Marco D'Alessandro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marco D'Alessandro
Marco D'Alessandro 02.jpg
D'Alessandro all'Atalanta nel 2016
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173[1] cm
Peso 71[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Squadra SPAL
Carriera
Giovanili
2003-2005Lazio
2005-2009Roma
Squadre di club1
2008-2009Roma3 (0)
2009-2010Grosseto29 (1)
2010-2011Bari11 (0)
2011Livorno13 (0)
2011-2012Verona27 (1)[2]
2012-2014Cesena71 (5)[3]
2014-2017Atalanta71 (4)
2017-2018Benevento16 (1)
2018-2019Udinese21 (0)
2019-SPAL3 (0)
Nazionale
2007Italia Italia U-164 (0)
2007-2008Italia Italia U-1711 (3)
2009Italia Italia U-181 (0)
2009-2010Italia Italia U-1910 (1)
2010-2011Italia Italia U-201 (0)
2010-2013Italia Italia U-2110 (0)[4]
Palmarès
Transparent.png Torneo di Tolone
Bronzo Tolone 2011
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 settembre 2019

Marco D'Alessandro (Roma, 17 febbraio 1991) è un calciatore italiano, centrocampista della SPAL in prestito dall'Atalanta.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È un esterno d’attacco in grado di giocare sia nel 4-4-2, che nel 4-3-3 o 4-2-3-1. A discapito delle qualità realizzative si dimostra molto abile nel dribbling e nel crossare un gran numero di palloni dal fondo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel vivaio della Lazio prima, e in quello della Roma poi, esordisce in Serie A il 21 marzo 2009, a 18 anni, sostituendo Jérémy Ménez all'82º della partita contro la Juventus persa per 4-1[5]. Nel finale di stagione viene regolarmente convocato dal tecnico Spalletti e ottiene altre due presenze in campionato contro Fiorentina[6] e Torino[7].

Grosseto[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 luglio 2009 passa in prestito al Grosseto in Serie B, con diritto di riscatto e controriscatto.[8] Sigla la sua prima rete da professionista il 24 ottobre 2009 contro il Cesena, nella gara terminata 2-2.[9] Contribuisce all'ottima stagione del Grosseto, che si classifica settimo, con 29 presenze in campionato.

I prestiti a Bari e Livorno[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 luglio 2010 passa al Bari con la formula del prestito con diritto di riscatto della metà del cartellino, esordendo nella partita giocata contro il Cagliari il 19 settembre 2010[10]. Realizza il suo primo gol con il Bari il 1º dicembre, nella partita di Coppa Italia vinta per 4-1 contro il Livorno al San Nicola, fornendo anche un assist.[senza fonte]

Il 31 gennaio 2011 passa al Livorno in Serie B, con la formula del prestito con diritto di riscatto per la metà.[11] Il 12 febbraio esordisce con la maglia amaranto nella partita di campionato contro il Portogruaro (0-2) subentrando ad Ahmed Barusso al 45º.[12] A fine stagione totalizza 13 presenze in campionato.

Hellas Verona[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver fatto rientro alla Roma, il 12 agosto 2011 il giocatore viene nuovamente ceduto in prestito con diritto di riscatto al Verona, neopromosso in Serie B[13]. Esordisce con il Verona il 20 agosto, nella partita del terzo turno di Coppa Italia vinta ai rigori contro il Sassuolo (3-3 nei 90 minut regolamentari), nella quale realizza un gol nel secondo tempo, appena dopo il suo ingresso. Il 26 agosto fa il suo esordio in campionato entrando al 46º minuto nel corso della partita contro il Pescara. Il 16 settembre realizza il primo gol in campionato nella partita interna contro il Padova, terminata 2-2.[14]

Cesena[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 luglio 2012 passa al Cesena con la formula del prestito con diritto di riscatto.[15]Segna il suo primo gol con i bianconeri, nella gara di Coppa Italia contro il Crotone, partita vinta dal Cesena per 3 a 2. Conclude la prima stagione con 34 presenze e 3 gol stagionali.

L'8 luglio 2013, dopo aver prolungato il contratto con la Roma,[senza fonte] viene confermato il prestito al Cesena anche per la stagione 2013-2014, stavolta con diritto di riscatto della compartecipazione.[16] Al termine della seconda stagione raccoglie 44 presenze stagionali e tre reti.

Atalanta[modifica | modifica wikitesto]

D'Alessandro in allenamento con la maglia dell'Atalanta.

Il 2 luglio 2014 viene ceduto all'Atalanta per 3 milioni di euro a titolo definitivo[17]; fa il suo esordio in neroazzurro il 14 settembre 2014 giocando da titolare nel match contro il Cagliari vinto 2-1.

Segna la sua prima rete in carriera in Serie A il 6 gennaio 2016 nella sconfitta per 2-1 sul campo dell'Udinese, accorciando le distanze nel finale di partita.

Benevento[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 luglio 2017 viene ceduto in prestito al Benevento, neopromosso in Serie A[18], con obbligo di riscatto in caso di salvezza del club sannita[19]. Segna il suo primo ed unico gol stagionale allo stadio Ciro Vigorito, nella settima di campionato, durante la sconfitta casalinga per 1-2 contro l'Inter.

Udinese[modifica | modifica wikitesto]

Viene ceduto all’Udinese durante l'ultimo giorno di mercato estivo incluso nello scambio con Ali Adnan sulla base di un prestito con diritto di riscatto in favore dei bianconeri[20].

