Mino Milani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mino Milani

Guglielmo Milani detto Mino, anche conosciuto con gli pseudonimi di Stelio Martelli, Eugenio Ventura, Piero Selva, Mungo Graham Alcesti e T. Maggio (Pavia, 3 febbraio 1928) è un giornalista, scrittore, fumettista e storico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di famiglia benestante, viene avviato agli studi liceali per poi proseguirli nella facoltà di medicina dell'ateneo pavese, con l'obiettivo di fargli continuare la professione di due zii materni, entrambi affermati medici. Grazie ai buoni uffici del padre Carlo, all'epoca sindaco di Pavia, viene contemporaneamente accettato come praticante nell'istituto di anatomia annesso al policlinico cittadino.

In breve tempo Milani capisce che la professione medica non fa per lui e, dopo aver casualmente assistito a una lezione sul Medioevo, decide di iscriversi alla facoltà di lettere. Dopo la laurea in lettere moderne nel 1950, con una tesi sul brigantaggio nelle Calabrie, basata sul carteggio del concittadino Gaetano Sacchi, che diventerà più tardi Romanzo militare, venne assunto nella Biblioteca Civica di Pavia, divenendone direttore e lavorandovi fino al 1964.

La sua attività di giornalista e scrittore iniziò nel 1953 con saltuarie collaborazioni al Corriere dei Piccoli, al tempo diretto da Giovanni Mosca, periodico poi trasformatosi nel Corriere dei Ragazzi, del quale Milani divenne di fatto il fondatore, il redattore e l'autore più prolifico, e al quale collaborò fino al 1977. In questo periodo, Milani adottava vari pseudonimi, come Eugenio Ventura, Piero Selva, Stelio Martelli, Mungo Graham Alcesti o T. Maggio per alternare le firme nella sua produzione.

Tra i suoi libri per ragazzi si ricordano i volumi dedicati alle avventure del cow-boy Tommy River, di Martin Cooper e le collaborazioni con i più importanti disegnatori italiani, tra i quali Hugo Pratt, Milo Manara, Grazia Nidasio, Mario Uggeri, Aldo Di Gennaro, Dino Battaglia, Sergio Toppi e Attilio Micheluzzi.

Terminata la collaborazione con il Corrierino, assunse la direzione del quotidiano La Provincia Pavese, incarico che lasciò ben presto per dedicarsi alla scrittura di romanzi e, soprattutto, di saggi e biografie di argomento storico.

Notevole anche la produzione di genere fantasy per adulti, della quale occorre citare Fantasma d'amore, trasposto nell'omonima opera cinematografica da Dino Risi, e Selina, dal quale Carlo Lizzani ha tratto lo sceneggiato televisivo La trappola.

Assai originale l'approccio al genere poliziesco con la produzione di alcuni gialli storici incentrati sulla figura di Melchiorre Ferrari, commissario dell’Imperiale Regia Delegazione di Polizia del Lombardo-Veneto e ambientati nella Pavia di metà Ottocento.

Assumono particolare importanza i libri sulla storia di Pavia, le biografie di Giuseppe (del 1982) e Anita Garibaldi (del 1995), parte di un percorso risorgimentale che era in iniziato, nel 1971, con la meticolosa ricostruzione della Battaglia di Solferino e San Martino, quest'ultima firmata con lo pseudonimo di Stelio Martelli nell'edizione originale e riedita, quasi quarant'anni dopo, con una corposa appendice curata dall'Associazione Storica Medolese.

Vincitore di numerosi premi letterari, in occasione dell'ottantesimo genetliaco, è stato celebrato dalla sua Città con la mostra Le mani di Mino, curata da Grazia Nidasio e dal MUF, che ripercorre le tappe più significative della sua sterminata produzione letteraria e fumettistica.

Per la sua opera di storico, nel 2011 il Comune di Medole ha conferito a Mino Milani la cittadinanza onoraria.

Stile[modifica | modifica wikitesto]

Gianni Rodari dice di lui:

«Mino Milani […] non è un romanziere d'una volta, ma uno scrittore d'oggi, contemporaneo del cinematografo e della TV, due invenzioni con le quali ha fatto da un pezzo i suoi conti, traducendo in una tecnica moderna la loro grande lezione: narrare per immagini ritmando velocemente l'azione.»

(Gianni Rodari, Presentazione a Efrem soldato di ventura di Mino Milani)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— Roma, 2 giugno 2008.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi e racconti[modifica | modifica wikitesto]

Ciclo di romanzi di Tommy River:

  • Tommy River (1960)
  • Il ritorno di Tommy River (1961)
  • Tommy River e il Tuerto (1962)
  • Tommy River e lo Scozzese (1964)
  • Tommy River sulla via del Nord (1965)
  • L'avventura di Tommy River (1968)
  • Tommy River e la lunga pista (1970)
  • Tommy River, addio (1976)

Ciclo dell'Imperial Regio commissario Melchiorre Ferrari:

