusione non inferiore a quindici anni. »
(Articolo 422 Codice penale italiano)

Il codice penale italiano prevede il reato di strage all'art. 422, tra i delitti contro l'incolumità pubblica. La fattispecie criminosa descritta nell'articolo consiste nel compiere "atti tali da porre in pericolo la pubblica incolumità", "al fine di uccidere". Il delitto è punito con l'ergastolo, se dal fatto deriva la morte di una o più persone; con la reclusione non inferiore a quindici anni negli altri casi (quindi, se, ad esempio, vi sono solo feriti o se la strage fallisce). Nel testo originario dell'articolo, se dal fatto derivava la morte di più persone, era comminata la pena capitale. Il delitto di strage è integrato, quanto alla condotta, dal solo porre in essere atti idonei a mettere in pericolo la pubblica incolumità. È pertanto classificato fra i reati a consumazione anticipata (ovvero d'attentato) e non è ammissibile il tentativo quale reato autonomo. La competenza per materia appartiene alla Corte d'Assise.

Se la strage, o anche solo il tentativo di essa, è compiuta con il dolo specifico di attentare alla sicurezza dello Stato, si ricade nella previsione dell'art. 285 c.p. (Devastazione, saccheggio e strage).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Massacro, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 19 maggio 2014.
  2. ^ Serial Murder - Federal Bureau of Investigation
  3. ^ R. J. Rummel, Irving Louis Horowitz, Death by Government, Page 35, ISBN 1-56000-927-6
  4. ^ Non sarebbe stato Giulio Douhet il teorico della guerra aerea né Karl Von Clausenwitz, quanto piuttosto Edgar S. Gorrel che sviluppò la teoria del bombardamento di precisione - Memorandum for Benjamin Foulois, 28.11.1917 in E.S. Gorrel, An American proposal for strategic bombing in word war I, "Air power historian", 1958, april, pp. 102 ss.
  5. ^ Konvitz J. (1992) Contesti urbani, reazioni psicologiche di massa e bombardamenti strategici (1914-1945), "Storia e problemi contemporanei", 9, pp. 9-37, p. 19 (tit. orig. Representations urbaines et bombardements strategiques, 1914-1945 in "Annales ESC" 1989, 4)
  6. ^ Cantril H., (1940) The invasion from Mars: a study in the psychology of panic, Princeton University Press, Princeton, p. 47
  7. ^ Le Bon G., Lois psycholgiques de l'evolution des peuples in Testoni I., Zamparini A., (2002) Psicologia sociale, Torino, Einaudi
  8. ^ Simon Sebag Montefiore, Stalin: The Court of the Red Tsar, Knopf, 2004, p. 334, ISBN 1-4000-4230-5.
  9. ^ R.J. Rummel. Chapter 1: 61,911,000 Victims: Utopianism Empowered
  10. ^ R.J. Rummel. Reevaluating China's Democide to be 73,000,000. November 20, 2005.
  11. ^ Jeffrey Kluger, Inside a Mass Murderer's Mind, in Time, 19 aprile 2007. URL consultato il 12 maggio 2010.
  12. ^ ABC News: What Pushes Shooters to Mass Murder?
  13. ^ Notoriety Drives Mass Shooters - Newser
  14. ^ ABC News: Psychiatrist: Showing Video Is 'Social Catastrophe'

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4120706-3