Garibaldino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Garibaldini)
Sentinella garibaldina, dipinto di Gerolamo Induno del 1860 circa.

Con garibaldino si indica ogni soldato volontario che abbia militato nelle numerose formazioni costituite e guidate da Giuseppe Garibaldi o ispirate ai suoi ideali.

Alcuni esempio sono i Cacciatori delle Alpi del 1859, i Mille che presero il nome dalla spedizione dei mille, il Corpo Volontari Italiani che combatté nella terza guerra di indipendenza italiana o l'esercito dei Vosgi.

Successivamente, con questo termine si identificarono tutti i patrioti del sud Italia che si unirono ai Mille costituendo l'esercito meridionale.

Utiliuzzo del termine[modifica | modifica wikitesto]

Divisa dell'onorevole Antonio Fratti, caduto nella battaglia di Domokos, recante traccia del suo sangue.

Nell'uso comune il termine fu usato in riferimento a tutti coloro i quali combatterono con Garibaldi nelle sue spedizioni: nel 1862 (giornata dell'Aspromonte), nel 1866 (Invasione del Trentino) nel Corpo Volontari Italiani, nel 1867 (battaglia di Mentana) o nel 1871 (battaglia di Digione). Corpi di volontari garibaldini accorsero nel 1863 in difesa dell'insurrezione polacca contro i russi e nel 1866-67 a sostegno della lotta di indipendenza di Creta contro i Turchi.

Dopo la morte di Garibaldi, nuove spedizioni furono allestite sotto la guida del figlio Ricciotti nel 1897 e nel 1912 in favore dell'indipendenza della Grecia dalla Turchia. Del 1914 è l'intervento di una spedizione garibaldina a favore della Serbia contro l'Impero austro-ungarico.

In maniera figurata, il termine talvolta può essere usato in italiano con il significato di audace e di temperamento impetuoso (e non privo di una certa dose d'improvvisazione e avventatezza) e la locuzione alla garibaldina è sinonimo di temeraria baldanza e risolutezza.

Uso successivo[modifica | modifica wikitesto]

Oltre che in senso proprio, il termine "garibaldino" è usato anche per designare:

Formazioni garibaldine[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alexandre Dumas, I Garibaldini pref. Lanfranco Binni, Editori Riuniti university press, Roma, 2011
  • Riccardo Affinati, Garibaldini Italiani, 1838 - 1871, Roma, Edizioni Chillemi, 2007;
  • Emanuele Cassani, Italiani nella guerra civile americana 1861-1865, Prospettiva Editrice, Siena, 2006. ISBN 978-88-7418-410-1
  • Eva Cecchinato, Camicie rosse. I garibaldini dall'unità alla grande guerra, Roma, Laterza, 2007. ISBN 978-88-420-8275-0
  • Nicola Guerra, I Filoestensi apuani durante il processo di unità nazionale: condizioni sociali e fuoruscitismo in “Rassegna storica Toscana”, Leo S. Olschki Editore, Firenze 2003;
  • Stefania Magliani, Garibaldi e la tradizione garibaldina. Bibliografia 1969-2002, Marsala, 2003;
  • Michele Ferri, Garibaldini in Ciociaria. Storia della colonna Nicotera nella campagna del 1867 per la conquista di Roma, Frosinone 1988.
  • Mino Milani e AA. VV., Due di Mille, GAM Editrice, Brescia, 2011 pp. 206. EAN 9788889044766

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]