  • Il vampiro di Piazza Cavagneria, Ponzio, 1983
  • Quel muto pavese dal laccio al collo, Ponzio, 1984
  • La ricamatrice di Porta Salara, Ponzio, 1989
  • Come fu che l'anello di san Siro finì a Boston, Ponzio, 1991 - Effigie, 2013, ISBN 978-88-97648-15-4
  • Pellegrina, ossia un duello a Pavia, ovvero una questione di rose, Ponzio, 1993
  • Un mostro a Pavia, Ponzio, 1995
  • L'annegata di Borgobasso, Ponzio, 1997
  • Il mistero di Carona, Ponzio, 1999
  • Ed ora, Ferrari?, Ponzio, 1999
  • Che cosa fece Ravetta in Francia, Ponzio, 2000
  • Lama triangolare. Ossia l'amara notte del commissario Ferrari, Ponzio, 2002, ISBN 978-88-89214-08-4
  • Il Vampiro di piazza Cavagneria - La ricamatrice, Effigie, 2006, ISBN 978-88-89416-45-7
  • Un'altra sconfitta, Ferrari, Effigie, 2008, ISBN 978-88-89416-67-9
  • Dopo trent'anni, Effigie, 2009, ISBN 978-88-89416-77-8
  • La donna che non c'era, Effigie, 2010, ISBN 978-88-97648-01-7
  • Storia ingrata, Effigie, 2015, ISBN 978-88-97648-56-7
  • Il castello, Effigie, 2016, EAN 9788897648833

Saggistica, arte e storia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pavia e i suoi territori nel risorgimento d'Italia, Tipografia del Libro, 1959
  • Garibaldi e i Mille, Ripartizione Educazione Comune di Milano, Tipografia Cirillo Del Duca, Milano, 1960
  • Pavia e la spedizione dei Mille, Tipografia del Libro, Pavia, 1960
  • Storia popolare di Pavia. Primo millennio, E.P.T. (Tip. Fusi), 1967
  • Mille860, Mursia, 1967
  • Da Caporetto al Piave, Gruppo Editoriale Fabbri, 1970
  • Eisenhower, Gruppo Editoriale Fabbri, 1970
  • La grande avventura dell'uomo. Studio e interpretazione del genere umano ideato, Milano, AMZ, 1970-1975. 8 volumi (illustrato da Cesare Colombi)
  • Le battaglie di Solferino e San Martino, Edizioni Varesina Grafica, Azzate, 1971
  • La strage dei Romanov, Mondadori, 1973
  • L'assassinio di Rasputin, Mondadori, 1973
  • Civilization Makers, Tom Stacey Ltd, 1973, ISBN 978-0-85468-200-3
  • Mazzini, Mondadori, 1974
  • I grandi contestatori: Mazzini, Rizzoli, 1974
  • La crociera del «Maddaloni». Vita e morte di Nino Bixio, Mursia, 1977
  • Il Ticino di Pavia, Luigi Ponzio, 1979
  • Uomini che non ebbero paura, EMP, 1980
  • No alla violenza. Martin Luther King, Mohandas K. Gandhi, Massimiliano Kolbe, Anna Frank, EMP, 1981
  • Padre Kolbe, EMP, 1982
  • La presa di Gaeta, Gruppo Editoriale Fabbri, 1983
  • La breccia di porta Pia, Gruppo Editoriale Fabbri, 1983
  • Storia di Pavia. Una grande storia in breve, Camunia, 1985
  • Il castello di Beatrice duchessa di Milano, Libreria Cardano, 1987, (con Vincenzo Bellini e Alberto Cuomo)
  • Gerolamo Cardano, Camunia, 1990
  • Il fiume non si ferma. Le «Camicie rosse» in Uruguay, Mursia, 1994
  • Boezio. L'ultimo degli antichi, Camunia, 1994
  • La santa Allegranza. L'alba del risorgimento italiano, Mursia, 1994
  • Strade d'Oltrepò, Todaro, 1998, ISBN 978-88-86981-13-2 (con Gianluca Bucci)
  • Storia avventurosa di Pavia, Luigi Ponzio, 1998-1999
  • Pavia la bella, Luigi Ponzio, 2000
  • La storia di Enrico VIII e delle sue sei mogli, Einaudi, 2001
  • Pavia the beautiful. A suggestion for a walk, Stroud Abbiati L. M., 2003
  • Risorgimento pavese, Effigie edizioni, 2004
  • Arduino e il Regno italico, De Agostini, 1988
  • Giuseppe Garibaldi. Biografia critica, Mursia, 1982 (con prefazione di Giovanni Spadolini)
  • Anita Garibaldi. Vita e morte di Ana Maria de Jesus, Camunia, 1995 (in collaborazione con Ivan Boris)
  • Il mio cielo d'oro, Effigie, 2004
  • Le battaglie di Solferino e San Martino, Edizioni GAM, 2008 (con appendice ASM)
  • Piccolo Destino, Mursia, 2010
  • Due di Mille, Edizioni GAM, 2011 (con ASM)
  • Vita e morte di Nino Bixio, Mursia, 2011
  • Garibaldino senza saperlo, Mursia 2011
  • Dall'impero alla Repubblica. 1470 anni di storia italiana, Mursia 2012
  • Storia di Tundra. Vita avventurosa di Tiziano Marchesi, Effigie, 2012, ISBN 978-88-97648-13-0
  • Patatrac, Edizioni Barion 2013 ISBN 978 8867590056
  • Ulisse racconta, Einaudi ragazzi, 2015 Disegnatore: Amalia Mora
  • Miti e leggende di Roma antica, Einaudi ragazzi, 2017, EAN 9788866564188, ISBN 8866564184
  • Latin lover. Detti latini per tutte le occasioni, 2018, Einaudi, EAN 9788866564508

Fumetti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia critica[modifica | modifica wikitesto]

  • In viaggio con Mino Milani. Un percorso tra casi editoriali in occasione dei suoi 90 anni, presentazione di Roberto Cicala, Edizioni Santa Caterina, Pavia 2018

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN29537966 · ISNI (EN0000 0000 8108 0671 · SBN IT\ICCU\CFIV\010752 · LCCN (ENn80066718 · GND (DE119447282 · BNF (FRcb11916088r (data) · NLA (EN35810605