Massacro alla Marjory Stoneman Douglas High School

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Massacro alla Stoneman Douglas High School
Massacro
MarjoryStonemanDouglasHS 22Jun2008.jpg
L'ingresso della scuola
TipoSparatoria
Data14 febbraio 2018
14:21 – 14:27 (UTC-5)
LuogoMarjory Stoneman Douglas High School
StatoStati Uniti Stati Uniti
Stato federatoFlorida Florida
ComuneParkland
Coordinate26°18′14.4″N 80°16′08.4″W / 26.304°N 80.269°W26.304; -80.269Coordinate: 26°18′14.4″N 80°16′08.4″W / 26.304°N 80.269°W26.304; -80.269
ArmaAR-15
ObiettivoStudenti e personale scolastico
ResponsabiliNikolas Jacob Cruz
Motivazioneincerta
Conseguenze
Morti17
Feriti17
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Luogo dell'evento
Luogo dell'evento

Il massacro alla Marjory Stoneman Douglas High School fu una strage in ambito scolastico avvenuta il 14 febbraio 2018 alla Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland.

Diciassette persone furono uccise e molte altre portate in ospedale. Si è trattato di uno dei casi con più vittime di sparatoria scolastica nella storia degli Stati Uniti[1][2], superando anche il noto caso della Columbine High School.

Nikolas Cruz, la persona identificata come l'autore di questo massacro[3], fu arrestato poco dopo la strage e portato nell'ufficio dello sceriffo, dove avrebbe poi confessato.

Gli avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Alle 14:19 ET del 14 febbraio 2018, Nikolas Cruz fu accompagnato a scuola da un autista Uber. Verso le 14:40 gli studenti e gli insegnanti sentirono colpi di arma da fuoco e attivarono il "codice rosso"[4]. Cruz azionò l'allarme incendio indossando una maschera antigas e portando granate fumogene. Era armato con un fucile d'assalto AR-15 calibro .223 e diversi caricatori: iniziò a sparare indiscriminatamente verso studenti e personale scolastico – scegliendo tuttavia con cura i suoi bersagli, tutte persone che egli conosceva bene – per poi uscire mescolandosi tra la folla in fuga. Si recò quindi presso un Walmart vicino, dove comprò una bibita da Subway. Poi andò da McDonald's. Fu arrestato alle 15:40 a Coral Springs, dopo essere stato identificato dalle telecamere di sicurezza della scuola.

Le vittime[modifica | modifica wikitesto]

Vittime del massacro
Nome Età
Alyssa Alhadeff 14
Scott Beigel 35
Martin Duque 14
Nicholas Dworet 17
Aaron Feis 37
Jaime Guttenberg 14
Chris Hixon 49
Luke Hoyer 15
Cara Loughran 14
Gina Montalto 14
Joaquin Oliver 17
Alaina Petty 14
Meadow Pollack 18
Helena Ramsay 17
Alex Schachter 14
Carmen Schentrup 16
Peter Wang 15

Furono uccise in tutto diciassette persone. Molti altri vennero feriti, tra cui almeno quattordici che vennero trasportati negli ospedali vicini:[5][6][7] tre rimasero in condizioni critiche fino al 15 febbraio,[8] e un altro fino al giorno dopo.[9] Delle diciassette vittime, dodici morirono dentro la scuola, due all'esterno dell'edificio, una sull'ambulanza e altre due all'arrivo in ospedale.[5] I nomi e le età delle vittime sono mostrati nella tabella a fianco.[10]

Gli adulti assassinati da Cruz furono tre. Scott Beigel, un insegnante di geografia, venne ucciso dopo che aveva aperto un'aula chiusa a chiave per permettere ad alcuni studenti di nascondersi all'interno; questi riuscirono a sopravvivere perché l'omicida non entrò in quell'aula.[11][12] Aaron Feis, un assistente coach della squadra di football e addetto alla sicurezza, rimase ucciso mentre faceva da scudo a due studenti.[13] La terza vittima adulta fu Chris Hixon, il direttore atletico della scuola.[14]

