Eric Harris e Dylan Klebold

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eric Harris
Soprannomi Reb
Nascita Wichita, 9 aprile 1981
Morte Littleton, 20 aprile 1999
Vittime accertate 8
Periodo omicidi
Luoghi colpiti
Metodi uccisione
Altri crimini Detenzione illegale di armi, furto d'auto
Arresto Mai arrestato. Morto suicida dopo la strage
Provvedimenti Mai processato
Dylan Bennett Klebold
Soprannomi Vodka
Nascita Lakewood, 11 settembre 1981
Morte Littleton, 20 aprile 1999
Vittime accertate 5
Periodo omicidi
Luoghi colpiti
Metodi uccisione
Altri crimini Detenzione illegale di armi, furto d'auto
Arresto Mai arrestato. Morto suicida dopo la strage
Provvedimenti Mai processato

Eric David Harris (Wichita, 9 aprile 1981Littleton, 20 aprile 1999) e Dylan Bennet Klebold (Lakewood, 11 settembre 1981Littleton, 20 aprile 1999) sono stati due criminali statunitensi, responsabili del massacro della Columbine High School nella Contea di Jefferson, in Colorado (vicino a Denver e Littleton), il 20 aprile 1999, dove uccisero 12 studenti e un insegnante. Sia Harris che Klebold, coetanei, si suicidarono dopo la sparatoria.

Entrambi senior all'high school, i due erano conosciuti da tutti i loro amici come persone eccentriche.

Prima del massacro di Columbine i due ragazzi avevano progettato diversi attentati tra cui uno molto simile all'attentato di Oklahoma City, e pianificavano da parecchio tempo una fuga in Messico al termine di uno di questi piani. Per anni misero da parte armi ed esplosivi clandestinamente ma i loro progetti non ebbero mai realizzazione tranne l'ultimo, tuttavia le cose non andarono come previsto nel loro piano perché molti ordigni non esplosero, e i due ragazzi si suicidarono dopo circa 45 minuti dall'inizio della sparatoria.

Dylan Klebold era figlio di un ingegnere e di una insegnante di scuola primaria (forse specializzata in bambini disabili). Alle scuole elementari si era distinto come buon alunno e pare che venne inserito in un progetto per alunni ritenuti dotati di ottime capacità. Alle scuole elementari divenne amico di Bruce Brown, che ritroverà poi alla Columbine e sarà uno dei superstiti del massacro che fornirà più testimonianze. Da bambino e nella preadolescenza giocò a baseball, ma quando si iscrisse alla Columbine non entrò in nessun circolo sportivo. Conobbe a 12 anni Eric Harris al College e divennero presto molto amici e decisero di andare insieme alla Columbine. Probabilmente non ha mai avuto una ragazza, e per un periodo della sua vita ha avuto un'attrazione non corrisposta verso una sua amica. Generalmente la gente che lo conosceva lo descriveva come un ragazzo timido, intelligente, che non parlava molto di sè. Nei suoi diari appaiono disegni macabri con riferimenti alla morte, soldati senza testa in armatura tecnologica, corpi mozzati.

Eric Harris era figlio di un militare dell'esercito e a causa della professione del padre, fino a 12 anni, fu obbligato a spostarsi di città in città e questo gli rese difficile fare amicizie. A 12 anni quando si stanziarono a Littlelton conobbe Dylan Klebold al college e presto divennero molto amici, e frequentarono insieme sia il college che la scuola superiore Columbine fino al giorno del tragico massacro. Era descritto come un ragazzo solitario con la passione per le armi e l'informatica. Lui e Dylan erano tra i migliori studenti del corso di informatica nell'Istituto, tanto che il professore li scelse più volte come assistenti durante le lezioni. Gli fu diagnosticata una forma di depressione e il farmaco ebbe il tragico effetto di inibirlo dalle emozioni e quindi contribuire a renderlo freddo nel calcolare nei dettagli il massacro. Nei suoi diari furono trovate immagini di svastiche naziste e simboli di morte.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie