Utøya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Utøya
Utøya 2.jpg
Geografia fisica
Localizzazione Norvegia
Coordinate 60°01′25″N 10°14′53″E / 60.023611°N 10.248056°E60.023611; 10.248056Coordinate: 60°01′25″N 10°14′53″E / 60.023611°N 10.248056°E60.023611; 10.248056
Superficie 0,12 km²
Cartografia
Tyrifjorden map Utøya highlight.png
Mappa di localizzazione: Norvegia
Utøya

[senza fonte]

voci di isole presenti su Wikipedia

Utøya (pronuncia norvegese [ˈʉːtœʏɑ]) è un'isola del Tyrifjorden, quinto lago della Norvegia per estensione, sita nel comune di Hole, nella contea di Buskerud, in Norvegia.

Utøya venne donata nel 1950 al Partito Laburista Norvegese ed è ora di proprietà della Lega dei Giovani Lavoratori (Arbeidernes Ungdomsfylking), associazione giovanile affiliata allo stesso Partito Laburista, che nell'isola organizza campi estivi di formazione.

Strage di Utøya[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Attentati del 22 luglio 2011 in Norvegia.

L'isola è balzata alla notorietà internazionale in occasione degli attentati del 22 luglio 2011, quando un uomo travestito da poliziotto, Anders Breivik, ha aperto il fuoco contro gruppi di giovani che stavano prendendo parte ad un campo estivo organizzato dalla Lega dei Giovani Lavoratori. In quell'occasione sull'isola sono morti 69 giovani tra i 14 e i 20 anni.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Adnkronos/Ign, Strage in Norvegia, 77 morti Confessa 32enne di estrema destra, adnkronos, 23-07-2011. URL consultato il 23-07-2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]