Il quindicenne sino-americano Peter Wang venne visto vivo per l'ultima volta mentre teneva aperta una porta per far sì che i suoi amici uscissero più velocemente: indossava la sua uniforme dei Junior Reserve Officers' Training Corps (JROTC). Considerato per questo gesto un eroe già subito dopo la sua morte, fu sepolto con la sua giubba blu dei JROTC addosso, ricevendo gli onori militari.[15][16] Anche altre due giovani vittime, Alaina Petty e Martin Duque, che avevano tenuto un atteggiamento simile, vennero onorate, ai loro funerali, con la ROTC Medal for Heroism da parte dello U.S. Army. A Wang venne poi conferita in via eccezionale l'ammissione postuma alla United States Military Academy.[17] Andrew Pollack, padre di Meadow, una delle studentesse uccise, dopo il massacro ha fondato l'organizzazione no-profit Americans for Children's Lives and School Safety, che si batte per il divieto delle armi da fuoco negli istituti scolastici [18]. Tra le altre vittime delle strage, anche il giovane Nicholas Dworet, cugino del rapper Hi-Rez e talentuoso nuotatore con grandi ambizioni [19] [20] .

Nikolas Cruz[modifica | modifica wikitesto]

Foto segnaletica di Nikolas Cruz presso l'ufficio dello sceriffo della contea di Broward

Autore della strage fu Nikolas Jacob Cruz, un 19enne ex-studente della stessa scuola.[21][22] Cruz, nato il 24 settembre 1998, a Margate, Florida[23], era stato adottato all'età di due anni. Non si è mai saputo chi fossero i suoi veri genitori. [24] Il padre adottivo è morto quando Cruz era un bambino, mentre la madre adottiva è scomparsa all'età di 68 anni nel novembre 2017[25]: in seguito Cruz ha vissuto a casa di parenti e amici, insieme a un bimbo di colore, anch'egli adottato dalla coppia. [26]

Cruz era un membro dei Junior Reserve Officers' Training Corps (JROTC)[27] e della squadra di tiro a segno con fucili ad aria compressa della scuola.[27][28] A causa del suo comportamento, era stato espulso dalla scuola: nei tre anni successivi frequentò sei diversi istituti privati, venendo ogni volta cacciato.[29]

Nel 2014, Cruz era stato inserito in una scuola per bambini con difficoltà emotive e di apprendimento: ritornò alla Stoneman Douglas High School due anni dopo, per poi essere nuovamente espulso.[29] Il Florida Department of Children and Families iniziò a investigare su di lui nel settembre 2016, in seguito ad alcuni post su Snapchat in cui Cruz si faceva tagli su entrambe le braccia esprimendo l'intenzione di voler comprare un'arma. Gli investigatori riportarono che Cruz soffriva di depressione, autismo e disturbo da deficit di attenzione e iperattività. Nella loro valutazione, tuttavia, conclusero dicendo che "era a basso rischio di fare del male a se stesso o agli altri".[30] Cruz aveva ricevuto in precedenza alcuni trattamenti di salute mentale, ma non durante l'anno in cui ha commesso il massacro.[27] Un'email dell'amministrazione scolastica era circolata tra gli insegnanti, avvertendoli del fatto che Cruz aveva rivolto minacce agli altri studenti. Questo portò la scuola a proibire a Cruz di indossare uno zaino all'interno del campus.[31][21][32]