SPAL[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2019 l'Atalanta lo gira alla SPAL in prestito con obbligo di riscatto al verificarsi di determinate condizioni.[21]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 novembre 2010 esordisce con l'Under-21 nella partita amichevole contro la Turchia (2-1) disputata a Fermo.

Il 23 maggio 2011 viene convocato dal Ct Ciro Ferrara per il Torneo di Tolone, competizione riservata all'Under-21. Il 3 giugno 2011 esordisce al Torneo di Tolone nella partita Italia-Portogallo 1-1. Si tratta della sua prima presenza in competizioni ufficiali con la maglia dell'Under-21 dopo le 6 collezionate nel corso delle amichevoli internazionali. Il 20 giugno 2011 realizza il rigore decisivo in Italia-Messico; Finale 3º e 4º posto del Torneo di Tolone. La partita è terminata sul risultato di 6-5 dopo l'1-1 dei tempi regolamentari.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 18 settembre 2019.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2008-2009 Italia Roma A 3 0 CI 0 0 UCL 0 0 SI 0 0 3 0
2009-2010 Italia Grosseto B 29 1 CI 1 0 - - - - - - 30 1
2010-gen. 2011 Italia Bari A 11 0 CI 2 1 - - - - - - 13 1
gen.-giu. 2011 Italia Livorno B 13 0 CI - - - - - - - - 13 0
2011-2012 Italia Verona B 27+1[22] 1 CI 2 2 - - - - - - 30 3
2012-2013 Italia Cesena B 32 2 CI 2 1 - - - - - - 34 3
2013-2014 B 39+3[22] 3 CI 2 0 - - - - - - 44 3
Totale Cesena 71+3 5 4 1 - - - - 78 6
2014-2015 Italia Atalanta A 25 0 CI 2 0 - - - - - - 27 0
2015-2016 A 23 3 CI 2 0 - - - - - - 25 3
2016-2017 A 23 1 CI 3 0 - - - - - - 26 1
2017-2018 Italia Benevento A 16 1 CI 1 0 - - - - - - 17 1
ago. 2018 Italia Atalanta A - - CI - - UEL 1[23] 0 - - - 1 0
Totale Atalanta 71 4 7 0 1 0 - - 79 4
2018-2019 Italia Udinese A 24 0 CI 0 0 - - - - - - 24 0
2019-2020 Italia SPAL A 3 0 CI 1 0 - - - - - - 4 0
Totale carriera 273 11 18 4 1 0 0 0 292 15

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Corrieredellosport.it Archiviato il 2 aprile 2015 in Internet Archive.
  2. ^ 28 (1) se si comprendono i play-off.
  3. ^ 74 (5) se si comprendono i play-off.
  4. ^ 11 se si considera l'amichevole non ufficiale disputata il 19 gennaio 2011 contro il Bellinzona.
  5. ^ Roma-Juve, bianconeri sul 4-1[collegamento interrotto], corrieredellosport.it, 21 marzo 2009.
  6. ^ gazzetta.it, 25 aprile 2009, [http://www.gazzetta.it/Calcio/SerieA/Squadre/Fiorentina/Primo_Piano/2009/04/25/fio-rom.shtml=Fiorentina, prova di forza Roma travolta 4-1: 4º posto http://www.gazzetta.it/Calcio/SerieA/Squadre/Fiorentina/Primo_Piano/2009/04/25/fio-rom.shtml=Fiorentina, prova di forza Roma travolta 4-1: 4º posto].
  7. ^ sportmediaset.mediaset.it, 31 maggio 2009, retrocessione con beffa http://www.sportmediaset.mediaset.it/calcio/articoli/articolo23930.shtml=Torino: retrocessione con beffa.
  8. ^ D'Alessandro al Grosseto: "Una grande occasione", Laroma24.it, 30 luglio 2009.
  9. ^ Cesena-Grosseto 2-2[collegamento interrotto], Cesenacalcio.it, 24 ottobre 2009.
  10. ^ Preso Marco D'Alessandro, asbari.it, 15 luglio 2010 (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2010).
  11. ^ D'Alessandro e Antunes a Livorno
  12. ^ Portoguaro-Livorno 0-2, legaserieb, 12 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2015).
  13. ^ UFFICIALE: Verona, dalla Roma arriva D'Alessandro
  14. ^ Pareggio elettrico tra Verona e Padova
  15. ^ Belardi, Gessa e D'Alessandro in bianconero, su cesenacalcio.it. URL consultato il 10 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2012).
  16. ^ D'Alessandro vestirà bianconero anche nel 2013/2014 Archiviato il 22 gennaio 2015 in Internet Archive. Cesenacalcio.it
  17. ^ Operazioni di mercato del 04.07.2014 (PDF), asroma.it, 4 luglio 2014.
  18. ^ UFFICIALE: Benevento, preso D'Alessandro dall'Atalanta - TUTTOmercatoWEB.com. URL consultato il 20 luglio 2017.
  19. ^ Benevento, fatta per D'Alessandro, su corrieredellosport.it.
  20. ^ Benvenuto Marco D'Alessandro!, su udinese.it, 17-08-2018. URL consultato il 17-08-2018.
  21. ^ https://www.goal.com/it/notizie/calciomercato-spal-dalessandro-e-ufficiale-prestito-dallatalanta-/ahyhh0zpbold196adyf5c8uc9
  22. ^ a b Play-off.
  23. ^ Nei turni preliminari.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]