Lo sceriffo della contea di Broward, Scott Israel, descrisse i profili online di Cruz come "molto, molto disturbanti".[27] Contenevano foto e post di lui con una varietà di armi differenti, inclusi lunghi coltelli, un fucile a canna liscia, una pistola, e una BB gun. La polizia disse che Cruz condivideva posizioni "estremiste" e che i profili social che si ritiene appartenessero a lui contenevano ingiurie razziste e islamofobe.[27] I video pubblicati da Cruz su YouTube includevano commenti come "Voglio morire combattendo e uccidendo un casino di persone", minacce contro gli agenti di polizia e l'Antifa, e l'intenzione di voler imitare il massacro della torre dell'Università del Texas di Charles Whitman.[33][27][34] Cruz lasciò un commento sotto al video di un altro utente il 24 settembre 2017, dicendo "Sarò uno school shooter professionista", cosa che spinse l'utente a segnalare Cruz all'FBI. In base a quanto detto dall'agente Robert Lasky, l'FBI non è stato in grado di individuare chi aveva scritto il commento, anche dopo i vari controlli effettuati sul database.[35][36]

Secondo quanto riportato dalla CNN, Cruz pianificava di uccidere messicani, persone gay e di colore. Queste ultime erano da lui odiate "semplicemente perché erano neri", inoltre egli dichiarava di non sopportare le donne bianche aventi relazioni interrazziali ("traditrici"). Cruz aveva anche espresso idee anti-immigrazione e antisemite.[37]

Un ex-compagno di classe di Cruz ha riferito che quest'ultimo non riusciva a controllare la propria rabbia e che spesso faceva battute sulle armi e sulla loro violenza.[38] Il fratello di un ex-studente lo ha descritto dicendo che era "super stressato tutto il tempo e parlava spesso di armi e cercava di nascondere la faccia".[39] Un altro studente ha riferito: "Penso che tutti stessero pensando che, se qualcuno l'avesse fatto, sarebbe stato lui".[39] Un compagno di classe che aveva dovuto lavorare con lui al secondo anno ha raccontato: "Mi ha detto come era stato espulso da due scuole private. Era stato trattenuto due volte. Aveva aspirazioni di entrare nell'esercito. Amava cacciare".[27] Cruz si vantava anche di aver ucciso animali dopo averli seviziati. Un vicino di casa ha riferito che la madre adottiva di Cruz una volta chiamò la polizia a casa loro "per farlo ragionare".[40]

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: March for Our Lives.

Il massacro alla scuola ha riacceso il dibattito all'interno degli Stati Uniti sul possesso delle armi da fuoco. Proprio per promuovere un maggior controllo in materia, gli studenti della scuola hanno organizzato a Washington la March for Our Lives, una manifestazione che ha visto partecipare circa 500 000 persone.[41]

A seguito del suo arresto, l'avvocato di Nikolas Cruz ha ricevuto lettere d'amore e di sostegno per il suo assistito, a cui sono state inviate altresì foto spedite da ragazze in bikini, nude, dal contenuto sessualmente esplicito e giustificazionista, nonché donazioni economiche per la sua battaglia legale[42][43].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Florida school shooting: at least 17 people dead on 'horrific, horrific day' | US news | The Guardian
  2. ^ Usa, sparatoria in una scuola in Florida: almeno 17 morti e decine di feriti - Tgcom24
  3. ^ Chi è Nikolas Cruz, il killer della Florida. Trump: "Un disturbato, vicini e compagni dovevano segnalarlo"
  4. ^ Chicago Tribune - We are currently unavailable in your region
  5. ^ a b Emanuella Grinberg e Eric Levenson, At least 17 dead in Florida school shooting, law enforcement says, CNN, 14 febbraio 2018. URL consultato il 14 febbraio 2018 (archiviato il 14 febbraio 2018).
  6. ^ Peter Burke, Amanda Batchelor, Carlos Suarez, Neki Mohan e Michael Seiden, 17 killed in shooting at Marjory Stoneman Douglas High School (Miami, Florida), WPLG, 14 febbraio 2018. URL consultato il 14 febbraio 2018 (archiviato il 15 febbraio 2018).
  7. ^ Chabeli Herrera e Sarah Blaskey, At Broward hospitals, 7 shooting victims still being treated. One remains critical., su Miami Herald, 15 febbraio 2018. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  8. ^ Jamie Micklethwaite, Florida school shooter who killed 17 and injured 50 named as ex-pupil Nikolas Cruz, su Daily Star (UK), 15 febbraio 2018.
  9. ^ Aric Chokey, Two more people wounded in Florida school shooting released from hospital, su Sun-Sentinel, 16 febbraio 2018. URL consultato il 20 febbraio 2018.
  10. ^ These are the victims of the Florida school shooting
  11. ^ Student Describes Hearing Her Teacher Being Fatally Shot in Florida School Shooting: 'It Haunts Me' (Los Angeles, California), KTLA. URL consultato il 17 febbraio 2018 (archiviato il 16 febbraio 2018).
  12. ^ Wells Dusenbury e Johnny Diaz, Scott Beigel, Florida school shooting victim: A hero teacher who saved students was among 17 deaths in Parkland, in Sun-Sentinel. URL consultato il 17 febbraio 2018 (archiviato il 16 febbraio 2018).
  13. ^ Elizabeth Chuck, Parkland school shooting: Football coach Aaron Feis died shielding students, NBC News. URL consultato il 17 febbraio 2018 (archiviato il 17 febbraio 2018).
  14. ^ Chris Harris, Wife of Florida School Shooting Hero Knew Husband Would Run Toward Gunfire: 'I'm Beyond Proud', in People. URL consultato il 17 febbraio 2018 (archiviato il 17 febbraio 2018).
  15. ^ Selima Hussain, Petition: JROTC Cadet Killed In Stoneman Shooting Deserves Full Honors Military Burial, su WTVJ (Miami, Florida), 18 febbraio 2018.
  16. ^ Tim Swift, Friends petition for military funeral for Stoneman Douglas student hailed as hero, su WPLG (Miami, Florida), 18 febbraio 2018.
  17. ^ Jeff Tavss, Parkland cadet victims to receive JROTC heroism medals, in WPLG (Miami, Florida), 20 febbraio 2018. URL consultato il 20 febbraio 2018.
  18. ^ https://eu.usatoday.com/story/opinion/2018/08/10/parkland-dad-while-we-debate-guns-fix-school-security-column/915571002/
  19. ^ https://theblast.com/florida-rapper-hi-rez-cousin-dead-school-shooting/
  20. ^ http://17str.com/nicholas-dworet/
  21. ^ a b Carli Teproff, Chabeli Herrera e David Smiley, 17 dead, 15 wounded after expelled student shoots up Stoneman Douglas High in Broward, in Miami Herald, 14 febbraio 2018. URL consultato il 15 febbraio 2018 (archiviato il 14 febbraio 2018).
  22. ^ Arrest Papers for Nikolas Cruz, in The New York Times, 15 febbraio 2018. URL consultato il 16 febbraio 2018 (archiviato il 16 febbraio 2018).
  23. ^ Booking Report (PDF), Florida, Broward County Sheriff's Office, 15 febbraio 2018, p. 1. URL consultato il 20 febbraio 2018.
  24. ^ Kevin Sullivan, William Wan e Julie Tate, Fla. shooting suspect had a history of explosive anger, depression, killing animals, in The Washington Post, 15 febbraio 2018. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  25. ^ Max Jaeger, Mom's flu death may have sent Florida massacre suspect over the edge, in New York Post, 15 febbraio 2018 (archiviato il 16 febbraio 2018).
  26. ^ Stephen Hobbs, Paula McMahon, Anne Geggis e Scott Travis, Nikolas Cruz: Troubled suspect had been expelled from Marjory Stoneman Douglas High School, in Sun-Sentinel (archiviato il 15 febbraio 2018).
    «Adopted at birth by a loving older couple, Nikolas Cruz seemed to struggle in recent years. His dad died when he was much younger and the 19-year-old's mom died just 3 ½ months ago, neighbors, friends and family members said.».
  27. ^ a b c d e f g Eliott C. McLaughlin e Madison Park, Social media paints picture of racist 'professional school shooter', CNN, 14 febbraio 2018 (archiviato il 16 febbraio 2018).
  28. ^ Mike Wright, Florida shooting suspect Nikolas Cruz was member of school's rifle team and described as a 'very good shot', in The Daily Telegraph, 17 febbraio 2018. URL consultato il 18 febbraio 2018.
  29. ^ a b Carol Marbin Miller e Kyra Gurney, Parkland shooter always in trouble, never expelled. Why didn't school system do more?, in Miami Herald, 20 febbraio 2018. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  30. ^ Audra D. S. Burch, Frances Robles e Patricia Mazzei, Florida Agency Investigated Nikolas Cruz After Violent Social Media Posts, in The New York Times, 17 febbraio 2018. URL consultato il 18 febbraio 2018.
  31. ^ Kennedy Kelli, Here's what we know about Nikolas Cruz, the Florida school shooting suspect, Boston.com, 14 febbraio 2018. URL consultato il 15 febbraio 2018 (archiviato il 15 febbraio 2018).
  32. ^ Lisa De Moraes, Police: At Least 17 Dead In Florida High School Shooting; Ex-Student In Custody, ID'd – Update, su Deadline Hollywood, 14 febbraio 2018. URL consultato il 14 febbraio 2018 (archiviato il 15 febbraio 2018).
  33. ^ Joyce Chen, What We Know About the Alleged Florida School Shooter, su Rolling Stone, 15 febbraio 2018. URL consultato il 22 febbraio 2018.
  34. ^ Alleged Shooter Nikolas Cruz Threatened Mass Campus Shooting 9 Months Ago, in TMZ. URL consultato il 17 febbraio 2018.
  35. ^ Adam Goldman e Patricia Mazzei, YouTube Comment Seen as Early Warning in Shooting Left Little for F.B.I. to Investigate, in The New York Times, 15 febbraio 2018. URL consultato il 16 febbraio 2018 (archiviato il 16 febbraio 2018).
  36. ^ Brianna Sacks, The FBI Was Warned About A School Shooting Threat From A YouTube User Named Nikolas Cruz In September, BuzzFeed, 15 febbraio 2018. URL consultato il 15 febbraio 2018 (archiviato il 15 febbraio 2018).
  37. ^ Paul Murphy, Exclusive: Group chat messages show school shooter obsessed with race, violence and guns, CNN. URL consultato il 17 febbraio 2018 (archiviato il 17 febbraio 2018).
  38. ^ Christal Hayes e Emily Bohatch, 'I'm sick to my stomach': 17 dead in Florida high school shooting; former student in custody, su USA Today, 14 febbraio 2018. URL consultato il 15 febbraio 2018 (archiviato il 15 febbraio 2018).
  39. ^ a b Nicole Darrah, Nikolas Cruz was living with Florida high school student in months leading up to shooting, attorney says, Fox News, 14 febbraio 2018.
  40. ^ Matthew Haag e Serge F. Kovaleski, Nikolas Cruz, Florida Shooting Suspect, Was Expelled From School, in The New York Times, 14 febbraio 2018. URL consultato il 15 febbraio 2018 (archiviato il 15 febbraio 2018).
  41. ^ I giovani alla "Marcia per le nostre vite": "Siamo gli unici che possono fare qualcosa", in Rai News, 24 marzo 2018. URL consultato il 27 marzo 2018.
  42. ^ (EN) Florida school shooting suspect receives 'piles' of fan letters in jail, in ABC News, 30 marzo 2018. URL consultato l'8 luglio 2018.
  43. ^ (EN) Nikolas Cruz fans send sexual pics, adoring letters to confessed killer, in USA TODAY. URL consultato l'8 luglio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]